62° Festival di Sanremo – Prima serata del 14/02/2012 – Live e foto.

Comincia questa sera il 62° Festival di Sanremo, condotto per la seconda volta consecutiva da Gianni Morandi, che stavolta si farà affiancare da Rocco Papaleo e dalla modella Ivanka Mrazova. Tutte le serate saranno in onda alle 20:40. Anche quest’anno ci sarà il passaggio di testimone con la scorsa edizione e, infatti, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, mattatori dell’anno scorso, introdurranno sul palco il cantante di Monghidoro.

Intorno alle 22:30 assisteremo al momento più importante e atteso di tutto il Festival. Sul palco del Teatro Ariston salirà Adriano Celentano. Il Molleggiato si presenterà con un monologo di 40 minuti (e forse anche di più) su un palco che ritrarrà uno scenario apocalittico (previste anche 40 comparse). Tuttavia, la sua presenza sarà solo una parte di tutta la serata, in quanto la kermesse è prima di ogni cosa una gara tra canzoni.

Il format della gara sarà lo stesso che ha caratterizzato le ultime due edizioni. Vi prenderanno parte 14 canzoni nella Categoria Artisti (modo più moderno per definire i Big) e a giudicarle sarà la giuria demoscopica. In base alla graduatoria dei voti ottenuti si decreteranno i due brani che non saranno ammesse alla seconda serata. Inoltre, verranno presentati gli 8 brani che prenderanno parte alla competizione SanremoSocial (nuova definizione per le Nuove proposte).

Questo è l’ordine delle esibizioni che si susseguiranno in questa serata:

  1. Dolcenera – Ci vediamo a casa
  2. Samuele Bersani – Un pallone
  3. Noemi – Sono solo parole
  4. Francesco Renga – La tua bellezza
  5. Chiara Civello – Al posto del mondo
  6. Irene Fornaciari – Il mio grande mistero
  7. Marlene Kuntz – Canzone per un figlio
  8. Emma Marrone – Non è l’inferno
  9. Eugenio Finardi – E tu lo chiami Dio
  10. Loredana Bertè e Gigi d’Alessio – Respirare
  11. Nina Zilli – Per sempre
  12. Pierdavide Carone e Lucio Dalla – Nanì
  13. Arisa – La notte
  14. Matia Bazar – Sei tu

20:35 – Comincia ufficialmente l’anteprima della prima serata del Festival di Sanremo. Notare le inquadrature alle bottigliette di Acqua Lete che ci ricordano come in Rai il product placement è pratica diffusa.

20:40 – Terminato questo product placement, finisce l’anteprima. Ricordiamo che Ivanka Mrazova non sarà sul palco dell’Ariston a causa di un improvviso attacco di cervicale e a sostituirla ci saranno Belen Rodriguez e Elisabetta Canalis.

20:45 – La sigla dell’Eurovisione ci intima che mancano davvero pochi secondi all’inizio di questa 62^ edizione del Festival. Si comincia con un amarcord di Luca e Paolo che cantano Ti sputtanerò, dedicato a Fini e Berlusconi. I due si abbracciano e cantano un nuovo brano sulle note di Uomini soli dei Pooh. Dietro c’è un pallone con un monoscopio d’epoca della Rai. Pensare che Kessisoglu canti questa canzone ogni volta in Camera Cafè stonandola paurosamente, beh… (clicca per rivedere questo momento).

20:50 – Per quanto mi riguarda, il Festival può finire già stasera, dopo questa canzone reinterpretata da Luca e Paolo. I due, però, non paghi della satira politica col brano, si lanciano in un dialogo riguardante ancora una volta la politica. I due ricordano anche l’esegesi dell’Inno di Mameli fatta da Roberto Benigni. Il ricordo, però, poi trascende sui sinonimi dell’organi genitali femminili e varie altre parodie del comico toscano.

20:55 – Ottimo… ma noi vorremmo vedere la gara. Mi sa che sti due si allungano pure più di Celentano… adesso si parla di IVA, canone e tante altre tasse varie. Il tutto condito da due sticazzi e da una vistosa marketta a Scherzi a parte.

21:00 – Credo che chiuderanno con questa parodia di Va’ pensiero. Per lo meno, me lo auguro. I due, adesso, annunciano la presenza di Celentano e si mettono a scherzare anche su di lui. Vediamo se son pronti a battere Celentano nella sua specialità: le pause di riflessione.

