Barbarossa – Anticipazioni e trama delle due puntate in onda il 25/03/2012 e 26/03/2012.

Stasera e domani in prima serata su Raiuno va in onda “Barbarossa“, un film in due puntate di Renzo Martinelli. La pellicola vede sfilare sullo schermo un cast internazionale: Rutger Hauer (l’Imperatore Federico Barbarossa), Raz Degan (Alberto da Giussano), Kasia Smutniak (Eleonora), Hristo Shopov (Rainaldo di Dassel), Cecile Cassel (Beatrice), Antonio Cupo (il Console dell’Orto); con Angela Molina (Hildegard von Bingen), F. Murray Abraham (il Siniscalco Barozzi) e Federica Martinelli (Tessa).

Il film, uscito nella sale nel 2009, fu un flop dal punto di vista economico, riuscì infatti a raccimolare incassi inferiori al milione di euro, sia per le critiche arrivate ancora prima di uscire nelle sale, soprattutto riguardanti l’origine politica del progetto. La realizzazione del film, costato oltre dodici milioni di euro, di cui un milione e seicento mila di finanziamento pubblico, fu ‘incoraggiata‘, infatti, dal leader della Lega Umberto Bossi, che nel film interpreta persino un cameo.

La trama – Anno 1158. Nella campagna intorno a Milano il giovane Alberto da Giussano (Raz  Degan) salva la vita a un misterioso cavaliere, che per sdebitarsi dona al ragazzo il suo pugnale. Il nome del cavaliere è Federico Barbarossa (Rutger Hauer). Il Barbarossa ha un sogno: realizzare l’impero universale. Per giungere al suo scopo dovrà sottomettere i comuni ribelli del nord Italia. L’esercito imperiale giunge così alle mura milanesi, scatenando una terribile battaglia, durante la quale perdono la vita i fratelli di Alberto. Il 10 marzo 1162 Milano viene rasa al suolo. Alberto insieme al resto della popolazione milanese subisce l’umiliazione di sfilare davanti all’imperatore, abbandonando la città.  Esiliato e costretto a nascondersi nei boschi, il giovane da Giussano giura di vendicare la morte dei fratelli e di riprendere la sua terra. Alberto  (Raz  Degan), deciso a riprendere la sua terra, forma un piccolo esercito di ragazzi esiliati che condividono il suo sogno di libertà: la Compagnia della Morte. Lo spirito di fratellanza e l’unione tra i comuni porteranno attraverso il giuramento di Pontida alla nascita della Lega Lombarda. Sulla pianura di Legnano il Barbarossa  (Rutger  Hauer) e Alberto da Giussano guidano i loro eserciti in una terribile e sanguinosa battaglia, che vedrà trionfare la Compagnia della Morte, grazie a una geniale e misteriosa strategia di attacco. Alberto viene acclamato come un eroe, ma non riesce a darsi pace: sul campo di battaglia non c’è traccia del cadavere del Barbarossa.