La prova del cuoco – Puntata dell’01/12/2011 – Tante ricette con Anna Moroni e le maestre in cucina e tanto divertimento.

Sbrilluccicante‘ già da ora, Antonella irrompe in studio, spiegando: “il 1° dicembre ed ho pensato che per me è già Natale!“. Approfittando del clima festaiolo, la conduttrice ringrazia il suo pubblico che, anche in questa stagione così difficile per la prima rete Rai, registra risultati lusinghieri con i suoi programmi, confermandosi il volto di punta della rete: “grazie per gli ascolti!“. Si parte con Annina scatenata nel ballare ‘come è bello far la cuoca da Trieste in giù‘ e pronta per le ricette d’Italia.

Annina è pronta a cucinare un piatto ‘sostanzioso‘, “un modo per dare ai giovani la sostanza con un piatto che non è il classico hamburger e che non è la classica fettina sbattuta in padella“: le pentoline di patate. Ad inviarla alla cuoca tanto petulante, quanto simpatica, per lo spazio dedicato alle ricette d’Italia, è la signora Cesira di Olbia.

Per prima cosa sulla spianatoia si inizia a mettere le patate lessate e schiacciate come per fare la purea, che devono essere ben calde, e si impastano con la farina, poi da questo impasto se ne ricavano delle palline non piccole come le polpette ma nemmeno troppo grandi. Intanto in una padellla antiaderente si fa scaldare l’olio, si fa soffriggere la cipolla e poi si aggiunge la carne di maiale facendola tostare, si sala e poi si sfuma con il vino bianco, si lascia cuocere qualche minuto e poi si aggiungono le verdure (melanzana, peperone e zucchine, i piselli) tagliate a pezzetti, si aggiungono le olive tagliate a pezzetti, i capperi e due uova sode tagliate a pezzetti, si amalgama bene il tutto e si fa cuocere qualche minuto.

Una volta ricavate delle palline dall’impasto di patate si mettono in una pentola alta con abbondante olio bollente e si friggono fino a quando non sono belle dorate. Una volta fritte, si lasciano raffreddare,  poi con l’indice della mano destra, si fanno dei buchi al loro interno e si riempiono con il composto di carne e verdura. Annina sottolinea come con quel ripieno si possa fare di tutto, dalle lasagne, ai cannelloni fino a usarlo come sugo per la pasta. Si impiatta mettendo queste palline di patate ripiene con il composto e intorno il sugo rimasto.  Buon appetito!

E adesso è il momento della canzoncina delle sorelle cotoletta, ce introduce le sorelle Landra, le maestre in cucina di oggi.  Molte sobrie in questo periodo, oggi vestite di nero, parlano del clima nebbioso che c’è a Milano ma del fatto che non faccia ancora freddo. Preparano un piatto che va bene già come piatto natalizio, e si tratta di un anello di agnolotti con salsa di spinaci. Ecco gli ingredienti.

Come prima cosa si mettono a cuocere in acqua bollente e salta gli agnolotti che possono essere comprati o anche fatti in casa. Raccontano del fatto che in casa loro dal 1° dicembre il loro papà diceva alla moglie di fare gli agnolotti per Natale, ogni giorno li faceva ma o eran troppo larghi, o troppo stretti, insomma non andavano mai bene. Arrivava la viglia di Natale e la madre decideva di fare poi il risotto, perchè tutti stufi di mangiare agnolotti.

Adesso si imburra e si fodera anche con carta forno una teglia da ciambella, una volta che ir aviooli sono cotti si scolano, si rimettono in padella e si condiscono con il burro e il parmigiano, si amalgama bene tutto e si mettono nella teglia a forma di ciambella, si schiacciano per bene  (l’ideale è i ravioli averli fatti il giorno prima) e si informano a 180- 200° per 15 minuti.  E si parla delle feste di Natale, Laura e Margherita parlano di come lo festeggiavano da piccole andando a messa a mezzanotte e poi facendo finta di dormire aspettando Babbo Natale.

