Magazine – Venier su D’Urso e Parodi, ma la De Filippi è la più brava; su Rete4 Don Camillo, su Italia 1 “Live”; eventi “stellari” per la Marini.

  • La fiera del Kitsch, by Valeria Marini – Gossip da Twitter

Valeria Marini ‏@ValeriaMariniVM
Evento stellare. Grazie a tutti per aver partecipato!

  • Mara Venier su D’Urso e Parodi, ma Maria De Filippi è la più brava – Spettacolo da Gente

Mara Venier: “Non vivo Barbara d’Urso e Cristina Parodi come due avversarie – aggiunge – Parodi è una giornalista elegante, ha bon ton e misura e in alcune dichiarazioni ha preso le distanze dai contenitori del pomeriggio. Con il suo 3 per cento di share credo che le distanze le abbia proprio prese. La d’Urso è più simile al mio modo di essere e fa il suo programma egregiamente. Ma non dimentichiamo che c’è anche Maria De Filippi con il suo Uomini e Donne. E’ la più brava di tutte. Non nascondo che un giorno mi piacerebbe lavorare con lei. Io la chiamo Super Maria

  • Don Camillo e Peppone tornano su Rete4 con il commento di Tatti Sanguineti – Spettacolo

Tatti Sanguineti rilegge il mito di Don Camillo, l’affresco di un’Italia divisa tra Democristiani e Comunisti ma dove, nonostante la contrapposizione, gli avversari politici avevano stima l’uno dell’altro e, quando la necessità lo richiedeva, sapevano lottare fianco a fianco per gli stessi ideali. Dal 25 settembre, per cinque appuntamenti, l’eclettico critico e autore savonese apre e chiude la prima serata di Retequattro commentando, ricordando e svelando – sotto una luce inedita – le popolari pellicole ispirate ai racconti di Giovanni Guareschi. Apre la rassegna, “Don Camillo” (Julien Duvivier, 1952), campione d’incasso della stagione 1952-53 e primo film di una serie prodotta dalla Cineriz proseguita fino al 1965. In cartellone, anche gli altri quattro episodi della saga: “Il ritorno di Don Camillo” (Julien Duvivier, 1953); “Don Camillo e l’onorevole Peppone” (Carmine Gallone, 1955); “Don Camillo monsignore… ma non troppo” (Carmine Gallone, 1961); “Il compagno don Camillo” (Luigi Comencini, 1965).

  • Mara Venier: “Lamberto mi manca, spero torni presto” – Spettacolo da Adnkronos

“Lui e’ sempre con me. Non c’e’ giorno in cui non lo pensi. Mi manca e spero di poter lavorare ancora con lui”. Mara Venier, in un’intervista-memoriale esclusiva a ‘Gente’, il settimanale Hearst magazine Italia diretto da Monica Mosca in edicola da lunedi’ 24 settembre, racconta a cuore aperto del suo rapporto a ‘La vita in diretta’ con Lamberto Sposini: “All’inizio -racconta Mara- nessuno avrebbe scommesso un euro sul nostro rapporto. Poi, pero’, tra noi si e’ creato un feeling naturale ed e’ nata una grande amicizia”.

  • Greggio ed Hunziker commentano gli ascolti della prima di Striscia – Spettacolo

Ezio Greggio:  “Sono seduto dietro quella scrivania dalla prima puntata del 1988: Striscia è solida come un bund tedesco, fedele come l’Arma nel quarto di secolo! Grazie a tutti per essere con noi da 25 anni”.

Michelle Hunziker: “Striscia è la dimostrazione che gli italiani scelgono la gioia, la leggerezza ma soprattutto apprezzano la serietà con cui il nostro fantastico team lavora quotidianamente sulle denunce inviate dai cittadini . Per me ora l’Italia è: pizza, pasta, cultura e Striscia! Grazie di cuore al nostro pubblico”.

  • Studio Aperto – Speciale Live: “Rosso Cocaina”; questa sera, su Italia1 – Spettacolo

Questa sera, alle ore 22.50, su Italia 1 appuntamento speciale con “Studio Aperto – Speciale Live” dal titolo: “Rosso Cocaina”. Come un fiume che travolge le nostre città, la cocaina è tornata a scorrere e il doppio omicidio di via Muratori a Milano ha riacceso i riflettori su un fenomeno che sembrava sparito ma che invece è diventato inarrestabile e coinvolge persone insospettabili. Condotto da Gabriella Simoni, “Rosso Cocaina” è un dossier che precede e segue il film “Sbirri”, e racconta attraverso testimonianze esclusive, il nuovo volto di questa droga, una volta destinata alla gente ricca e oggi sempre più facile da acquistare. Partendo proprio da Milano, “Live” mostra come sia cambiata la mappa dello spaccio e della diffusione, in una delle piazze più importanti del nostro paese, attraverso la voce di un ragazzo che spiega come dalla Colombia la droga arrivi in Italia e le regole del commercio. Spazio poi a un infiltrato per illustrare la battaglia quotidiana delle forze dell’ordine nel cercare di scoprire i meccanismi sempre più sofisticati che permettono l’arrivo della droga dall’estero. Non mancherà il punto di vista medico per comprendere quali siano gli effetti della cocaina sul nostro corpo e in particolare sul nostro cervello. Infine “Live” incontra il gruppo degli Antigua che, con il video realizzato in collaborazione con l’assistente Capo dell’Antidroga di Milano Angelo Langé, vogliono sensibilizzare i loro coetanei al tema della droga. Perché come dice il titolo del loro brano, diventato la colonna sonora degli incontri del poliziotto nelle scuole e nei centri sociali, “la droga ti fotte”.

  • Angelina Jolie soffre di epatite C? – Gossip da IlMessaggero

[…] il National Enquirer, secondo il quale la 38enne attrice soffre di epatite Ccontratta da giovane quando faceva abuso di droghe o durante uno dei suoi numerosi viaggi da artisti del tatuaggio. Si calcola infatti che Jolie abbia almeno 12 tatuaggi sul corpo, e anzi ne avrebbe di più solo che alcuni li ha fatti cancellare con la laserterapia quando sono diventati datati. Uno di quelli cancellati è il nome di Billy Bob Thorton, il secondo marito. Stando alla ricostruzione dell’Enquirer, Angelina sarebbe tanto malata da essere in lista per un trapianto di fegato, o almeno questo sostengono «alcuni amici dell’attrice», di cui non si fa il nome. La portavoce di Angelina ha spiegato subito che la storia è falsa «al cento per cento» e che la magrezza dell’attrice è dovuta al fatto che nei numerosi viaggi a scopo di beneficenza Ang spesso dimentica di mangiare e bere, e si accontenta di un pugno di noci e un po’ di frutta.