La ragazza americana – Prima parte del 07/11/2011 – Anticipazioni, cast e trama.

Dopo il grande successo di Cenerentola e di altre fiction, tra queste Una sera d’ottobre, Vanessa Hessler è anche la protagonista di La ragazza americana, la nuova miniserie di Raiuno in onda stasera e domani sera.

Interpreti e personaggi principali: Vanessa Hessler (Susan); Giulio Berruti (Vasco); Ilaria Occhini (Bice); Orso Maria Guerrini (Bartolo).

Trama generale – Susan è una ragazza americana che arriva in un antico borgo toscano dove suo nonno, un duca, le ha lasciato in eredità. Tutti l’accolgono con freddezza: l’unica che è gentile con lei è la governante del duce, Bice. Susan però poi incontra un ragazzo che fa il maniscalco, Vasco, che la colpisce immediatamente per la sua bellezza. Tra i due nasce quindi subito una grande attrazione. Intanto sull’eredità si apre una grossa disputa legale perchè, sebbene la rragazza ne sia all’oscuro, all’interno del castello è contenuta un’opera originale di Leonardo Da Vinci.

Ed ora la trama dettagliata della prima parte in onda stasera.

Susan Henderson è una bella ragazza del Kentucky che si è appena laureata in letteratura italiana. A indurla a quegli studi è stata sua nonna, che in gioventù aveva sposato il duca toscano Anselmo Foschi. Per Susan l’Italia è un luogo meraviglioso, non ancora visitato, pieno di suggestioni e di fascino. Figurarsi la sua felicità quando riceve la lettera di un notaio di Arezzo, che la convoca nel suo studio per “comunicazioni riguardanti un’eredità lasciatale da suo nonno, il duca Foschi”. Invano trattenuta dal suo boy friend Billy – un giovane avvocato che la ama perdutamente – Susan prende il primo volo per Roma e… si precipita ad Arezzo, dove apprende di aver ereditato un castello completo di arredi e un antico borgo. Curiosa com’è di andare a scoprire le sue “radici italiane”. Susan si precipita al borgo aretino e scopre che il castello è un palazzotto malandato e fatiscente. Il borgo, che invece è tenuto benissimo, è abitato da un gruppo di famiglie che non vogliono saperne di lei: il duca, infatti, ha lasciato loro le casette e i negozi in usucapione. E loro, che le hanno ristrutturate a proprie spese, non vogliono certo vedersele portar via da “un’ americanina” piombata in Italia dal Kentucky.

L’unica persona che la accoglie con gentilezza è l’anziana governante del duca, Bice, che la invita ad affidarsi al legale di fiducia del nonno buonanima. L’avvocato Baruccini spiega a Susan che la questione è complicata, farraginosa, che la giustizia italiana va per le lunghe. La cosa migliore è affidare a lui la vendita del castello. Alla complicata questione dell’usucapione ci si penserà poi, con calma.

Ma Susan, che ha un caratterino battagliero, non ha alcuna voglia di cedere. Oltretutto, il suo Billy, che dall’America la tampina di telefonate, pretende di occuparsi personalmente della questione, aiutato da un collega che è un esperto di immobiliarismo internazionale.

Peccato che il soggiorno di Susan al borgo sia difficile: il paese è schierato contro di lei, la gente ha issato un minaccioso striscione davanti alle sue finestre, e tutti si sono costituiti in un comitato “per la difesa del borgo”. E nominano come legale un’avvocatessa giovane e pungente: Nilde, fidanzata con un bellissimo maniscalco che ha la bottega proprio davanti al portone del castello.

Frugando nelle stanze abbandonate dell’avita magione, nel tentativo di cercare qualche documento riguardante l’usucapione, Susan trova una piccola stanza segreta di cui Bice non le ha parlato. Qui c’è un baule che nasconde il diario d’una ragazza che parla di certe “malefatte del duca”. Susan si infila il diario in tasca e, per non farsi scoprire da Bice che sta sopraggiungendo, esce da una finestra del palazzo. Ma mette un piede in fallo e precipita su un tendone che la deposita dolcemente su un mucchio di fieno sistemato nel retrobottega del maniscalco. Nel vedere la bellissima ragazza che gli è piombata dal cielo, il giovanotto dimentica che quella è “la nemica” del borgo. La verità è che i due sono su “fronti opposti”, ma si piacciono. Susan, che ha la testa sulle spalle, decide – dopo una notte in cui il castello sembra abitato da fantasmi, e in cui le viene rubato il telefonino e anche il diario da lei rinvenuto – di partire e di affidare ogni questione all’avvocato Baruccini. Ma l’ultima sera del suo soggiorno, Susan non rinuncia a incontrare il maniscalco Vasco. E da lui si fa portare in un luogo indicato nel diario come custode di un segreto: una magnolia nel parco naturale sull’Arno, nei pressi del ponte Buriano. Sotto le radici di quella pianta i due trovano una piccola bara con il corpicino di un neonato. E un attimo dopo vengono arrestati dai carabinieri subito sopraggiunti.