Chiambretti Sunday Show – Prima puntata del 22 gennaio 2012 – Piero Chiambretti ci riprova in prima serata con Peter Dinklage, Domenico Scilipoti, Marracash e Caterina Balivo.

Ci riprova, il buon Piero Chiambretti. Il conduttore, aostano di nascita e torinese d’adozione, torna di nuovo in prima serata su Italia1. Dopo il flop del Muzik Show dell’11 novembre 2011 (1.636.000 spettatori e l’8,21% fino a 00:45), in cui c’è stata la celebrazione del talento di Laura Pausinila Muzika sta cambiando, come tiene a precisare il sottotitolo del nuovo progetto di Pierino la Peste. Nuovi contenuti per meglio avvicinarsi al mondo attorno a noi, che sta mutando piuttosto rapidamente. Chissà se, stavolta, il progetto di portare il modo chiambrettiano di fare televisione, alquanto di nicchia, avrà finalmente successo in una serata come quella della domenica spesso positiva per Italia1?

Ospiti della puntata: Peter Dinklage, attore americano vincitore di un Golden Globe come miglior attore non protagonista nella serie televisiva Il Trono di Spade e, suo malgrado, affetto dall’acondroplasia, una forma di nanismo (dopo il salto leggerete dei frammenti della sua intervista); l’onorevole Domenico Scilipoti (già protagonista di alcuni spot del programma), che nella conferenza stampa incontrerà sia la gente comune che gli porrà diverse domande e chiarimenti sui più disparati argomenti; Caterina Balivo, conduttrice nota al pubblico della Rai, si racconterà in trasmissione.

Spazio alla muzika in questa trasmissione, col rapper della Barona (quartiere di Milano) Marracash, ma anche all’eterna lotta tra Vasco Rossi e Ligabue, i due cantanti rock di maggior successo della scena italiana. Chi sarà il vincitore?

Nel cast della trasmissione troviamo Platinette, Mago Forest, la Sora Cesira (videomaker di successo con le sue parodie in parlata romanesca) e Alan Friedman. Il Governo tecnico della trasmissione sarà presieduto dal direttore di Sette Giuseppe di Piazza, Gianni Biondillo, Andrea Bacchetti, Costantino della Gherardesca e Gianluca Mech.

Questi sono alcuni stralci dell’intervista a Peter Dinklage, che ha parlato della sua malattia…

Non cambierei il mio successo per 15 cm in più.

…del suo lavoro…

Sono un nano e posso aiutare cause come questa recitando in ruoli non da nani.

…della vittoria ai Golden Globe

Ho dedicato la vittoria a Martin Henderson, un nano che pochi giorni fa è stato picchiato e usato da dei teppisti come una palla. Ho potuto immaginare quanto possa essere stato difficile per lui.

…di politica…

Se alle prossime presidenziali dovesse vincere Mitt Romney (sfidante di Obama alle prossime presidenziali, ndr) mi trasferirei in Italia. Preferisco Milano a Los Angeles.

…e dell’attuale situazione negli Stati Uniti.

Quattro anni per Obama non sono stati abbastanza per risolvere il caos che ha lasciato Bush. L’America di oggi si sta rimpicciolendo, è una società capitalista che sta cadendo a pezzi. La gente ha paura: dopo l’ 11 settembre si è accorta che l’America è vulnerabile.

L’appuntamento col Chiambretti Muzik Show sarà per questa sera alle 21:30 su Italia1.