La prova del cuoco – Puntata del 14/06/2012 – Cosce di pollo con pancetta e polenta, bollito alla picchiapo’.

Puntualissima, a mezzogiorno, ecco Antonella fare il su ingresso in studio e raggiunge Andrea. Si parte con Franco Martinetti, narratore delle gesta dei cuochi d’Italia, in Campanile italiano.

Si parte con la sfida che oggi vede contrapposte la Calabria (Pipignano, Cosenza) rappresentata da due colleghi di lavoro, che propongono pasta arrostita con pancetta e cipolla, cappuccio ripieno, ed i campioni del Friuli (Tolmezzo, Udine), che propongono tra l’altro gli  gnocchetti di zucca con infuso di porcini secchi e salsiccia.

Alternandosi alle cucine, Antonella e Franco raccontano le scelte di vita dei concorrenti, i prodotti e le tradizioni dei luoghi al centro del torneo, quest’oggi.

Si arriva, quindi, al momento del verdetto, affidato al televoto: vince ancora il Friuli, con il 56% di voti.

Il ‘ballo della casalinga‘ introduce Anna Moroni e le sue lezioni di cucina di base. Prepara un classico, reinterpretato: il bollito alla picchiapo‘. Ecco gli ingredienti.

Si tagliano le cipolle a fettine e si fanno appassire in padella antiaderente con un goccino di olio e si fa andare a fuoco basso per circa 20 minuti e poi aggiungiamo la passata di pomodoro, due foglie di basilico e un pochino di peperoncino. Nel frattempo si sfiletta il bollito con le mani a piccoli pezzi e poi lo aggiungiamo nella padella con il sugo fatto. Si fa andare qualche minuto ed è pronto.

Con la carne di pollo invece si procede passandola nel macinino apposito, oppure in alternativa tagliandolo a pezzettini piccoli, si tagliano finemente anche gli spinaci precedentemente cotti. In una ciotola mettiamo quindi il pollo tritato, gli spinaci sminuzzati, una patata bollita schiacciata, aggiungiamo un po’ di formaggio grana, un uovo,amalgamiamo bene tutto, formiamo delle crocchette che passiamo prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e infine nel pangrattato e le mettiamo a friggere nell’olio. Buon appetito!

La canzoncina ‘Attenti al lupo‘, introduce Cristian Bertol, il maestro in cucina di oggi, pronto a dispensare i suoi segreti. Prepara le cosce di pollo con pancetta e polenta smalzada. Ecco gli ingredienti.

Per prima cosa si inizia facendo la polenta mettendo in un pentolino a bollire l’acqua (700 gr) e aggiungiamo la farina gialla di grana grossa (350 gr) si amalgama bene, poi si mescola ogni tanto lasciandola cuocere per almeno 45 minuti e una volta cotta si lascia raffreddare. Con la punta di un coltello adesso si incidono, ovviamente senza romperle, le cosce di pollo, si puliscono togliendo le parti in eccesso e l’osso, si spolverano con un pizzico di sale e pepe  e si insaporiscono con erbe aromatiche (rosmarino, salvia e timo), si arrotolano in delle fette di pancetta affumicata, li leghiamo con lo spago e si mettono in una padella antiaderente a sigillare  a fuoco molto alto con un goccio di olio.

Una volta sigillati prendiamo la padella e mettiamo tutto in forno a cuocere a 200° per 15 minuti. In una ciotola adesso si grattugiano le patate, già lessate e sbucciate e raffreddate, con una grattugia dai fori grossi, sempre con la grattugia dai fori grossi si grattugia la polenta che deve essere bella fredda.

In un’altra padella antiaderente mettiamo un goccio di olio e una volta che è molto caldo aggiungiamo mezza cipolla tagliata a fettine a stufare, poi aggiungiamo la pancetta tagliata a pezzettini (e si balla il cipollla twist)  e una volta che tutto è ben rosolato, aggiungiamo le patate grattugiate e dopo qualche minuto aggiungiamo anche la polenta che abbiamo grattugiato. Impiattiamo mettendo le cosce di pollo con questo composto e…buon appetito!

Antonella raggiunge Augusto Tocci che parla di patate, e delle tantissime tipologie che esistono di questo tubero. Da quelle a polpa gialla, a quelle rossastre, tutte hanno molte proprietà, servono anche in medicina per le scottature o quando si prende una botta. Le patate si possono cucinare in tantissimi modi: da lesse, arrosto, in umido, fritte. Ad esempio si possono lessare delle patate, tagliarle poi a fette e emtterci sopra un po’ di birra. Si lascia assorbire e poi si condiscecon un pochino di cipolla tagliata a pezzetti a cui aggiungiamo un goccio di olio, senape, sale e pepe formando così una salsina.

Infine la gara dei cuochi che vede nel pomodoro Cristian Bertol e nel peperone Renato Salvatori abbinati, rispettivbamente, ai concorrenti Patrizia Armati  e Domenico Scarangella. Parte la gara, Renatone dice che odia il freddo, per cui questo clima non fa per lui, Antonella parla con Domenico, il quale rivela che la figlia adora quando a cucinare a casa è il padre.

Anticipa, inoltre, che in caso di vittoria, vorrebbe andare a fare la maratona di New York. Patrizia, invece, parla del lavoro, della sua famiglia e dei cuochi con cui ha cucinato nei giorni scorsi.

Si arriva al termine della gara, che vede vincere, con il 53%, di voti la squadra del pomodoro.

A domani con La prova del cuoco.

———————————————————————————————————————–

UnDueTre.com è anche su Facebook e su Twitter!

Se vuoi essere sempre informato sul mondo dello spettacolo clicca Mi piace su questa pagina e seguici su Twitter.

———————————————————————————————————————–