Alex Del Piero a C’è posta per te 2012.

La storia di un regalo“. Una clip racconta l’addio di Alex Del Piero alla Signora, la Juve. Non è questa (discussa) separazione, tuttavia, ad essere al centro della storia che Maria si accinge a raccontare all’entusiasta platea. Una standing ovation accoglie il campione. Manco fossimo allo stadio, dalla curva si leva un coro, solo quando i fan(atici) tacciono, fa il suo ingresso Debora. Il marito è stato colto da nicrosi delle ossa, che lo costringe all’immobilità sulla sedia a rotelle. La fragilità delle ossa gli impedisce persino di tenere in braccio i figli. “Io lo amo, qualora non ci fosse lo cercherei negli occhi di tutti coloro che incontrerei per strada“, spiega Debora, che si trova, inoltre, a dover fare i conti con una situazione economica alquanto precaria, giacché il marito non può lavorare oramai. La donna intende chiedere perdono per i momenti di tensione in cui si lascia andare a qualche imprecazione, ed intende farlo attraverso le parole che Alex, suo mito, vorrà rivolgergli.

Alla vista della moglie, Antonio si commuove. Maria racconta la storia di un grande uomo, che alla moglie suggerisce: “c’è chi sta peggio di noi“. Già, se solo ce ne ricordassimo, a volte.Ti amo talmente tanto che, se ti conoscessi oggi, così, sulla sedia a rotelle, ti risposerei“, Antonio ascolta commosso e lusingato, la conduttrice gli stringe la mano.

Qualcosa di magico che ti faccia volare senza farti alzare dalla tua sedia“, quel qualcosa è Alex, che ora siede al fianco dell’uomo. “Quello che è stato raccontato è qualcosa di straordinario. Siete due bellissime persone“, il calciatore non ci sa fare con le parole, ma lo sapevamo già. Una serie di ovvietà e, infine, qualcosa di ‘sostanzioso‘, finalmente: un album di figurine Panini, una dozzina di videogames per il figlio, una casa di bambole per la figlia, ed un salvadanaio (“con una sorpresina dentro“, dice) per i più grandi. “L’augurio che ci possa essere tanta fortuna nella vostra vita, anche se ne avete già una e siete voi“, conclude Alex. Le scuse di Debora precedono un dolce abbraccio: “tante volte mi hai detto che non vorresti vivere, che potrei avere un altro. Io non lo voglio un altro, voglio a te!“.

Clicca qui per rivivere l’intera puntata.