21:05 – Bizzarri scrive su una lavagna: Caro Adriano, avevi torto. La foca ha rovinato il Paese. Poi si corregge… à rovinato il Paese. Ma ecco che dal retrobottega entra Gianni Morandi che concede a tutti le pale che ha al posto delle mani. In platea scorgiamo Mara Venier e Massimo Giletti bardati come due paperi. Il Ragazzo di Monghidoro invita i due a rimanere, ma Bizzarri dice Che cazzo stiamo a fare qua?. Una volta il turpiloquio era ben lungi da Sanremo. Ma molto lungi…

21:10 – Morandi, ti informiamo che non sono le 21:06, quindi non leggere il gobbo per dire pure che ore sono. Ecco la sigla. Una variazione sul tema di 2001: Odissea nello spazio. Bella idea, ma le inquadrature a cazzo dove le mettiamo? Dalla tuta d’astronauta esce Daniel Ezralow. A coronare quest’esibizione, sei atleti della Nazionale Italiana Ginnastica Artistica che ci rappresenteranno a Londra 2012.

21:15 – Ecco il cappello introduttivo di Gianni Morandi, che dice di essere contento e di avere anche la salivazione a zero. Notare che la bottiglietta non è dell’Acqua Lete. Si eleva il grido dalla piccionaia per la giuria demoscopica. Pubblicità.

21:20 – Sono 40 minuti che è iniziato il Festival e noi siamo qui per assistere ad uno spettacolo musicale. Adesso sentiremo 7 canzoni in 60 minuti prima che arrivi sul palco Celentano che parlerà per 40 minuti… contenti loro! Morandi tiene a precisare che è una diretta per l’Eurovisione… chissà che pensano in Europa dopo questa introduzione.

21:25 – Di E. Trane, Ci vediamo a casa. Dirige l’orchestra il M° Fabio Burian, canta Dolcenera. Stando ad un primo ascolto, sarà uno dei tanti brani pompati dalle case discografiche per qualche passaggio radiofonico in più.

21:30 – Io come suono avrei messo un pernacchione, comunque. Non chiedetemi le canzoni che introducono i vari cantanti. Di S. Bersani, Un pallone. Dirige l’orchestra il M° Vittorio Cosma, canta Samuele Bersani. Ritmo da canzonetta che da anni caratterizza lo stile di Bersani. Un po’ come Lo scrutatore non votante (2006).

21:35 – C’è già puzza di brogli! Il sistema di raccolta voti della demoscopica è bloccato. La gara non può continuare. Morandi, allora, fa salire sul palco Rocco Papaleo, uno dei pochi che ci dimostra l’esistenza della Basilicata, vestito da membro del Governo Tecnico.

21:40 – In memoria dell’anno scorso, Morandi ripropone la minchiata dell’anno scorso: Stiamo tecnici! E poi vedi come scende lo spread. Telepromozione dello cane a sei zampe.

21:45 – Di F. Moro, Sono solo parole. Dirige il M° Enrico Melozzi, canta Noemi. Lamentone. Ed io la boccio a prescindere… intanto, su twitter dicono che la Scopelliti è pubblicizzata dagli evidenziatori Stabilo.

21:50 – Le votazioni di Bersani e di Noemi saranno ripetute in seconda battuta. Papaleo si spoglia del Loden che tiene indosso. Di F. Renga, D. Mancino e D. Faini, La tua bellezza. Dirige il M° Beppe Vessicchio, canta Francesco Renga. Devo dire che non si discosta molto dalle ultime interpretazioni dell’ex Timoria. Inutile disquisire sulle sue doti vocali…

21:55 – Tony Bennett ha detto che Chiara Civello è la più grande cantante jazz della sua generazione. Noi ci chiediamo ancora Ma chi cazzo è Chiara Civello? Di C. Civello, D. Tejera, Al posto del mondo. Dirige l’orchestra il M° Beppe Vessicchio, canta Chiara Civello. Ah, ho capito! Questa qua sostituisce Leda Battisti. Voce che non dà nulla e tralasciamo tutte le possibili disquisizioni sulla canzone che, ricordiamo, l’ha cantata Daniele Magro, ma questa se l’è banfata allegramente…

22:00 – Il nuovo sistema di voto prevede che la demoscopica voti su dei fogli di carta. Nell’era del Governo Tecnico si taglia anche questo. Dopo l’iPod e l’iPad, gli iFogli.

22:05 – Di D. van de Sfroos, Il mio grande mistero. Dirige il M° Vattelappesca, canta Irene Fornaciari. Precisiamo che è una traduzione del padre Zucchero di un testo in lombardo del van de Sfroos. Su twitter dicono che stia ballando il Gioca Jouer.

22:10 – Telepromozione con quel bel tipino di Giorgia Surina. Adesso devono solo esibirsi i Marlene Kuntz e poi arriva Celentano. E su Celentano ci pausiamo per 50 minuti. Che ne dite? Pubblicità. Su twitter dicono che il trend topic è Chiara Civello. Forse perché anche lì si stanno chiedendo Ma chi cazzo è Chiara Civello?.

