Panariello non esiste – Seconda puntata del 12/03/2012 – Ospiti: Francesco Renga, Michel Telò, Alessandro Preziosi, Enrico Brignano e…

L’obiettivo? “Dimostrare, a dispetto del titolo, che Panariello esiste“. Il mattatore toscano, a fronte dei 6milioni 581mila spettatori, share del 27,29%, potrà certamente ritenere raggiunto l’obiettivo che, alla vigilia del debutto sulla rete ammiraglia Mediaset, confessava di perseguire. D’altronde, dopo l’esperienza fallimentare alla conduzione del Festival di Sanremo del 2006, come racconta a Diva e Donna, lo showman ha “rischiato, ma non temuto, di non esistere più. Sai come funziona… Si fanno i funerali da vivo. Quel capostruttura, piuttosto che il direttore generale, cominciano a dire: ‘Chi, Panariello? Quello è morto, finito’. Il passaparola che ti uccide e, se non reagisci, sei morto davvero“. Giorgio ha reagito, si è presentato al pubblico di Canale 5senza maschera“, ed ha convinto, senza però sorprendere. “Evento doveva essere, evento è stato“, ha commentato il direttore di rete, Massimo Donelli, il quale ha poi spiegato il successo dell’attore toscano: ha ritrovato “da subito l’affetto di milioni di italiani con i quali ha saputo costruire nel tempo, attraverso una dura gavetta prima e i grandi spettacoli poi, un rapporto indissolubile“.

Questa sera, Giorgio racconterà proprio l’amore, nelle sue sfumature: l’affetto e le passioni più cocenti, le caratteristiche dell’uomo e della donna, le ansie, le attese, il tradimento, l’evoluzione nel tempo. Un percorso che affronteremo insieme ai numerosi ospiti previsti: Enrico Brignano e Alessandro Preziosi, Vanessa Incontrada, Francesco Renga, Michel Telò, interprete del ‘tormentoneAi se eu te pego, infine Joaquin Cortès.

Giorgio Panariello, inoltre, potrà contare sui suoi partner e compagni di viaggio: l’affascinante Nina Zilli, il trombettista jazz Fabrizio Bosso, l’illusionista Gaetano Triggiano, il coinvolgente e “magico” mondo de Les Farfadais, l’orchestra diretta da Franco Micalizzi, il corpo di ballo guidato da Bill Goodson.