La prova del cuoco – Puntata del 26/05/2012 – Semifinale del torneo delle casalinghe, ricetta di Anna Moroni, pizza di Bonci.

Sigla ed ecco Antonella, che raggiunge Andrea e saluta il pubblico composto da bambini festanti. Dopo l’immancabile battuta di Andrea, “sai cosa dice un uovo sardo quando si rompe? Ahjo…“., si parte con il torneo delle casalinghe e con la seconda semifinale che vede protagonisti due maschi, Andrea Marraccini che propone gli gnocchi alle 3p, e Giovanni Fancello che, invece, prepara i ravioli fritti ripieni di pasta di mandorle.

Conoscendo già i concorrenti, visto che li abbiamo visti ormai diverse volte, tralasciamo di parlare di loro dedicandoci esclusivamente al piatto presentato. Andrea, 26 ene toscano, insegna lingua in una scuola di bambini con difficoltà di apprendimento e allena una squadra di calcio, la ricetta che propone gliel’ha insegnata una sua amica (ci tiene a precisare essere solo un’amica, nonostante Rosanna avesse insinuato altro). Andrea repara gli gnocchi usando le patate lessate fredde e la farina e poi, una volta cotti in acqua salata con dentro un goccio di olio, li condisce con  porro, pinoli e pancetta, prima tostati e rosolati in padella.

Giovanni, la cui ricetta è un  dolce antichissimo altoatesino, impasta farina di semola finissima, strutto, sale, polvere di vaniglia, buccia di arancio, poi stende e frigge l’impasto e lo riempie con mandorle frullate con buccia di limone, un po’ di zucchero e liquore, per dare profumo. Arriviamo al giudizio, le tre giudici, dopo aver assaggiato, sono pronte per le valutazioni. Andrea ottiene 8 – 9 – 9, mentre Giovanni 10 – 8 – 10 . In finale passa quindi Giovanni, (che è stato sempre privilegiato, pensare che si dovrebbero votare le ricette piuttosto che la storia legata ad esse), che se la dovrà vedere con la napoletana Elena Alfarano, già qualificatasi per la finale di mercoledì.

L‘art stylist Arianna Battistessa presenta una meravigliosa tavola decorata, usando una tovaglia a quadrettoni bianchi e verdi e usando piatti in tinta e di carta. La tavolta con i colori verdi e rossi ricorda proprio il pomodoro e il peperone del programma. Curioso poi il centrotavola, fatto semplicemente con una baguette di pane tagliata a metà.

La canzoncia del ciupy ciu introduce Lorenzo Branchetti, pronto anche questa volta a preparare una nuova deliziosa merenda, la pesca melba. Mettiamo 200 gr di lamponi in un padellino sul fuoco, aggiungiamo 100 gr di zucchero e una stecchetta di vaniglia. Pestiamo il tutto ottenendo una salsa di lamponi, componiamo il dolce mettendo in una tazza alla base una pallina di gelato alla vaniglia, mettiamo sopra mezza pesca sciroppata e infine sopra la salsa di lamponi fatta (un avolta che è ben raffreddata) e ultimiamo decorando con la panna montata e dei pezzetti di mandorla sbriciolata. E buona merenda!

Antonella adesso, accompagnata dalla canzoncina del bubba rap, raggiunge Gabriele Bonci, accompagnato dal mugnaio Fulvio Marino. Oggi prepara le friciule, ossia la pasta fritta. Per l’impasto abbiamo bisogno della farina di cereali, e non il grano, usiamo, quindi, 1 kg di cereali misti ( enkir, farro, segale, ecc), 275 gr di acqua, 275 gr di latte intero, un pizzico di sale, lievito, un goccio di olio di oliva e impastiamo bene il tutto.

Facciamo lievitare, poi stendiamo un pochino col mattarello, tagliamo a pezzi grandi e  lasciamo lievitare ancora. Allunghiamo tagliando dei quadrati e lasciamo lievitare per altri 5-6 minuti. Tagliamo poi a pezzettini il composto, come per fare i maltagliati e li friggiamo nell’olio di oliva bollente. Si tagliano e si riempiono a piacere, ideale la mortadella oppure se le vogliamo dolci con cioccolato e panna. Buon appetito!

