La prova del cuoco – Puntata del 14/05/2012 – Anna sfida Mauro Improta, ricette di Palma D’Onofrio e Casa Clerici.

Dopo la breve anteprima, in cui Annina racconta di aver ricevuto un premio alla Roccaccia a Tarquinia e consiglia di mangiare gli asparagi freschi e mai di congelarli, a meno che siano quelli selvatici, ma solo dopo averli cotti in precedenza, la sigla introduce la nostra Antonella che balla con Anna e raggiunge Andrea, che oggi indossa una cravatta con la primavera del Botticelli. La battuta di oggi: ‘tra mandarini, ma come mai hai quel cerotto? Eh, mi son sbucciato’. 

Si inizia con  la sfida di Anna contro tutti, che vede la cuoca alle prese con una bella. A sfidare per la terza volta Anna, dopo il pareggio ottenuto dopo le prime due sfide, c’è  Mauro Improta. Dopo aver proposto la pizza fritta e le zeppole, stavolta i due si confrontano sul ragù. Mauro fa i conchiglioni con ragù e ricotta usando olio, cipolle fresche, spuntatore di maiale, muscolo di manzo, braciola, passata di pomodoro e triplo concentrato di pomodoro.

Il segreto Mauro è il soffritto, che deve essere fatto cuocere lentamente, in modo che la cipolla sudi, inoltre, il ragù, una volta sfumato col vino rosso, deve cuocere per ben 6 ore. Anna invece, nel fare le candele al ragù, per il ragù usa 3 cipolle bianche tritate, muscolo di manzo, polpa di maiale e braciola mettendo dentro parmigiano, pinoli, uvetta e aglio legandoli alla carne, e poi concentrato e passata di pomodoro, e lo lascia cuocere anche più di sei ore. I due iniziamo a litigare, sostenendo ovviamente che il proprio ragù sia l’originale e il migliore.

Anto non riesce a contenerli, Claudio Lippi sta zitto, per poi togliersi dall’imbarazzo dicendo di dover correre in bagno. Ricordando la famosa opera di Eduardo, con i due che continuano a litigare, e Lippi che sottolinea come il tutto sembri una sceneggiata, arriviamo al momento dell’assaggio di Claudio (Anna sottolinea come il suo sia il ragù di una casalinga che ce la mette tutta, insomma cerca di arruffianarsi il giudice), il quale decide che a vincere questa sfida sia Mauro Improta, poichè ha rispettato la tradizione. Annina è infuriata e non ci sta!

Dopo il difficile compito di giudicare la sfida della vulcanina Anna con l’altrettanto peperino Mauro Improta, Claudio accompagna Antonella da Palma D’Onofrio, la maestra in cucina del lunedì ed amica ‘speciale‘ di Claudio. Oggi Palmina prepara la parmigiana di carciofi, ricetta che aveva già proposto lo scorso anno.

Antonella ha il compito di tagliare a pezzettini la mozzarella che assaggia con gusto, nonostante ancora non sappia se può assumere latticini o meno. Claudio annuncia che ad inizio luglio diventerà nonno. Si fa il sugo facendo rosolare l’aglio in una padella con un pochino di olio e poi aggiungendoci  i pelati. Puliamo e tagliamo a fettine i carciofi, le infariniamo e le friggiamo in abbondante olio.

Le parti del carciofo più dure, che non riusciamo a tagliare a fettine, invece, le tritiamo finemente e le facciamo rosolare in un’altra padella. Adesso mettiamo la mozzarela fatta a pezzetti in una ciotola, aggiungiamo uova e grana e i ritagli dei carciofi saltati in padella e amalgamiamo bene. Foderiamo una pirofila con le fette di carciofi fritti, mettiamo sopra il composto fatto, completiamo con sopra uno strato di fette di carciofi fritti,mettiamo sopra la salsa di pomodoro, spolveriamo di grana, inforniamo a 180° per 20 minuti e… buon appetito!

Adesso Carlo Cambi ci parla di meloni, osservando come, ancor oggi, non si sappia con precisione la provenienza di questi prodotti. Ce ne sono di tanti tipi, i fondamentali sono tre: quelli invernali a pasta gialla, i retati che si trovano più frequentemente d’estate e infine i lisci, che sarebbero i cantalupi. Il contenuto cambia molto: i primi sono più zuccherini, quelli retati sono più profumati.

Tutti sono da mangiarsi come frutta, specialmente nella macedonia, quelli invernali inoltre possono essere utilizzati per produzioni gastronomiche anche salate, ad esempio con pepe, sale e succo di limone. Noi siamo abituati a mangiarlo insieme al prosciutto. Carlo consiglia di rosolare il prosciutto in padella, anzichè accompagnarlo a crudo, in modo da renderlo croccante. Il melone ha tantissime vitamine e poche calorie, quindi va consumato spesso.

Casa Clerici, lo spazio in cui Antonella, in prima persona, si cimenta ai fornelli, senza dover, quindi limitarsi a seguire le prescrizioni dei cuochi e ad assaggiare, vede oggi la conduttrice intenta a proporre una ricetta estiva, fusilli freddi al limone pecorino siciliano e capperi.

Mettiamo a cuocere i fusilli, intanto, in una ciotola mettiamo le olive nere di Gaeta tagliate a metà, i capperi, la polpa di uno o due limoni e un po’ di buccia di un limone grattugiata, il pecorino siciliano (quello con il pepe verde dentro) un po’ grattugiato e un po’ a pezzetti, origano, un pizzico di sale e di pepe, scoliamo la pasta, la raffreddiamo sotto l’acqua, la aggiungiamo al composto della ciotola, amalgamiamo tutto aggiungendovi un goccio d’olio. Impiattiamo e… buon appetito!

Dopo il gioco del Fidati di me in cui vengono vinti 300 euro indovinando il riso alla cantonese, ecco la gara dei cuochi che vede oggi nel pomodoro Renato Salvatori e nel peperone Michele Potenza, accompagnati dai concorrenti Marilu Baldari e Chaira Costantini, altre due concorrenti che tornano nelle fasi finali per contendersi il premio di fine stagione di ben 20mila euro. Chiara, 21enne di Rovigo, è nata in Veneto ma da genitori pugliesi, ma da quando ha 9 anni vive a Chieti in Abruzzo, è un’aspirante pasticcera ed è la concorrente che ha avuto più punteggi in assoluto e, quindi, è entrata di diritto alle fasi finali.

E’ fidanzata da 4 anni con Stefano, un ragazzo molto geloso che l’ha scortata anche stavolta. Marilù invece è pugliese, sposata con un militare, ha due figli ed è laureata in economia e commercio, è fan sfegatata del programma e sta girando l’Italia per andare a mangiare da tutti i cuochi del programma. Ha anche tutti i libri dei cuochi del programma, tanto che suo marito spesso si lamenta che prima o poi dovranno uscire di casa per lasciare posto a libri di cucina e pentole.

Arriviamo così al termine della gara, che vede la vittoria della squadra del peperone, con il 67% di voti.

A domani con La prova del cuoco.

———————————————————————————————————————–

UnDueTre.com è anche su Facebook e su Twitter!

Se vuoi essere sempre informato sul mondo dello spettacolo clicca Mi piace su questa pagina e seguici su Twitter.

———————————————————————————————————————–