E ovviamente anche delle decorazioni natalizie: assolutamente sia albero che presepe! Adesso in una padella antiaderente si fa appassire lo scalogno tagliato a pezzetti con un pochino di olio, si aggiungono gli spinaci lessati a vapore, si mescola bene e poi si aggiunge un pochino di farina e di latte, si fa cuocere qualche minuto amalgamando bene e formando una specie di besciamella. Si aggiusta di sale e pepe e poi si frulla col frullatore ad immersione. Si impiatta mettendo l’anello di agnolotti cotto in forno, in mezzo la salsa di spinaci e si decora con un pomodoro.  E buon appetito!

E’ il momento ora di Augusto Tocci che oggi parla di radicchi, nato da erba fino ad arrivare al classico radicchio rosso, di cui ce ne sono diverse varietà. Il radicchio fa molto bene per la nostra alimentazione e si può mangiare sia cotto che crudo. I veneti si sono orientati su quello rosso, i belga su quello chiaro.

Adesso Augusto mette dei tocchi di pane raffermo in una ciotola, ci versa del brodo vegetale per ammorbidirlo, nel frattempo in un apadella antiaderente si mette a stufare il radicchio rosso tagliato a listarelle co un pochino di olio e un pizzico di sale, poi una volta stufato si mette nella ciotola dove c’è il pane, si aggiunge un uovo intero e si amalgama tutto il composto. Si ricavano tipo dei panini con le mani e si mettono a cucoere in forno. Buon appetito!

Ed ora è il momento di mangiare i panini, quelli che prepara Christian Milone. Anche oggi ne fa vedere di tre tipi.

1° panino: funghi, radicchio, noci e taleggio –  si taglia il pane a metà, si olia, si mette il radicchio tagliato a listarelle, il taleggio tagliato a fettine, funghi tagliati a pezzetti, qualche gheriglio di noci, si chiude e si inforna a scaldare. ‘Bello caldo lo voglio’, dice Anna, ma Christian ridendo le dice non è per lei. E infatti lo assaggia Marco. E poi anche Antonella si lascia conincere.

2° panino: salmone, stracchino e sedano –  si taglia sempre il pane a metà, si olia, si spalma da una parte lo stracchino, si mettono sopra delle fette di salmone e sedano tagliato a pezzetti. Ed è pronto per essere assaggiato da Annina, che dice lo trova freddo.

3° panino: mascarpone al caffè, cioccolato e fragole –  si taglia il pane a metà e da una parte si spalma il mascarpone mischiato al caffè, si mette sopra qualche scaglia di cioccolato e delle fragoline di bosco, un pochino di zucchero a velo sopra e si mangia.

Gioco della lotteria: vengono assegnati  4 mila euro con la mezzaluna e  30 mila euro con la frusta. Alla ruota della fortuna esce  la forchetta, quindi nessun premio aggiuntivo.

Infine la gara dei cuochi che vede oggi protagonisti Paolo Zoppolatti nel pomodoro e Cesare Marretti nel peperone, accompagnati rispettivamente da Mario e Silvia, al loro quarto giorno in gara. Mario, simpaticissimo, è ancora a zero vittorie e dice ha scoperto il motivo, a differenza di casa lì non canta mai e quindi non vince.

Mario parla della sua giornata tipo e di quella di suo fratello che vive con lui, a questo punto Antonella dice a Zoppolatti che anche lui potrebbe andare a vivere con suo fratello gemello. Si va poi sull’argomento fidanzate, ma avendo il cuoco superato gli anta non è il caso di palrare di argomenti adatti ad altri cuochi più giovani e carini.

Si arriva così a fine gara, e anche questa volta a vincere è di misura, con il 51%, il pomodoro.

A domani con La prova del cuoco.

———————————————————————————————————————–
UnDueTre.com è anche su Facebook!
Se vuoi essere sempre informato sul mondo dello spettacolo clicca Mi piace su questa pagina
———————————————————————————————————————–