22:15 – Tutti dicono che Irene Fornaciari è un grande mistero. Sono Amiam Miammo. Intanto, invece di pensare agli Europei, perché non pubblicizzano un po’ l’Eurofestival, dato che la canzone che rappresenterà l’Italia la sceglieranno a Sanremo? Anche qui arriva Amiam Miammo.

22:20 – È arrivato il momento di Celentano. Regia sulla quale non stiamo a disquisire che è meglio, montaggio idem. Vediamo mo’ cosa dice… intanto su twitter dicono che stiamo assistendo al peggio della televisione italiana. E non incitatelo sennò si convince!

22:25 – A seguito dell’introduzione di Celentano, su twitter dicono che sarebbe dovuta partire Hanno ucciso l’Uomo Ragno degli 883. Pure per celebrarne il ventennale. Intanto, siamo al decimo cazzo in circa due ore di trasmissione. Stellina d’oro come la Juventus? Intanto, Celentano lancia il sasso: abolire Famiglia Cristiana e L’Avvenire perché parlano di politica e non di Dio. E poi arriverà Finardi

22:30 – Salve di critiche dal mondo twitter sulle banalità e le ovvietà di Celentanocacc’e sord! Intanto, entra sul palco un’inutile… la Canalis. Basta questo per dire tutto. E dai con la canzoncina. Intanto, ci comunicano che il pezzo della Canalis era dell’infortunata Mrazova. E siamo tutti d’accordo che la slo-vacca l’avrebbe recitato meglio…

22:35 – Chi ha dato la patente di attore a Rocco Papaleo? Topo Gigio? No, vabbè. Su twitter dicono che sul palco c’è Celentano che imita Teocoli che imita Ray Charles che imita Celentano. E intanto qua la demagogia la stan vendendo a quintali…

22:40 – Dalla platea si eleva (?) Pupo… il che è tutto dire! Caspiterina, recitavo meglio io alle recitine di fine anno alle elementari. Se volete anche un documento video, domani lo carico su YouTube. Su twitter dicono che era recitata meglio la telenovela piemontese di TF9.

22:45 – Pupo è alto 1,65. Senza tacchi. Ma mo’ li fanno salire sul palco i Marlene Kuntz, no? Intanto, ci dicono che manca solo la Confettara Abruzzese a ricordare l’appuntamento con Ballando. E vai con l’unico momento serio: Prisencolinansinainciusol.

22:50 – Dicono su twitter che sul palco sia salito il fantasma della metro di Ghost. Invece doveva essere un filibustiere di nome Fio Zanotti, anche se noi crediamo fosse Fulvio Abbate in incognito.

22:55 – Mi sa che non ha finito, lo Scupettato. Ma mettere tipo Giovannona Coscialunga in suo luogo no, eh? Morandi chiosa. Ed io chioserei con un pernacchione e un Ma non ti vergogni?.

23:00 – Frasi sensate ma eccessivamente demagogiche (style), ma infilate una dietro all’altra senza alcun filo logico. Io così lo sintetizzerei l’intervento di Celentano. E mo’ domani mattina Aldo Grasso vedremo come si vendicherà… ah, se lo vedremo!

23:05 – Celentano, ti comunico che è arrivato Peppino a dire Scaduti 50 minuti, uh! Dai… sbacchetta che vogliamo i Marlene Kuntz. Intanto, su Facebook propongono a chiosa l’arrivo di Pupo ed Emanuele Filiberto che cantano Italia amore mio.

23:10 – Ecco che ricompare Featuring Franco Battiato durante questa canzone che dovrebbe essere un inedito di Celentano. Ma non ne siamo sicuri al 100%. Alle 23:12, dopo un’ora, si chiude il momento Celentano e si va in pubblicità. D’ora in poi solo canzoni e spot con buona pace di tutti (clicca per rivedere tutto l’intervento di Celentano).

23:15 – E mentre su Facebook dicono che Celentano si stava inciuccando di grappa, compare il promo della Confettara… auguri! Intanto, sono ufficialmente saltati i Marlene Kuntz e noi non ce ne siamo accorti. E come caspita s’è vestita questa qua?

23:20 – Di Silvestre, Sala, Palmosi, Non è l’inferno. Dirige il M° Pino Perris, canta Emma Marrone. E dalla piccionaia si intuisce un Mostraci le tette. E dalla demagogia di Celentano si passa a quella di questa canzone… andiamo bene! Andiamo bene proprio! Correggiamo la prima impressione. Non era Mostraci le tette ma Forza Lecce. Cioè non toglie che rischia di non passare il taglio della puntata, questa canzone.

