La prova del cuoco – Puntata del 23/02/2012 – Ricette, rubriche, consigli e speciale ‘Campanile italiano’.

Sigla ed ecco Antonella che raggiunge Andrea, con il quale commenta la parola amore che figura sulla maglietta che indossa Anto (‘l’amore è il nostro segreto‘), la conduttrice saluta il pubblico caloroso che viene dalla Campania, la battuta di Andrea del giorno: ‘Tra due bambini a scuola: tu di solito la dici la preghierina prima di mangiare? No, la mia mamma cucina molto bene’.

La puntata di oggi è registrata, si inizia col Campanile italiano e con Franco Martinetti. Come dicevamo, non essendo in diretta, non ci sarà il televoto ma solo il consueto esercizio di stile che ci permetterà di immergerci nei sapori della Sicilia (Palazzolo Acreide, Siracusa) rappresentata da due fratelli che propongono gnocculi con pittinicci e noci, salsiccia alla cenere con olive e il Lazio (Roma) rappresentato da due cognati che presentano tagliolini alla gricia, carciofi alla giudia e seppioline al pomodoro.

Franco e Antonella si alternano nelle due cucine parlando dei prodotti e delle tradizioni che derivano da essi. Possiamo notare come due località diverse abbiano dei modi molto diversi di cucinare anche uno stesso ingrediente. Si parla in particolare dei vari tipi di pomodori e di arance che ci sono in Sicilia, ognuno con una sua particolarità. Non essendo una sfida, non c’è nessun vincitore, è stata un’opportunità per le due località di far conoscere i loro prodotti tipici.

Ed ora, il ‘Ballo della casalinga‘ introduce Anna Moroni, alle prese con le sue lezioni di cucina di base. Quest’oggi, Annina prepara la quique lorraine con concassè di pomodoro e basilico. Ecco gli ingredienti.

Si inizia facendo la pasta brisè, mettendo nel mixer le uova e il burro, si inizia a frullare e poi si aggiunge anche la farina,un pizzico di sale e di pepe e  un pochino di acqua a temperatura ambiente e, infine, si frulla tutto, fino a quando si forma una palla d’impastato. Si lascia riposare e poi si stende con il mattarello e un pochino di farina, si fodera una tortiera, facendo andare la pasta anche sui bordi. In una padella sciogliamo il burro e mettiamo a  saltare le fette di pancetta, nel fondo di cottura restante facciamo rosolare la cipolla tagliata a pezzetti.

In una ciotola mettiamo le tre uova, la crema di latte, saliamo leggermente, mettiamo un pochino di noce moscata e amalgamiamo tutto. Aggiungiamo nella tortiera, dove abbiamo messo la pasta brisè, le fette di pancetta, la cipolla rosolata e tutto il composto di uova e crema di latte e inforniamo a 180°per circa 30 – 35  minuti. Si accompagna con i pomodori sbucciati e tagliati, si sbollentano e poi si condiscono con pepe, olio e basilico. Buon appetito!

La canzoncina de ‘Le sorelle cotoletta’ introduce loro, le sorelle Landra, le maestre in cucina di oggi, le quali propongono dei profumati medaglioni di filetti di vitello in gremolata.

Si prendono i filetti di vitello, si legano e si fanno rosolare in una padella con burro e olio. Intanto, si pulisce il prezzemolo, ad Antonella tocca tritarlo. Si stempera un po’ di farina con un pochino di acqua, una volta rosolati togliamo i filetti di vitello e, nel fondo di cottura rimasto, mettiamo il prezzemolo tritato, aggiungiamo la farina stemperata con l’acqua.

Rimettiamo anche i filetti di vitello, si lasciano insaporire, si sfuma con un pochino di vino e poi si aggiunge un po’ di scorza di limone grattugiata e si lascia cuocere per qualche minuto. Si accompagnano con della polenta a cui mischiamo degli spinaci lessati e… buon appetito!

Ed ora ecco una bella tisana di Maria Grazia Spalluto, per la gioia di Antonella.  Con il freddo e l’influenza ci vogliono dei rimedi, e Maria Grazia ne consiglia qualcuno. Ad esempio un mellito, ossia uno sciroppo a base di miele e di tutte le piante aromatiche che abbiamo a casa e che mettiamo in infuso, una di queste è l’alloro, che tra le foglie ha anche delle bacche, e noi per questo decotto usiamo sia le bacche (che hanno un ampio potere di antibiotico naturale) che le foglie, usiamo poi anche l’origano che ha un grande potere disinfettante, mettiamo anche il timo (potere disinfettante e antitossivo), mettiamo anche la mente e infine la buccia di un limone. Mettiamo tutto in un pentolino e facciamo bollire. Lo filtriamo e mettiamo del miele qualsiasi anche se l’ideale sarebbe quello di eucalipto ed ecco pronto l’infuso che fa bene contro influezna e raffreddamenti.

Ne fa poi un altro mettendo in un padellino mettiamo a bollire del vin brulè con delle scaglie di zenzero e facciamo un buon decotto con del vino Marsala, si fa evaporare la base alcolica, ci aggiungiamo la cannella (proprietà balsamiche e disinfettanti), qualche chiodo di garofano e lasciamo bollire. Anche questo si filtra e si può diluire con un pochino di acqua.

Infine la gara dei cuochi, che vede oggi nel pomodoro Michele Potenza e nel peperone Marco Bottega. Con loro i concorrenti Fabio Ciambella e Marina Cianfaglioni, al loro penultimo giorno di sfida.

Marina racconta il giorno del suo matrimonio, avvenuto otto anni fa, quando è andata in carrozza e con i cavalli e racconta questa bellissima esperienza. Fabio invece parla dei suoi stufi e del fatto che dopo la laurea in lingue e letteratura inglese conseguita la scorsa estate, ora è iscritto al primo anno di dottorato in lingua e letteratura inglese. Si ride e si scherza anche con i due cuochi, con Marco che punzecchia Michele circa i suoi flirt.

Arriviamo così al termine della gara, che vede la vittoria della squadra del pomodoro, con ben il 63% di voti.

A domani con La prova del cuoco.

———————————————————————————————————————–

UnDueTre.com è anche su Facebook e su Twitter!

Se vuoi essere sempre informato sul mondo dello spettacolo clicca Mi piace su questa pagina e seguici su Twitter.

———————————————————————————————————————–