Melaverde – Puntata del 25/03/2012 – Parmigiano reggiano, prosciutto cotto con lardo di Arnad tra i prodotti odierni.

Anche quest’oggi, a mezzogiorno, su Retequattro, ci ritroviamo per un nuovo appuntamento con “Melaverde“, il programma dedicato alll’agricoltura, l’ambiente e le tradizioni eno-gastronomiche del nostro paese, condotto da Edoardo Raspelli e da Ellen Hidding. Anche in questa puntata un menù ‘con i baffi‘ (non c’entra Costanzo, stavolta) sarà proposto dai due conduttori, scopriamo insieme le mete visitate ed i prodotti raccontati quest’oggi.

Edoardo Raspelli è in Valle d’Aosta per presentare un prodotto che veniva realizzato già in passato, in autunno, dai contadini durante la macellazione del maiale. Si tratta di un prosciutto cotto, particolare, all’interno e all’esterno viene aggiuntoli lardo di Arnad, dal 2001 salume a denominazione di origine protetta. Vedremo tutte le fasi di lavorazione del prosciutto cotto farcito con lardo, ma vedremo anche la lavorazione completa del lardo di Arnad, ancora oggi effettuata con l’antico metodo della salamoia nel “doil”, il contenitore in legno di castagno o rovere, nel quale da sempre si produce il lardo di Arnad.

Ellen Hidding è, invece, a Reggio Emilia per conoscere una razza di vacca molto particolare, la Vacca Rossa. Questo animale ha origini antichissime, ma con l’andare del tempo fu sostituita da razze più produttive e rischiò di scomparire. Oggi grazie alla volontà di alcuni allevatori è stata recuperata e il suo latte è tornato a produrre un formaggio famoso in tutto il mondo, che deve le sue origini proprio a questa particolare razza, il “Parmigiano Reggiano Vacche Rosse”. Ellen farà scoprire l’ interno del caseificio, dalle fasi di lavorazione alla preparazione del latte, alla messa in forme, fino alla stagionatura lenta e costante che dà a questo formaggio un gusto inconfondibile. Inoltre il parmigiano, contiene solo il 30% di acqua e ben il 70% di sostanze nutritive, come le proteine, le vitamine e minerali.

1 commento

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>