Le pentoline di patate di Anna Moroni

Annina è pronta a cucinare un piatto ‘sostanzioso‘, “un modo per dare ai giovani la sostanza con un piatto che non è il classico hamburger e che non è la classica fettina sbattuta in padella“: le pentoline di patate. Ad inviarla alla cuoca tanto petulante, quanto simpatica, per lo spazio dedicato alle ricette d’Italia, è la signora Cesira. Ecco gli ingredienti.

Per prima cosa sulla spianatoia si inizia a mettere le patate lessate e schiacciate come per fare la purea, che devono essere ben calde, e si impastano con la farina, poi da questo impasto se ne ricavano delle palline non piccole come le polpette ma nemmeno troppo grandi. Intanto in una padellla antiaderente si fa scaldare l’olio, si fa soffriggere la cipolla e poi si aggiunge la carne di maiale facendola tostare, si sala e poi si sfuma con il vino bianco, si lascia cuocere qualche minuto e poi si aggiungono le verdure (melanzana, peperone e zucchine, i piselli) tagliate a pezzetti, si aggiungono le olive tagliate a pezzetti, i capperi e due uova sode tagliate a pezzetti, si amalgama bene il tutto e si fa cuocere qualche minuto.

Una volta ricavate delle palline dall’impasto di patate si mettono in una pentola alta con abbondante olio bollente e si friggono fino a quando non sono belle dorate. Una volta fritte, si lasciano raffreddare, poi con l’indice della mano destra, si fanno dei buchi al loro interno e si riempiono con il composto di carne e verdura. Annina sottolinea come con quel ripieno si possa fare di tutto, dalle lasagne, ai cannelloni fino a usarlo come sugo per la pasta. Si impiatta mettendo queste palline di patate ripiene con il composto e intorno il sugo rimasto. Buon appetito!

CLICCA QUI per il post completo della puntata odierna de La prova del cuoco.