La prova del cuoco – Puntata del 10/02/2012 – ‘Caccia al cuoco’, ricette di Alessandra Spisni e ‘Casa Clerici’ e altre rubriche.

Breve anteprima e sigla, Antonela, vestita anni ’70, raggiunge il maestro di canto Andrea, saluta tutti, si è in diretta, a Roma non nevica ma la città è deserta, racconta Antonella, che dice di essere arrivata in soli cinque minuti. Andrea è pronto con la sua battuta del giorno ‘una provola ad una caciotta: come lo vorresti il marito? Pieno di grana…’

Si inizia subito con ‘Caccia al cuoco‘, che anche oggi vede due cuochi proporsi in una sfida diretta in cui uno dei due passerà alle fasi successive mentre l’altro viene eliminato, e oggi sono Paolo, valdostano, che propone  gnocchi farciti di formaggio caprino con crema di verudre contro Simone Loi, 25enne romano che propone tra l’altro un agrodolce di peperoni. Parte la sfida, loro lavorano mentre si raccontano e i giurati Paola Ricas e Nicola Santini osservano tutto per poi esser pronti ad emettere i loro giudizi.

Paolo parla di sè al plurale, Santini dice c’è un altro divino Otelma, e Antonella sottolinea come Otelma sia molto seguito all’isola dei famosi, visto che sa ci son persone che la guardano apposta per vedere cosa fa lui. E’ il momento dei giudizi: Santini dice questa volta li ha trovati bravi televisivamente entambi, considerando però il tempo e i piatti vota per Paolo; la Ricas invece dice essere molto in forse perchè le son piaciuti entrambi, soprattutto come hanno spiegato le cose e decide di votare anche lei per Paolo, mentre il pubblico aveva votato per Simone. Passa il turno Paolo, ma non a pieni voti.

Anche questa volta il valzer introduce la mitica ballerina e maestra in cucina Alessandra Spisni. Dopo aver parlato del tempo e del fatto che nonostante il maltempo e i disagi dappertutto lei arrivi e torni a Bologna come se nulla fosse, prepara questa volta un ottimo dolce,le tartellette alla frutta.

Si inizia facendo la pasta frolla e impastando sulla spianatoia tutti gli ingredienti, mettendo prima tutti quelli secchi e poi quelli liquidi e si impasta bene tutto, poi si fa la frolla mettendo in una ciotola 40 gr di farina, 130 gr di zucchero, 3 uova intere e si mescola tutto con il cucchiaio di legno, poi si aggiungono 300 gr di latte e 200 gr di marsala secco, poi trasferiamo tutto il composto in una pentola e facciamo bollire,mescolando bene, mentre si ballano e sentono diverse canzoncine.

Una volta pronta si fa raffreddare e poi si mette nel sacco a poche. Si tira la pasta frolla, la tagliamo a pezzetti, prendiamo degli stampini e li foderiamo con la frolla (dentro a della carta da forno), mettiamo sopra del riso in modo che faccia da peso e inforniamo a 180° per 20 minuti. Una volta cotte le tartellette le togliamo dallo stampino, togliamo il riso e la carta forno e ci mettiamo sopra la crema con il sacco a poche e infine sopra mettiamo i frutti di bosco, o in alternativa frutta a piacere (qualsiasi tranna la mela che è poco adatta). Spolveriamo di zucchero a velo e…buon appetito!

Antonella raggiunge adesso Gianfranco Pascucci, che oggi prepara come sempre un piatto di pesce. Prende le alici e fa un raviolo liquido di patate alle erbe con alici. Taglia a quadratini delle patate rosse, le mette in un pentolino dove ha fatto sudare del lardo tagliato a pezzetti, alloro e capperi, fa stufare le patate tagliate finemente e poi ci aggiunge del brodo vegetale lasciando cuocere per una decina di minuti.

Alla fine mette un po’ di colla di pesce affinchè diventi più consistente il composto, poi si frulla e si mette in frigorifero. Questo è il composto con cui si riempiono i ravioli (sfoglia fatta dalla Spisni nel classico modo). Li cuociamo e poi li condiamo con una crema alle erbe (erbe invernali di stagione ossia foglie di sedano, di spinaci, pimpinella, ecc) fatta nello stesso modo con cui sono state preparate le patate e poi frullata. Rosoliamo le alici in padella con un goccio di olio, aggiungendo qualche pomodorino.

Ed ora Casa Clerici, con Antonella che oggi, dal suo ultimo libro, prepara le patate alla carbonara. Per prima cosa si taglia la pancetta a dadini e si mette poi ad abbrustolire in una padella con appena un goccio di olio.

Si pelano poi le patate, le tagliamo a pezzettini piccoli e le sbollentiamo in acqua e sale per 10 minuti. Una volta cotte le patate, le scoliamo e le mettiamo a rosolare nella padella insieme alla pancetta.

In una ciotola mettiamo un uovo intero e un tuorlo, aggiungiamo un bel cucchiaio di parmigiano, un cucchiaio di pecorino, un pochino di latte, sale e pepe e amalgamiamo bene tutto e versiamo il composto nella padella dove ci sono le patate a la pancetta. Serviamo poi mettendo sotto del pane abbrustolito. Buon appetito!

Infine la gara dei cuochi, che vede nel pomodoro Cristian Bertol e nel peperone Paolo Zoppolatti. Con loro le due concorrenti Ilenia Bombardi e Luana Chiarenza, la cui sfida di oggi è decisiva per l’assegnazione del montepremi settimanale di 5mila euro.

Ilenia, che è appassionata di ballo, chiede di esibirsi ed ecco che con suo marito balla la mazurka. Luana invece parla del fatto che prendendo spunto da ormai ben nove anni fa quando il cuoco ebbe un’appendice in access per qualche settimana, ha copiato un presepe fatto con i dolci che aveva fatto Annina e lo ha fatto per sua figlia. Ed ecco che al telefono interviene anche la sua bambina, di 10 anni, che le fa i complimenti.

E tra una battuta e l’altr,a con Ilenia che dice Cristian lo conosceva già visto che è andata a mangiare nel suo ristorante due anni fa, con lui che dice epccato è  sposata e con Anto che dice che una volta o l’altra prende le botte dai mariti, arriviamo a fine gara. Paola Ricas, che ha osservato tutto, assaggia le proposte e assegna 3 punti al pomodoro e 2 al peperone. Essendo le concorrenti in parità, vince il premio di 5mila euro Ilenia.

A domani con La prova del cuoco.

———————————————————————————————————————–

UnDueTre.com è anche su Facebook e su Twitter!

Se vuoi essere sempre informato sul mondo dello spettacolo clicca Mi piace su questa pagina e seguici su Twitter.

———————————————————————————————————————–