23:25 – Papaleo, da buongustaio, si diverte ad elogiare le grazie della Marrone, poi chiede Le donne? Di Godano, Tesio, Bergia, Canzone per un figlio. Dirige il M° Vittorio Cosma. Cantano i Marlene Kuntz. Detti anche Marlboro, Vincenzo e Birra. Dall’attacco sembra un pezzo qualunque degli Sugarfree. Inoltre, la tarantolaggine del frontman ricorda vagamente quella del cantante dei Baustelle.

23:30 – E mentre ci dicono che la canzone della Marrone sembra una canzone da Azione Cattolica cantata da una che si depila le gambe e che i Marlene Kuntz dovevano essere una biondona da mandare all’Eurofestival di Baku, Papaleo vuole cantare una canzone ma viene bloccato da Morandi. Telepromozione. Alle 23:33 si chiude la prima parte e inizia la seconda.

23:35 – Sul palco salgono Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis con la sua introduzione da varietà anni 80. Le due cantano la canzone prevista per domani sera e ricordiamo che c’è il problema che queste due domani dovranno mettersi il primo jeans e la prima maglietta perché non ci sono altri vestiti. Intanto, Morandi si gingilla toccando le tette alla Canalis che, insieme a quell’altra, canta in playback… e non vi dico che canzone faremmo loro cantare, se fossimo i direttori artistici.

23:40 – Di R. di Lorenzo, E tu lo chiami Dio. Dirige il M° Emilio Gaudiello, canta Eugenio Finardi. Dopo che Celentano ha parlato di Dio per un’ora, adesso un pezzo vagamente ateo ci vuole a controbilanciare…

23:45 – Di D’Alessio, D’Agostino, Respirare. Dirige il M° Edoardo Pennino, cantano Gigi d’Alessio e Loredana Bertè. Li vogliamo all’Eurofestival a gareggiare contro le trashate degli altri paesi dell’Est Europeo.

23:50 – Vai con la marketta ad Italia’s Got Talent. Sarà contenta la Confettara. Intanto, il vestito di Belen era per la Mrazova. Di Casalino, Zilli, Per sempre. Dirige il M° Beppe Vessicchio, canta Nina Zilli. Riecheggia Mina e il vestito pare sia tenuto su da qualche gru… direi che controbilancia il trash di pochi minuti fa…

23:55 – E mentre Morandi parla, parte a buffo la pubblicità. Però posso dire che la Zilli mi fa più sangue della Canalis e della Rodriguez?

00:00 – Tg1 60 Secondi. Adesso è il momento di Rocco Papaleo, che si fa accompagnare da un pianista proveniente dal Nord di Frechetelandia. Ed ecco un Fanculo che sul palco di Sanremo stasera non sfigura manco per errore.

00:05 – Di P. Carone, L. Dalla, Nanì. Dirige il M° Lucio Dalla (?), cantano Pierdavide Carone e Lucio Dalla. Della serie Che ci sei venuto a fare? e della serie Questa la facevo anch’io. E anche della serie Se mia nonna aveva le ruote era una carriola

00:15 – Telepromozione a pario paritario. Di G. Anastasi, La notte. Dirige l’orchestra il M° Mauro Pagani, canta Arisa. Finalmente non fa una canzonetta, ma è un lamentone. Quindi, bocciata a prescindere. Comunque, plauso alla Pippa che ha smesso di fare la scema e ci propone un brano candidato alla vittoria finale.

00:20 – Vai con la marchetta a Sanremo. Sono le stesse immagini che ci propinano ogni anno. Un po’ come quando Miss Italia andava da Salsomaggiore.

00:25 – Di Golzi, Cassano, Perversi, Sei tu. Dirige il M° Beppe Vessicchio, cantano i Matia Bazar. Devo dire che questa me gusta. E forse è perché sono le 0:25 e conduco questa diretta da quattro ore. Devo dire che il Capellone dei Matia è un classico come il Baffo dei Ricchi e Poveri.

00:30 – Di conseguenza, in deroga al regolamento del Festival, preso atto dei problemi tecnici di stasera, tutti i 14 cantanti torneranno domani sera a cantare di nuovo, senza che ci siano eliminazioni. Il pubblico rumoreggia. Papaleo urla Occupate l’Ariston. E non c’è la rivolta degli spartiti. Domani sera, di conseguenza, invece che due brani, ne usciranno quattro. Adesso è il momento dei Giovani. Ecco la clip che li lancia! Noi chiediamo la vittoria di Celeste Gaia con Carlo per una vittoria meramente meritocratica.

00:35 – Si chiude la prima serata del Festival. Noi vi diamo appuntamento a domani sera. Da Fyvry è tutto!