SANREMO 2010 – NUOVA GENERAZIONE: VINCE TONY MAIELLO con “Il linguaggio della resa”

_Ernest Ev_

Pubblicità

Tony Maiello è il vincitore di Sanremo 2010, categoria giovani.

Il televoto ha voluto che fosse il concorrente della prima edizione di Xfactor a vincere questo 60° festival della canzone italiana (categoria giovani), sancendo il trionfo dei talent su questo Sanremo, semmai ci fosse stato bisogno di questa ulteriore conferma. Tony è, infatti, una delle creature del talent di Raidue che quest’anno regala al palco dell’Ariston anche Marco Mengoni e Noemi, se a questi aggiungiamo, poi, la partecipazione di Valerio Scanu (lui arriva da Amici), completiamo il quadro di un Sanremo che diviene sempre più un prodotto da talent, quasi un derivato, delegando l’antica funzione di fucina di talenti ai programmi suddetti.

La componente patetica, prerogativa del talent, irrompe anche sul palco dell’Ariston, così all’emozione legittima del vincitore, si associa quella dirompente e viscerale del padre, che irrompe sulla scena stritolando il figlio in un abbraccio esasperato dalla forte emozione.

Oggi, Maiello ha trionfato a Sanremo, domani chissà non possa essere Xfactor a trionfare su Sanremo, con la vittoria di Mengoni (favoritissimo) o Noemi.

Il testo della canzone vincitrice – “Il linguaggio della resa”

Lui è lì e ricorda
sente la sua assenza
sveglio da più di un’ora ripensa a lei ancora
che l’abbracciava forte
durante quella notte di neve e di luce
L’orologio non gira
lo stereo non suona
tutto ora riposa nella sua stanza vuota
si chiude così una storia
com’è strana questa notte perchè
lei non c’è
Il tempo cambia ti spezza e ti lega

E’ il linguaggio della resa
la sua anima si è spenta
perchè dimentica l’attesa
tanto sà già che lei non tornerà
non ritornerà
E’ il linguaggio della resa
il suo cuore ormai non spera
perchè sognare non aiuta
tanto sà già che lei non cambierà
lei non cambierà

Perso nei desideri
tra mille pensieri
ricordi di ieri
fanno tremare e tremi
non riesci a stare fermo
vorresti dare un senso al tempo
che cambia spezza e ti lega

E’ il linguaggio della resa
la sua anima si è spenta
perchè dimentica l’attesa
tanto sà già che lei non tornerà
non ritornerà

Queste parole non fanno rumore ma riescono a dire che
la strada continua anche senza di lei
senza di lei
la strada più difficile

E’ il linguaggio della resa
il suo cuore ormai non spera
perchè sognare non aiuta
tanto sà già che lei non cambierà
lei non cambierà

Il linguaggio della resa è quando la tua vita all’improvviso cerca di cambiare faccia ma lo fà in silenzio fugge le emozioni e viaggia nella luce anche senza di lei
senza di lei

Televisione

Pubblicità

Lascia un commento

*