Palinsesto La7, autunno 2012: Santoro scalza Formigli; Cucciari debutta in prima serata; il ritorno di Crozza e Paolini, l’arrivo di Guzzanti e Mannino.

Dopo Mediaset e Rai, è tempo di concludere il nostro viaggio, alquanto avventuroso, tra le ipotesi di palinsesto che, come ogni anno in questo periodo, giornalisti ed addetti al la(i)vori si affannano a formulare e ad offrirvi. Abbiamo usato la parola ‘ipotesi‘ non a caso: esiti Auditel infausti, trattative sfiancanti, spesso impongono cambi di rotta e ripensamenti. Per La7, il direttore Paolo Ruffini ha pensato un palinsesto ‘agile‘, per la stagione autunnale, che facilmente potrà rispondere alla necessità di contenere i costi, allargare il bacino d’utenza e rispondere prontamente alle emergenze del nostro tempo, confermando la vocazione della rete per l’attualità.

Come anticipatovi, il coupe de theatre riservatoci dell’ex direttore di Rai3 è il ritorno di Michele Santoro e della sua squadra, Vauro e Marco Travaglio compresi, sulla generalista. Dal 25 ottobre, Servizio Pubblico tornerà con la seconda edizione, che sarà prodotta autonomamente ed in piena libertà, “l’unico vincolo che avremo è il rispetto delle leggi“, scrive la squadra di Servizio Pubblico su Facebook. L’amministratore delegato dimissionario, Antonio Stella, ha spiegato: “Lo pago in funzione degli ascolti che raggiungo, ho stabilito una scaletta che mi consente di rendere il programma redditizio“.

Corrado Formigli, tuttavia, non verrà fagocitato dal maestro, temibile Crono: verrà concesso all’allievo di preparare la strada a Santoro, andando ad occupare il giovedì sera con Piazzapulita sino all’arrivo di Servizio Pubblico. Immancabile l’appuntamento del lunedì con L’Infedele di Gad Lerner, che nella prossima edizione ospiterà le inchieste di Gianluigi Nuzzi, orfano de Gli intoccabili. Il venerdì sarà votato al sorriso, oltre che alla riflessione: a settembre sarà la volta di Teresa Mannino, creatura di Zelig, con Se stasera sono qui, un ritratto dissacrante del Paese che cambia che si avvarrà della partecipazione di giornalisti, opinionisti, artisti, politici e giovani talenti. Ad ottobre il ritorno di Maurizio Crozza con un nuovo format della durata di un’ora che, nel caso incontri il favore del pubblico, verrà riproposto anche in primavera, seguito dal nuovo programma di Geppi Cucciari, che non rinuncerà al preserale con l’appuntamento cult G’ Day.

Al martedì due fiction in prima visioni: Prime Suspect, crime statunitense, e Saving Hope, il medical drama sul modello di Dr. House. Fallito l’esperimento di Serena Dandini, al sabato sera torna l’informazione con In onda, alla cui conduzione sono confermati Luca Telese e Nicola Porro, presenti anche in access prime time, alla domenica, prima della nuova edizione di Atlantide con Mario Tozzi.

Previste, inoltre, serate evento affidate a Corrado Guzzanti (della sorella, tornata in tv la scorsa primavera, con Un Due Tre Stella, proprio su La7, nessuna traccia) e, nel 2013, a Roberto Saviano. Verrà, infine, proposto un nuovo lavoro di Marco Paolini, dopo il felice esito ottenuto da Itis Galileo in primavera, e da Ausmerzen l’anno precedente.

Confermati, in mattinata, gli appuntamenti con Omnibus, condotto da Andrea Pancani e Alessandra Sardoni, Coffee Break con Tiziana Panella e L’aria che tira con Myrta Merlino. Al termine dell’edizione delle 13:30 del TgLa7, debutta Cristina Parodi con un nuovo appuntamento quotidiano, di circa due ore, in diretta dal lunedì al venerdì, che si comporrà di due parti, la seconda, che partirà alle 17.50 e durerà circa mezz’ora, fungerà da traino per l’appuntamento quotidiano con i menù della sorella Benedetta. A seguire G’ Day, che torna all’originario formato di circa mezz’ora. In access prime time confermato Otto e mezzo, al timone ancora Lilli Gruber.

In seconda serata debutterà, con la conduzione di  Edgardo Gulotta e Flavia Fratello, l’edizione notturna di Omnibus, ovvero Omnibus Night, che conterrà anche il telegiornale e il TgLa7 Sport. Enrico Mentana continuerà a dirigere il Tg de La7, spendendosi nella realizzazione di speciali sui principali fatti di politica e cronaca e degli approfondimenti sui Film Evento.