Quinta colonna: il nuovo programma di Salvo Sottile apre con l’attentato di Brindisi, il naufragio del Costa Concordia, l’autismo e la crisi tra i temi odierni.

Da appena quindici giorni ha portato a compimento l’impegno con Rete4, Quarto grado, il programma di cronaca nera in onda al venerdì sera sulla rete diretta da Giuseppe Feyles, che Salvo Sottile si trova a percorrere una nuova, impervia via, che lo conduce nella prima serata della rete ammiraglia, con un nuovo programma di informazione, il primo nella storia della rete, in prima serata, dal titolo Quinta colonna. Il giornalista/conduttore anticipa, sulle pagine di Tvsorrisi&canzoni, i contenuti del programma e, innanzitutto, spiega la scelta del titolo: “Il programma sarà scritto da me e da Siria Magri, che oltre ad esserne la curatrice è vicedirettrice di Videonews come me. Il titolo scelto prima di tutto perchè è un giallo di Agatha Cristie. Poi perchè rimanda a un gruppo di person che lavorano insieme per un ideale, che nel nostro caso è buona informazione. Infine perchè nella prima pagina di alcuni quotidiani, come ‘Il Foglio’ di Giuliano Ferrara, la quinta colonna è dedicata alle opinioni riportate su fatti vissuti in prima persona“.

Sarà ‘caccia alle differenza‘ con il fortunato Quarto Grado?

Rispetto a Quarto grado allargheremo lo spettro ai grandi fatti di attualità: la politica, l’economia ma anche notizie più leggere. Riprenderemo i temi che sono sui giornali cercando di utilizzare lo stesso impianto narrativo del programma di rete4, quello della grande inchiesta con tutti i dettagli sviscerati, dando alle storie che raccontiamo un taglio giallo. Ma questa volta invece degli esperti del Ris in studio ci sarà uno scrittore di gialli. Non sappiamo ancora chi, ma avrà il compito di fare gli snodi letterari tra una storia e l’altra. Per esempio, se decidiamo di parlare di ricostruzione del dopo terremoto e dalla nsotra inchiesta emerge che le cose non funzionano, ci chiediamo: c’è un movente, c’è un mandante? Allora cercheremo di analizzare i fatti, raccontandoli come se fossero le pagine di un giallo.

Condurrò il programma in uno studio che ricorda un’agorà, una piazza dell’antica Grecia, con un colonnato intorno“, ma:

Non restemo chiusi in studio ma ci saranno anche collegamenti esterni. Attraverso i nostri inviati porteremo in televisione storie girate in prima persona per mezzo della tecnologia che abbiamo a nostra disposizione. Faremo inchieste utilizzando anche le telecamere nascoste o utilizzando un drone, ossia un aereo telecomandato con una piccola telecamera per fare delle riprese aeree. Gli operatori utilizzeranno anche uno speciale zainetto, il ragono, già in dotazione agli inviati di Tgcom24, che permette di trasmettere le immagini dei servizi in mobilità, ovunque ci si trovi’.

Al centro della prima puntata in onda stasera ci sarà l’attentato di Brindisi visto con gli occhi dei sopravvissuti. Tra questi la compagna di Melissa Bassi, Sabrina Ribezzi, miracolosamente sfuggita alla morte. Tra gli altri argomenti della serata: le vittime della crisi, la faccia meno nobile degli Europei di calcio 2012, i misteri della Costa Concordia. Si parla anche di una malattia insidiosa come l’autismo: ospite in studio Franco Antonello, protagonista del libro “Se ti abbraccio non avere paura”, che per liberare il figlio autistico Andrea dal suo guscio impenetrabile ha attraversato con lui Stati Uniti e Sud America, fino all’Amazzonia.