La prova del cuoco – Puntata del 18/09/2012 – Sergio Barzetti, nuova sfida per Anna Moroni, Bonci e…

La sigla introduce Antonella ed annuncia una nuova puntata de La prova del cuoco. Saluti alle signore del pubblico, qualche battuta e via dalla battagliera Anna Moroni, impegnata in una nuova sfida di Anna contro tutte. Oggi, a sfidare la cuoca c’è la signora Maria Rosa Lorenzi, Anna si dice particolarmente preoccupata, perchè la signora propone dei barbagiuai, o meglio conosciuti come  ravioli fritti e ripieni di zucca e Anna dice che non li ha mai assaggiati e non conosceva nemmeno la ricetta fino all’altro giorno.

Anna è preoccupata anche per i giudici della gara, ovvero i cuochi di oggi Riccardo Facchini e Ivano Ricchebono. Ivano è ligure, come la signora che sfida Anna, quindi lei teme possa fare favoritismi. Per l’impasto dei ravioli usano entrambe acqua, farina, sale, olio. Per il ripieno Anna usa 1 kg di zucca cotta al microonde, il riso cotto con acqua e latte nel microonde e le bietoline lessate. Mette tutto nel mixer, aggiunge le uova, il parmigiano, la maggiorana, la ricotta salata e frulla tutto. 

La signora Maria Rosa, invece, per il ripieno unisce la zucca cotta in acqua, la boraggine, il prezzemolo, un pizzico di aglio, un po’ di grana, un uovo e il formaggio tipico della sua zona (brusc). Anche lei frulla tutto. Il composto ottenuto va poi fatto riposare. Si stende la pasta, si formano i ravioli che riempiamo con il composto preparato. Si friggono in abbondante olio bollente; Riccardo nota come la ricetta di Annina assomigli a quella delle loro crescentine bolognesi. La cuoca protesta tra le risate di Ivano, che aspettava da tempo questo momento, per potersi vendicare di lei.

I piatti sono pronti, è il momento di assaggiare. Riccardo chiede ad Anna chiarimenti sulla cottura della zucca al microonde e lei specifica di averla tagliata a pezzetti piccoli e cotta per un quarto d’ora, Ivano assaggia e commenta malizioso, dicendo di aver mangiato di meglio dei ravioli fatti da Anna, e lei non ci sta! E’ il momento dei voti: 9 e 10 i voti per la sfidante, 8 e 8 per Annina. Quindi a vincere la sfida è la signora Maria Rosa.

L’appetito vien mangiando..‘ introduce il maestro in cucina di oggi, che non può che essere Mr alloro Sergio Barzetti. Ad Antonella si illumina lo sguardo alla vista del taleggio, che adora. Sergio, infatti, prepara le eliche mantecate al taleggio con pomodorini, uva e pere. Ecco gli ingredienti.

Per prima cosa mettiamo a cuocere la pasta, in questo caso le eliche, nell’acqua bollente e salata. Intanto tagliamo i pomodorini in quattro e la pera a dadini, prepariamo la crema al taleggio facendo scaldare in un pentolino il latte con una foglia di alloro, un po’ di sale e di pepe e una volta che raggiunge l’ebollizione aggiungiamo un po’ di maizena  che abbiamo stemperato con un pochino di acqua fredda, aggiungiamo poi il taleggio privato dalla crosta e fatto a pezzetti e il prezzemolo tritato, ottenendo così una specie di besciamella al taleggio.

In una ciotola mettiamo i pomodorini e la pera tagliati a pezzetti, qualche acino di uva tagliato a pezzetti, un goccio di olio, un pochino di prezzemolo tritato e amalgamiamo bene. Scoliamo la pasta e la mettiamo in una padella antiaderente, aggiungiamo la crema al taleggio, mantechiamo bene e impiattiamo e mettiamo sopra il composto fatto con i pomodorini, pere e uva. Buon appetito!

L’agronomo e ‘gnometto‘ Augusto Tocci ci parla dei fichi e per prima cosa consiglia, in qualsiasi caso, di aprirli prima di mangiarli. Oggi li serve con dentro un gheriglio di noce, li richiude e li mette in un vasetto di vetro, ci aggiunge la scorzetta di limone, un pizzico di zucchero e riempie il vaso con l’acqua, chiudendo infine il barattolo e mettendolo a bollire in una padella per 20 minuti. In questo modo avremo i fichi per tutto l’inverno. Essendo un frutto molto dolce si può usare anche per fare un’ottima marmellata: spezzettiamo in un pentolino 1 kg di fichi, mettiamo un limone tagliato a fettine sottili, 2 cucchiai di zucchero e facciamo cuocere pian piano per circa tre quarti d’ora aggiungendo un pochino di acqua solo nel caso il composto si attacca, aggiungendo verso fine cottura anche qualche gheriglio di noce. E la marmellata è pronta!

Torna anche nella puntata infrasettimanale Gabriele Bonci, che ci insegna a preparare il pane con il grano duro. Una ricetta, come tutte quelle di Bonci, riproducibili nel forno di casa. Per l’impasto usiamo 1kg di farina sfarinata, 300 gr di lievito madre oppure 7 gr di lievito di birra in polvere, 800 gr di acqua, amalgamiamo bene in una ciotola di vetro e infine mettiamo 12 gr di sale. Impastiamo sulla tavola fino ad ottenere un imposto liscio e omogeneo, lavorandolo per bene da tutte la parti. Facciamo livitare per 7-8 ore, giriamo l’impasto da tutte le parti e ricaviamo le pagnotte e le mettiamo a lievitare avvolte in un cannovaccio spolverato con la farina per altre tre ore. Pratichiamo sopra dei tagli, accendiamo il forno al massimo 250° e, quando inforniamo, abbassiamo a 160°. Facciamo un bel panino con rughetta e pomodorini, capocollo e… buon appetito!

Infine la gara dei cuochi che vede nel pomodoro Riccardo Facchini con Francesco Saccomandi e nel peperone Ivano Ricchebono con Patrizia Cava. Dopo esser stati giudicati sulla personalità, ora ne saggiamo la popolarità e per questo a giudicare sarà il pubblico a casa attraverso il televoto.

Piadina romagnola con pomodori e squacquerone alle erbe aromatiche e petto di pollo farcito con mortadella e cipollotti in agrodolce oppure fritto del golfo con maionese di carote e tiramisù ai frutti di bosco? Il pubblico decreta che a vincere sia la squadra del pomodoro.

A domani con La prova del cuoco.