Ed ora tocca ad Antonella conquistare le cucine del Nomentano, aprendo al pubblico le porte di Casa Clerici in cui, come già da diverse settimane, prepara una ricetta tratta dal libro Vino e cucina che ha scritto con Bruno Vespa. Quest’oggi, in particolare, prepara la parmigiana leggera di zucchine. Iniziamo a incidere a croce i pomodorini e a metterli a sbollentare, appena vengono a galla li speliamo, togliendo sia la buccia che i semini, li tagliamo a metà e li mettiamo a soffriggere in una padella con un goccio di olio e la cipolla tritata.

Affettiamo le zucchine per il lungo, le mettiamo su una teglia foderata con carta forno, facendo attenzione di riempire bene la teglia senza lasciar alcun buco, oleamo, saliamo e pepiamo e inforniamo per 10 minuti. Tagliamo la scamorza (non affumicata) a fette privandola prima della buccia e iniziamo a fare la parmigiana, iniziando a mettere in una pirofila uno strato di zucchine, sopra uno di sugo di pomodoro, delle fette di scamorza, un po’ di grana e così via ripartendo da uno strato di zucchine. Una volta terminati gli strati copriamo con la carta d’alluminio e inforniamo per 20 minuti a 180°, poi togliamo la carta alluminio e lasciamo in forno per altri 15 minuti sempre a 180°. Buon appetito!

Ed ora è il momento del dolce: a proporlo, questa settimana, è Guido Castagna. Il pasticcere, che approfitta di quest’ultima apparizione per dare l’appuntamento a settembre con il suo spazio, propone un tripudio di fondente con ciliegie.

Iniziamo sciogliendo il cioccolato fondente (a bagnomaria o nel microonde), aggiungiamo il burro e i tuorli delle uova e uniamo anche gli albumi montati a neve, trasferiamo il tutto su una teglia foderata con carta forno e elggermente unta e mettiamo sopra al composto delle ciliegie tagliate a metà. Mettiamo il tutto in forno a 170° per 10 minuti ottenendo un biscotto molto morbido. Adesso facciamo la gelatina di ciliegie scaldando 50 gr di ciliegie con 80 gr di zucchero, facciamo bollire insieme, poi aggiungiamo la colla di pesce e frulliamo tutto nel mixer per pochissimi secondi e mettiamo il tutto in uno stampo da forno foderato con carta alluminio e mettiamo nel freezer per un paio di ore oppure nell’abbattitore di temperatura. Prepariamo la salsa al cioccolato con crema pasticcera, un pochino di panna liquida, mischiamo e mettiamo dentro il tutto a del cioccolato fondente fuso, amalgamiamo e alleggeriamo con la panna montata.

Otteniamo il dolce mettendo in uno stampo a strati la crema al cioccolato, il biscotto fatto e la salsa di lamponi, mettiamo nell’abbattitore di temperatura e infinemettiamo sopra della glassa di cioccolato fondente. Guarniamo con qualche ciliegia e granella di cioccolato. Buon appetito!

Infine la gara dei cuochi che oggi vede nel pomodoro Marco Bottega e nel peperone Martino Scarpa, abbinati come ogni sabato a due concorrenti d’eccezione che stavolta sono Justine Mattera e Paolo Limiti. Prima della gara però Paolo annuncia il suo nuovo programma (trovate tutto in questo post). Paolo ripercorre la sua carriera ricordando i vari programmi e i vari ambiti in cui ha spaziato, non risparmiandosi dal raccontare qualche aneddoto. Parla poi del suo speciale rapporto con l’ex moglie Justine che racconta dei suoi due bambini e della sua vita prima negli Stati Uniti e ora,da ormai 18 anni, in Italia.

Il tutto mentre Floradora li interrompe di sovente, dando sempre ragione a Limiti su qualsiasi cosa. E Anna Moroni, giudice della gara, dopo aver assaggiato le due proposte, assegna la vittoria al pomodoro.

A lunedì con La prova del cuoco.

———————————————————————————————————————–

UnDueTre.com è anche su Facebook e su Twitter!

Se vuoi essere sempre informato sul mondo dello spettacolo clicca Mi piace su questa pagina e seguici su Twitter.

———————————————————————————————————————–