Striscia la notizia: Ficarra e Picone tornano alla conduzione del Tg satirico. Anticipazioni puntata del 02/04/2012.

Arriva la primavera, Striscia la notizia, il tg satirico dell’access prime time di Canale 5 ideato da Antonio Ricci, saluta i suoi nuovi conduttori. Se la stagione autunnale che ha visto al timone la coppia Ezio Greggio / Enzo Iacchetti e quella invernale Ezio Greggio / Michelle Hunziker, da stasera dietro al bancone del tg torna, per l’ottava volta, la coppia formata da Salvo Ficarra e Valentino Picone.

Ficarra e Picone, siciliani Doc, con il loro umorismo e la loro ironia hanno conquistato il pubblico. Brillanti attori di pellicole campioni d’incasso e interpreti di spettacoli teatrali di grande successo,commentano così il loro ritorno, per l’ottavo anno consecutivo nel programma:

“[…] Più che confermati, siamo ripetenti. Ricci ha minacciato di farci fare Striscia fino a quando non impareremo a farla bene!”.

Tra i temi della puntata di stasera l’inviato Valerio Staffelli ha raggiunto a Roma l’onorevole Rocco Buttiglione che era stato insignito della carica di cattedratico ordinario honoris causa dalla fantomatica Università Giovanni Paolo I. Buttiglione aveva ricevuto l’onorificenza alla Camera dei Deputati e, come mostra un video, si era sprecato in lodi per l’ateneo tarocco.

“La truffa è opera loro, ma la Camera ha fatto un errore a non controllare. Mi dispiace, chiedo scusa a nome della Camera dei Deputati. Platone direbbe ‘fidarsi è bene, controllare è meglio’”.

È di questi giorni la notizia dell’accumulo di immondizia lungo le strade di Palermo. Stefania Petyx ha provato a segnalare il problema telefonando all’AMIA, l’azienda municipale per la raccolta dei rifiuti della città siciliana, con un curioso risultato. Il centralino prevede infatti due strane risposte preregistrate: “La raccolta differenziata si fa un po’ qui e un po’ là, da Tizio, Caio e Sempronio” e “Se qualcuno vuole che vengano ritirati rifiuti ingombranti, piripì, piripì, piripà”. I cittadini di Palermo di certo non risolveranno così il problema spazzatura, ma, se non altro, potranno sorridere.