Il mio gran fritto di GianPiero Fava del 11/04/2012.

GianPiero Fava è pronto a rivelare i segreti dello chef riguardanti la preparazione di un piatto romano “che ci accomuna tutti e ci rende tanto allegri“, il mio gran fritto. Antonella racconta di aver conosciuto il piacere del fritto proprio a Roma, dove risiede da quando lavora in Rai.

In una ciotola fredda da frigorifero si inizia a fare la pastella con farina e prosecco, mentre Antonella deve montare quattro albumi di uovo che aggiungiamo subito dopo e amalgamiamo bene formando la pastella. Primo segreto: montare gli albumi a neve per rendere la pastella più croccante e voluminosa. Tagliamo dlele verdure a fette (melanzane e zucchine, fiori di zucca e infine baccalà), le infariniamo, le passiamo nella pastella e le friggiamo nell’olio di arachidi.

Secondo segreto: la temperatura deve essere di 180° questo per rendere la frittura della pastella croccante fuori ma morbida dentro. I fiori di zucca invece li farcisce con un cubettino di mozzarella fiordilatte e delle fettine di alici, li infariniamo e li passiamo nella pastella e ovviamente si friggono. Terzo segreto: la temperatura dell’olio durante la frittura deve sempre essere costante a 180°, e per mantenerla bisogna, quindi, friggere poche cose per volta. Per ultimo frigge il baccalà, che deve essere spugnato e sempre prima si infarina e poi si frigge. Buon appetito!

CLICCA QUI per il post completo della puntata odierna de La prova del cuoco.