#Ilpiùgrandespettacolodopoilweekend – I video della prima puntata del 14/11/2011

E’ tornato su Raiuno con quello che, nelle intenzioni dell’artista, doveva essere ‘il più grande spettacolo dopo il week end‘ e che, invece, si è rivelato ‘il più grande bluff dopo il week end‘. Otto anni non sono bastati al talento siciliano per partorire un’idea nuova, un espediente che permettesse di traghettare il varietà Rai, dal passato glorioso, dal presente incerto, nel terzo millennio: solite gag, solite imitazioni, riproposte con deleteria insistenza in tutti gli spettacoli pensati ed animati dall’artista (il bacio al direttore di rete!), l’effetto déjà-vu (persino il ritorno della Riccobono!), i monologhi deboli, a tratti stucchevoli (ancora il racconto delle faide generazionali genitori – figli!), le battute edulcorata (ad Arcore sventolano bandane a mezz’asta… sic!). Ma Fiorello non aveva promesso di voler attendere il sorgere di un’idea ‘forte‘ per tornare sul piccolo schermo? Pochi guizzi, la parodia di XFactor, l’imitazione caricaturale di Lorenza Lei, le scenografie di Daniel Ezralow (ma, in questo caso, il merito non è certo di Fiorello).

Fiorello, insomma, ha deluso, perlomeno chi vi scrive, ma anche quanti, adesso, commentano su Twitter, concordando con Sabina Guzzanti, la quale osserva:

ogni tanto passo su #fiorello, noiosissimo