La prova del cuoco – Puntata del 08/11/2011 – ‘Chi batterà lo chef?’, il dolce di Anna Moroni, la maestra in cucina e tante ricette.

Dopo la breve anteprima, ecco Antonella sulle note della sigla. Saluta tutti, qualche battuta con il maestro Andrea e sensibilizza a donare per l’Airc.

Si inizia subito con ‘Chi batterà lo chef?’. A sfidare Marco Parizzi  ci sono oggi Anna Temporitti e Pinuccia Nobile, zia e nipote, che hanno portato come ingredienti: patata, formaggio bitto e casera, farina 000, farina di grano saraceno, salvia, burro e verza.

L’ingrediente segreto dato dalla produzione che devono obbligatoriamente inserire nella ricetta è la cipolla rossa. Le concorrenti preparano dei pizzoccheri ripieni, mentre Marco con gli stessi prodotti prepara la patata fondente con la cipolla rossa. Si inizia e le concorrenti parlano: la nipote ha 25 anni, lavora nel campo medico come riabilitatore psichiatrico e parla del rapporto speciale con la zia, sorella della mamma. Vivono all’ultimo piano di un palazzo nello stesso pianerottolo, la nipote ha una sorella di un anno più piccola, mentre la zia, che è tecnico di laboratorio in ospedale, ha tre figli: un maschio e due femmine.

Parlando anche dei matrimoni di due figli della zia e di quello della nipote, sposa l’anno prossimo la gara volge al termine. I piatti vengono sistemati ed entra quindi il giudice Heinz Beck, per… assaggiare e valutare le due proposte. E a vincere è ancora una volta il piatto preparato dallo chef. Heinz dice l’ha trovato più naturale, senza nula togliere alle sfidanti.

Ed ora ‘il ballo della casalinga‘ introduce Anna Moroni e il suo spazio del martedì dedicato alla piccola pasticceria casalinga. Annina dice che non vuole ballare, perchè i suoi nipoti l’hanno vista su youtube. Oggi prepara una deliziosa torta di mandorle e marmellata di amarene. Ecco gli ingredienti.

La ricetta è facile perchè per la base della torta basta mettere tutto nel frullatore: inseriamo quindi il burro, zucchero, uovo, le mandorle, il cioccolato amaro, un pizzico di sale, si frulla tutto e poi si aggiunge la farina, l’acquavite di ciliegia e la vanillina e si frulla il tutto. Il composto ottenuto va quindi messo in frigoriffro a riposare per un’ora, dopo di che è pronto per metterlo nella tortiera. Anzichè stendere l’impasto lo tagliano a fettine, formando alla base della tortiera dei mattoncini, che si attaccano ottenendo così molto più facilemnte la frolla di base della nostra torta.

Si mette sopra la marmellata di amarene spalmandola bene sul composto e infine sopra si decora con delle striscioline di pasta frolla. Si inforna a 180° per 35 – 40 minuti. E buon appetito!

Debutta oggi un maestro in cucina, il primo maschio nel programa. Si chiama Sergio Barzetti, è milanese, ma abita in provincia di Varese, ha fatto l’istituto alberghiero a Milano, insegna ed è consulente di cucina. Ha 36 anni anche se dice ne dimostra 20,22. Per il suo esordio ha pensato una ricetta semplice, ma non banale, ossia dei bocconcini di pollo con speck arancia e invidia belga. Ecco gli ingredienti.

Sergio dice che è abituato a far lavorare, quindi Antonella al lavoro, spremendo le arance, mentre lui affetta finemente il pollo, e riprende Antonella perchè dice che le arance deve spremerle due volte in senso orario e due in quello antiorario.

Adesso scalda una padella antiaderente con un goccino di olio, ci aggiunge lo speck tagliato a filetti piccoli e lo lascia rosolare aggiungendoci anche l’alloro e poi si sfuma con il succo di arancia e si aggiungono i bocconcini di pollo passati nella farina. Si taglia l’invidia belga e si mette a scottare in un’altra padella antiaderente con un goccio di olio e un pizzico di sale. Si impiatta guarnendo con una carota tagliata a pezzetti e …buon appetito!

Ed ora Carlo Cambi ci parla delle castagne, che dice come questo prodotto abbia tantissimi carboidrati, tanto che i celiaci lo possono sostituire con il pane. Racconta come all’inizio del secolo le castagne erano prodotte esclusivamente in Italia. Hanno anche molto amido e molte vitamine, sono perfette per le mamme in gravidanza.

Con le castagne si può far di tutto, dall’arrosto alle tagliatelle, passanso anche per il tiramisù. E propone un bel dolcino: prendiamo delle caldarroste bollite, le riduciamo a purea, aggiungiamo un pochino di vin santo, del miele di castagno e del mascarpone, si amalgama ottenendo una cremina ideale da mspalmare nei biscotti ottenendo una specie di tiramisu.

Gioco della lotteria: vengono assegnati 5 mila euro con la forchetta e 8 mila euro con la tazza. Alla ruota della fortuna esce la mezzaluna, quindi nessun premio aggiuntivo e il montepremi continua così a crscere.

Infine la gara dei cuochi che vede oggi Marco Bottega nel pomodoroMichele Mauri nel  peperone. Con loro ci sono i concorrenti arrivati al secondo giorno di gara, che sono Susanna Porcu e Michele Dessì. Marco racconta che sabato era a vedere Ti lascio una canzone con sua mamma e si è emozionato tantissimo. Susanna ha portato delle foglie di pianta di Mirto e voleva far sentire il profumo ad Antonella, solo che lei l’ha mangiato. E’ amarissimo e c’è voluto un po’ di vino per tirarla su. Susanna racconta che in caso di vittoria del montepremi del venerdì vorrebbe tornare a fare un viaggio in Brasile, parla poi delle sue due figlie ormai grandi e della mamma che vive anora in Sardegna.

Parlando e chiacchierando si arriva così al termine della gara, e avincere stavolta con il 64% di preferenze è la squadra del pomodoro.

A domani con La prova del cuoco.