Cima alla genovese di Ivano Ricchebono del 08/03/2012.

L’abbronzatissimo uomo di mare, che però è stato in montagnaIvano Ricchebono svela i ‘segreti dello chef‘, proponendo unclassico della tradizione ligure Cima alla genovese.

Antonella, stupita per la mole di ingredienti, invita Ivano ad iniziare. Tritiamo la lattuga, dopo averla lavata. Mettiamo a cuocere in padella, con un filo d’olio e della cipolla, la carne, ovvero la salsiccia e la polpa di vitello e vitellone. Nonna Annina irrompe, essendosi ricordata del compleanno del nipotino. Mettiamo a rosolare la lattuga con olio e burro, e dei piselli e carote tagliate a cubetti a bollire in acqua. Tritiamo con il coltello la carne ormai cotta, il prosciutto cotto, la lattuga appassita. Uniamo anche i piselli e la carota, i pinoli ed il parmigiano, un trito di aglio, majorana e prezzemolo, amalgamando il tutto con le uova. Riempiamo la tasca di carne con tutto il ripieno, cucendo le estremità. Avvolgiamo in un canovaccio, chiudendo alle estremità con uno spago da cucina. Immergiamo il fagotto in acqua bollente per un’ora e mezza, ‘pungendo’ con un ago la tasca, per fare uscire eventuali bolle d’aria. Terminata la cottura, togliamo il canovaccio e mettiamo sopra la tasca un peso.

CLICCA QUI per il post completo della puntata odierna de La prova del cuoco.