La prova del cuoco – Puntata del 21/05/2012 – Moroni contro Spisni, la ricetta di Palma D’Onofrio e…

La conduttrice apre la puntata spiegando la scelta di andare in onda sabato, con La prova del cuoco, nonostante i tragici accadimenti di cronaca: “Iniziamo questa settimana non certo facile. Sabato siamo dati in onda, io non ero d’accordo, sono scelte che non vengono fatte da noi. Era una puntata registrata in un clima di ilarità, fuori luogo“. Nonostante, anche quest’oggi, le notizie di cronaca che indurrebbero a tacere qualsiasi tipo di entusiasmo non manchino, la ‘spettacolo deve continuare’: “noi facciamo intrattenimento, cerchiamo di portare buon umore nelle case degli italiani“.

Gara pregna“, quella di oggi, che vede Annina brandire il suo mattarello, contro chi? “La regina del mattarello“, Alessandra Spisni. Tagliatelle e ravioli nelle ‘precedenti puntate‘, tortellini quest’oggi. Le due ‘star‘ de La prova del cuoco propongono la loro interpretazione di un classico, i tortellini per l’appunto, bolognesi per Alessandra, di un’amica per Annina. “Ma cosa fa? Cosa fa? Una stregoneria?“, domande Alessandra, prendendo visione della ricetta della rivale.

Annina si dice stupita della capacità di Alessandra di stendere la sfoglia con grande naturalezza, “ma come fa?“; d’altronde, la cuoca bolognese vanta anni di allenamento in cucina, non solo in balera… Le due battibeccano, Antonella approfitta e si fionda sulla mortadella che Alessandra utilizza per farcire i tortellini: “è più saportito quello di Ale…“, osserva la conduttrice, suscitando la gelosia della sodale. Claudio Lippi assaggia, Antonella lo invita a notare: “c’è Palma che ti sta guardando…“. Nonostante sia distratto dal fascino (?!) di Palmina, il conduttore è chiamato a dare il suo responso:sarei per la parità“, però… vince Alessandra!

Palmina “mena” il suo tamburello, mentre Antonella lamenta: “quando c’è Claudio, io sono inutile qui…“, d’altronde, Palmina non ha occhi che per il conduttore. La cuoca prepara un piatto squisitamente estivo: maccheroncini con sinfonia di pomodori.

Quest’oggi, quindi, Palma si propone di celebrare il pomodoro. Come? Cominciamo con l’incidere i pomodori San Marzano, Claudio ed Antonella, intanto, si preoccupano di ridurre a dadini i Pachino ed i datterini. Prepariamo il condimento dei San Marzano, che, intanto, abbiamo sbollentato in pentola per qualche minuto, unendo ad paio di cucchiaio di zucchero, dell’aglio disidratato e della buccia d’arancia grattugiata. Condiamo, quindi, i San Marzano ed inforniamo a 160° per 1 ora e mezza. Mentre Palmina pela i pomodori sbollentati, Claudio dedica alla cuoca una delle canzoni pensate dal maestro. Prepariamo un trito aromatico di prezzemolo, basilico e sedano, con pangrattato e formaggio grattugiato, condiamo i datterini con questa mistura ed inforniamo a 200° per 10 minuti.

Condiamo, quindi, la pasta con i datterini ed i San Marzano cotti, i Pachino a crudo ed i pomodorini secchi a pezzettoni. Un trionfo di pomodori che completeremo con un filo d’olio.

E’ il momento del ‘brocioneAugusto Tocci, pronto a preparare uno dei suoi intrugli con i fiori. Prima, però, diverte Antonella permettendole di usare la balestra degli gnomi… Augusto, quest’oggi, propone una ricetta più interessante: quella della marmellata di rose. Mettiamo a cuocere le bucce di mele in acqua, nella stessa mettiamo a macerare i petali di rose per mezza giornata, con succo di limone e sciroppo acqua e zucchero. Cuociamo in tegame ed eccola pronta. Possiamo utilizzare le rose anche per cuocere la frutta o preparare un liquore antichissimo, il rosolio. E’ l’ultimo giorno, per questa stagione, che Augusto è in trasmissione, per questo regala alla conduttrice un cesto di tartufi.

La conduttrice corre a Casa Clerici e, con la consueta solerzia, introduce una ricetta che, dice, sarà perfetta per arricchire i banchetti che certamente organizzerete con gli amici nei prossimi mesi: l’arrosto di tacchino ai porri.

Oliamo una pirofila e mettiamo a rosolare nella stessa il nostro arrosto. Affettiamo, quindi, i porri e li aggiungiamo nella pirofila, con dell’alloro ed un po’ di brodo vegetale, che aggiungeremo man mano che si asciuga, saliamo e pepiamo. Deve cuocere, al coperto, per almeno un’ora. Togliamo le foglie d’alloro, avvolgiamo l’arrosto nella carta stagnola, in modo che possa “rilassarsi“. Frulliamo i porri con il mixer, aggiungendovi della salsa di soia. Otteniamo una salsina deliziosa che utilizzeremo per impreziosire le fette del nostro arrosto. Nonostante abbia rischiato di ustionarsi, Antonella serve con soddisfazione il suo arrosto che, dice, è buonissimo anche con una salsa tonnè “dell’ultimo momento“. Possiamo accompagnarvi, inoltre, dei fagiolini.

Grande esultanza di Antonella per i 2.150 euro assegnati al Fidati di me, la concorrente, invece, è letteralmente ammutolita: “si vede che sei proprio di Torino, non dici niente!!!“. Ma è tempo di dare il via alla gara tra cuochi. Gregor Wenter e Mauro Improta accompagnano, rispettivamente Elsa Cappelli e Chiara Costantini, le due finaliste del torneo tra concorreti di quest’edizione de La prova del cuoco.

Si respira la tensione della finale, in studio, Elsa è quasi commossa, ringrazia Antonella e la produzione per averle permesso di vivere “il sogno“: “ho paura di svegliarmi!“, dice. Chiara, invece, rivolge un saluto alla rivale che, venerdì, ha battuto e con la quale, dice, ha stretto un bel rapporto d’amicizia. Ma veniamo al verdetto: il pubblico in studio sceglie di premiare, con l’86% dei voti, la giovane Chiara. La strada, però, è ancora lunga ed Elsa avrà tempo di rifarsi.

A domani con La prova del cuoco.

———————————————————————————————————————–

UnDueTre.com è anche su Facebook e su Twitter!

Se vuoi essere sempre informato sul mondo dello spettacolo clicca Mi piace su questa pagina e seguici su Twitter.

———————————————————————————————————————–