L’infedele – Puntata del 19/12/2011 – Un Natale che piacerebbe ad Hitler? Il caso Casseri ed il razzismo dilagante.

Teletribuno’, ‘servo’ (libero, s’intende), ‘infedele’, semplicemente ‘politiCattivo’. Sedicenti politicanti, influenti opinion leader, impenitenti filibustieri, acuti commentatori imperversano, occupando comode poltrone in salotti (o ‘postriboli’, qualcuno sembra preferire quest’ultimi…) televisivi angusti e quantomai affollati.La politica ‘accende’ la televisione e ‘spegne’ ogni fede. Dunque, sfiduciati ed irati, ci apprestiamo a seguire i teatrini dei politicanti in tv, con piglio critico, con occhio ‘cattivo’. Il ‘politiCattivo’, la rubrica d’attualità di UnDueTre.com, quest’oggi è da Gad Lerner, a L’infedele.

Gad Lerner, infedele per professione, interpreta i malinconici ed alquanto emblematici richiami di Silvio Berlusconi al pensiero di Mussolini in tal modo: “i continui richiami di Berlusconi a Mussolini segnalano il rimpianto per la forza perduta, la nostalgia per l’epoca in cui lui stesso si percepiva come il capo indiscusso degli italiani. Sono sgradevoli, segnalano l’insensibilità democratica dell’ex presidente del Consiglio, confermano il danno inferto dal governo di destra alla coscienza antifascista del paese, ma vanno considerati innanzitutto come un segnale d’impotenza. Berlusconi minaccia fuoco e fiamme, ma nel mentre lui parlava col fido Bruno Vespa due dirigenti del suo partito gli stavano voltando le spalle: Stefania Craxi e Letizia Moratti. Altri transfughi seguiranno, mentre lui continuerà a minacciare sfracelli”.

Stasera su La7 alle 21,10 L’Infedele ha deciso di prendere sul serio il pensiero e l’opera di Gianluca Casseri, l’ideologo di destra con la 357 magnum che martedì 13 dicembre ha assassinato in piazza Dalmazia a Firenze due senegalesi, Diop Mor e Samb Mudou, ferendo gravemente altri loro connazionali. Casseri è davvero solo un pazzoide isolato? Ci aiuterà a rispondere uno degli esponenti più autorevoli e originali del pensiero filosofico italiano, Mario Perniola, ospite per la prima volta dell’Infedele. Nella circostanza presenteremo il suo ultimo breve saggio: “Berlusconi o il ’68 realizzato” (Mimesis). Saranno in studio con noi numerosi esponenti della comunità senegalese in Italia, fra cui Pape Diaw, Pap Khouma e Nelly Diop. E inoltre Siri Nergaard, docente di norvegese all’università di Firenze, per confrontare il caso Casseri all’impresa criminale perpetrata il 22 luglio 2011 fra Oslo e Utoya da Anders Behring Breivik. Si confronterà con loro uno degli intellettuali che diedero vita alla nuova destra italiana negli anni Ottanta, Umberto Croppi, ex assessore alla cultura della giunta Alemanno, oggi esponente di Futuro e Libertà. E inoltre: l’esponente di CasaPound, Andrea Antonini; il deputato europeo della Lega, Matteo Salvini; lo studioso della galassia di destra, Ugo Maria Tassinari (autore di “Fascisteria”, Sperling & Kupfer); l’economista dell’università di Pavia, Giorgio Lunghini, che ha studiato il pensiero “antiusura” di Ezra Pound. Ascolteremo un’intervista con Umberto Eco, bersaglio polemico dell’ultimo libro pubblicato nel maggio scorso dal killer suicida Gianluca Casseri.

Dedicheremo poi uno spazio di riflessione al “dietro le quinte” dell’industria dei concerti in Italia, dopo l’incidente costato la vita al ventenne Francesco Pinna lunedì scorso a Trieste, per il crollo del palco su cui avrebbe dovuto esibirsi Jovanotti. Ne parleranno il manager Toni Soddu e Massimiliano Batic, uno dei facchini presenti al Palasport triestino lunedì scorso.

Intorno alle 23 L’Infedele affronterà un’altra spinosa vicenda che dilania la coscienza dei cittadini di Casale Monferrato, dopo che il consiglio comunale ha deciso di ritirare la propria costituzione di parte civile contro il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny, nel processo Eternit, in cambio di un risarcimento di 18 milioni e 300 mila euro. I morti per amianto si contano a Casale Monferrato, finora , in circa 1800. E’ una scelta accettabile, quella dell’amministrazione comunale? La cifra, poi, è congrua? Ne discuteremo in studio con il sindaco Giorgio Demezzi e con l’insegnante Assunta Prato dell’Associazione familiari vittime dell’amianto. Una nutrita rappresentanza dell’Associazione si collegherà con noi da Casale Monferrato.

Dal blog di Gad Lerner