Magazine – Valerio Scanu ‘sbarella’ ed attacca Amoroso e Facchinetti; Ceccherini ubriaco (video); gli eredi di Dalla vessano il compagno; l’ossessione di Chiambretti per Fazio.

  • Massimo Ceccherini ubriaco per le strade di Firenze – Gossip

http://www.youtube.com/watch?v=3rXWL18ouPo

  • I cugini di Lucio Dalla arraffano l’eredità e vessano il compagno – Gossip da DiPiù (via Spetteguless)

5 i cugini di Dalla che hanno iniziato a ronzare attorno ai CINQUANTA milioni di euro d’eredità. Una di questi, Luisa Melotti, è recentemente scomparsa. Pazienza, perché la sua fetta finirà ai due figli, che probabilmente Dalla a malapena conosceva. Dopo aver vissuto quasi 10 anni a Bologna, nella casa di Lucio che oggi Marco giustamente sente sua, l’umiliante pressione psicologica da parte dei parenti sarebbe avvilente: “sono prigioniero nella mia casa, perché io la chiamo casa mia. Ho un letto, bagno e cucina. Se devo andare in un altro spazio della proprietà, dove ci sono i miei oggetti o le opere d’arte che Lucio mi ha regalato, DEVE esserci un testimone, attento, chissà, che non rubi nulla. Mi hanno tolto le chiavi, cambiato le serrature. Quando piansi in Chiesa dando l’addio a Lucio dissero che avevo messo in cena una commedia, recitato una parte“.

  • I più visti della settimana, in tv – Spettacolo da Sorrisi

Il più visto in assoluto: Italia – Croazia (Raiuno + Rai Hd + Rai Sport 1, giovedì, 14.462.000 spettatori)
Il più visto in prima serata: Olanda – Germania (Raiuno + Rai Hd ì Rai Sport 1, mercoledì, 7.627.000 spettatori)
La fiction più vista: «Le tre rose di Eva» (Canale 5, mercoledì, 4.992.000 spettatori)
Il film più visto: «The Blind Side» (Canale 5, lunedì, 3.765.000 spettatori)
Il telefilm più visto: «Dr. House – Medical Division» (Canale 5, martedì, 2.872.000 spettatori)
La soap più vista: «Beautiful» (Canale 5)
Il telegiornale più visto: Tg1 delle 20 (Raiuno)
Il più visto nel pomeriggio: «Beautiful» (Canale 5)
Il più visto al mattino: «La prova del cuoco» (Raiuno)

  • Piero Chiambretti: “Fazio? Il re del nulla” – Spettacolo da TMNews

Fabio Fazio ufficialmente al timone del prossimo Festival di Sanremo e promosso in prima serata dai palinsesti della Rai. Eppure, Piero Chiambretti non sembra d’accordo. “L’hanno definito il re del nulla – dichiara il conduttore in un’intervista al magazine A -. Il suo successo è di relazioni, non di talento acquisito”. “Dovrebbe essere studiato dai sociologi negli anni a venire – affonda ancora Chiambretti -. Fazio è un caso più unico che Fazio. Lo dice uno che non ha mai avuto una tessera di partito, non ha una famiglia importante, non frequenta salotti e non conosce sottosegretari. Ce l’ho fatta con fortuna e talento. Ma per uno che ce la fa, migliaia stanno a casa”.

  • Scanu senza peli sulla lingua: “con la Amoroso nessun rapporto. Facchinetti? Il suo curriculum parla da solo – Gossip da Panorama.it

Valerio Scanu su Alessandra Amoroso: “Dagli altri big sono uscite tante dichiarazioni di amicizia, di grandi legami e affetto eterno. Ognuno nella situazione del serale pensava solo a se stesso e io sono uno che non crede nelle amicizie false, è giusto che si sappia. Voglio solo fare l’esempio di Alessandra Amoroso, che sembra abbia dichiarato che il nostro rapporto oggi si è un po’ raffreddato. Vorrei ricordarle che tra di noi un rapporto non c’è mai stato“. E su Francesco Facchinetti: “Serve chiarire perché di fatto quello che è successo è stato cancellato dalla sua timeline. Qualche tempo fa ironizzava su di me, facendo battute sibilline e molto ambigue accostandomi a Alessia Marcuzzi come se io dovessi essere fidanzato con lui, senza motivo. Sapete come sono fatto di carattere, dico quello che penso. Gli ho risposto un po’ per le rime: ‘Per stare con te occorre una laurea in Scienze Umane e dei disturbi psichici. Io possiedo solo un umile diploma’. Insomma, il curriculum di questo personaggio parla da solo“.

  • Celentano approda a Mediaset a causa dell'”ottusità della Rai” – Spettacolo da Ansa

La “trattativa” tra il clan e la Rai per i concerti live che Adriano Celentano farà ad ottobre all’Arena di Verona “c’é stata” ma poi la tv pubblica l’ha “scaricato”. A dare questa versione è lo stesso Molleggiato che in un intervento pubblicato da Repubblica spiega che non avrebbe “parlato se quel pinocchio di Giancarlo Leone non avesse mentito spudoratamente”. Nella sua ricostruzione Celentano cita una prima telefonata fatta dalla moglie, Claudia Mori, a Leone (direttore dell’intrattenimento Rai), alla quale il dirigente Rai avrebbe risposto che si trattava di un “evento che non si può perdere” e che andavano fatte “delle verifiche” ma “non credo – avrebbe detto Leone – che le vicende di Sanremo possano influire su questa grande occasione”. Passata più di una settimana senza avere notizie, alla seconda telefonata del clan invece rispose che, anche se Celentano avesse rinunciato ai diritti, come aveva proposto, in ogni caso non ci sarebbero stati i soldi nemmeno per le telecamere. “Mi misi il cuore in pace e sotto un certo profilo non mi dispiaceva affatto. Come se la devastante ottusità della Rai mi avesse involontariamente salvato da un impegno che al confronto è meno faticoso fare Milano-Roma a piedi”. Poi però è arrivata la proposta di Mediaset che si diceva pronta, bastava “un fischio. E devo dire che oltre a cantare io so fischiare molto bene”.