Magazine – The Mentalist: la quarta stagione su Rete4; Donelli brinda al successo (?) di Canale 5; Zelig torna a gennaio 2013, Massimo Boldi a Natale;

  • The Mentalist torna su Rete4 con la 4° serie in prima tv – Spettacolo

Tra le proposte di punta del prime-time dell’Autunno di Retequattro, le prime visioni in chiaro della 4° serie di “The Mentalist” sono uno degli appuntamenti più attesi. Mentre negli Usa la 5° stagione ha debuttato da pochi giorni (e Cbs ha confermato la produzione della 6°), la Rete diretta da Giuseppe Feyles propone i 24 episodi del serial ideato da Bruno Heller con protagonista l’attore australiano Simone Baker, dal 13 settembre, ogni giovedì, con un doppio appuntamento in prima serata. La squadra d’investigatori che collabora con Jane è riconfermata: Teresa Lisbon (Robin Tunney), Kimball Cho (Tim Kan), Wayne Rigsby (Owain Yeoman) e Grace Van Pelt (Amanda Righetti). Tra le new entry, nel finale di stagione, è Emmanuelle Chriqui ha sconvolgere la vita sentimentale di Patrick. Morena Baccarin, invece, è la guest star del 15° episodio.

  • Leone: “Pechino Express non sostituisce Annozero” – Spettacolo da AdnKronos
“No, non mi sento in colpa per aver preso il posto di Santoro. Ed anzi, a dir la verita’, non ho preso il posto di nessuno“, precisa in prima battuta l’erede di Casa Savoia, che avra’ il ruolo di inviato nel reality-game. E subito rincara la dose il direttore di Rai Intrattenimento: “‘Pechino Express‘ non e’ un programma d’informazione e quindi non ha preso il posto della trasmissione prima condotta da Santoro. L’assenza di un programma d’informazione ha fatto si’ che Rai2 individuasse il giovedi’ come il giorno migliore”.
  • Zelig torna a gennaio, da una tensostruttura – Spettacolo da Ansa

La prossima edizione di Zelig andrà in onda su Canale 5 da gennaio, e verrà allestita in una tensostruttura a Milano probabilmente in Piazzale Cuoco, dove diversi decenni fa c’era un tendone in cui debuttarono Cochi e Renato e Dario Fo tenne alcuni spettacoli. Lo hanno reso noto ieri sera gli autori del programma Gino e Michele e Giancarlo Bozzo. “Abbiamo deciso i conduttori già da giugno, ma ancora non abbiamo intenzione di rendere noti i nomi – hanno detto Gino e Michele – quello che possiamo dire è che l’idea che regge sia Zelig che Zelig Off è di sfruttare al meglio le risorse interne”. Zelig, secondo quanto riferito dagli autori, cercherà quindi di riproporre il solito schema comico, puntando anche sui volti nuovi che usciranno dal laboratorio di Zelig Off. “Di sicuro – hanno aggiunto – Zelig sarà sempre più cabaret e meno varietà”.

  • Boldi protagonista del film di Natale di Canale 5 – Spettacolo da Ansa

Sono iniziate a Sestriere le riprese del film tv ‘Un Natale a quattro zampe‘ prodotto ed interpretato per Mediaset da Massimo Boldi. Il film, diretto dal regista Paolo Costella che lo ha anche sceneggiato con Enrico Oldoini e Gianluca Bomprezzi, racconta le avventure di due ragazzi che decidono di aprire un hotel per tutti i clienti che vogliono tenere con se’ durante le vacanze i loro amici a quattro zampe. Tra gli interpreti Maurizio Mattioli, Biagio Izzo, Paola Tiziana Cruciani.

  • Massimo Donelli, direttore di Canale 5, entusiasta (?): “primato assoluto sul target commerciale” – Spettacolo

«”C’è posta per te”, “Avatar”, “Squadra antimafia”, “L’onore e il rispetto”, “Avanti un altro”, “Veline”… La partenza della nuova stagione televisiva conferma il primato assoluto di Canale 5 sul target commerciale 15-64 anni, il piu pregiato, il più difficile da conquistare in un contesto competitivo che si allarga continuamente. Canale 5 è l’unica tv commerciale in grado di aggregare platee così vaste e garantire ascolti così importanti agli investitori pubblicitari. Con buonapace, una volta ancora, di chi si ostina a profetizzare, nonostante le sistematiche smentite fattuali, l’imminente morte della tv generalista. I risultati confermano che l’esclusività dell’offerta di Canale 5 è apprezzata dalle famiglie italiane sempre più attente, esigenti e abili nella scelta fra centinaia di proposte tv. Ne siamo molto lieti».

  • Bonolis su Baudo: “dopo i 70 anni non puoi offrire nulla di nuovo” – Spettacolo da Il Messaggero

Si capisce che lei è affezionato al Festivalone. Ha il tempo per rifarlo, magari battendo anche il record di 13 conduzioni di Pippo Baudo.

«Siamo due persone differenti. Lui è un professionista eccezionale, ma secondo me dopo i 70 anni non puoi offrire nulla di diverso dal tuo bagaglio di conoscenze e rischi di sconfinare nella nostalgia. Io mi sento già fuori della contemporaneità a 52 anni, immaginiamoci fra venti. Pippo, secondo me, fa bene a fare Novecento o Il viaggio, che si adattano alla sua cultura e alla sua eleganza».