Il caso Enzo Tortora – Dove eravamo rimasti? – Puntata del 30/09/2012. Anticipazioni e trama.

Questa sera e domani su Raiuno va in onda la miniserie dedicata ad Enzo Tortora, il noto conduttore televisivo vittima, negli anni Ottanta, all’apice della sua carriera, di un tremendo errore giudiziario. La trasposizione televisiva della vita del conduttore di Portobello, però, non è stata molto gradita ai familiari di Tortora.

La produttrice Paola Lucisano spiega che ‘è stata rimessa mano alla sceneggiatura, accogliendo la richiesta della famiglia di comprare i diritti del libro Fratello segreto per avere il punto di vista della sorella Anna, ma dopo aver mandato l’ultima stesura non abbiamo più avuto risposte‘.

La figlia del conduttore, Gaia Tortora, ribadisce di non aver avuto contatti recenti con Tognazzi o con la produzione:

‘L’ultima mail che ho ricevuto risale a febbraio scorso, ho manifestato in più occasioni i miei dubbi sull’opportunità di realizzare una fiction su mio padre: certe storie vanno raccontate con attenzione, senza scivolare nel romanzetto d’appendice. Anche la seconda stesura non la condividevo. Sono andati avanti lo stesso con le riprese. E nessuno ci ha fatto vedere il girato, e non ho ricevuto inviti né per le proiezioni’.

Enzo Tortora, nel 1983, proprio all’apice della sua carriera, venne arrestato con l’ accusa di essere “affiliato” alla Camorra per poi, quattro anni dopo, essere assolto con formula piena da tutte le infamati accuse. Le vicende di un uomo baciato dal successo che, per un grave errore giudiziario, precipita nell’inferno dell’infamia.

Ad interpretare Enzo Tortora è  Ricky Tognazzi ,Bianca Guaccero veste i panni dell’ultima compagna di vita del noto conduttore, Francesca  Scopelliti, mentre Carlotta Natoli sarà l’amata sorella di Tortora, Anna, una donna forte e determinata che non lo abbandonerà mai. La figlia maggiore Silvia è interpretata da Eugenia Costantini, mentre Thomas Trabacchi è l’avvocato Della Valle e Luigi la Monica l’avvocato Dall’Ora. E ancora, due compagni di cella di Tortora sono interpretati da Tony Sperandeo (Siciliano) e da Francesco Venditti (Ruggero). Mariano Rigillo veste i panni del Presidente Di Leo ed Enzo Decaro, invece,  dà volto e corpo al giudice Marini, i magistrati del processo d’appello che nel settembre 1986 emisero quella sentenza di assoluzione  che restituì a Tortora la libertà e la dignità perduta. Infine, ecco la trama della prima parte in onda stasera.

E’ il 17 giugno 1983 quando Enzo Tortora, all’apice della sua carriera televisiva, viene arrestato e trasferito nel carcere di Regina Coeli dove trascorre sette lunghi mesi di detenzione con l’accusa di essere un “affiliato” alla Nuova Camorra Organizzata. In un lampo Tortora perde tutto: fama, libertà e l’affetto della gente.

Provato fisicamente e ferito nell’anima dalle accuse di alcuni pericolosi pentiti, sarà grazie all’affetto della sorella Anna e delle figlie Silvia e Gaia, all’amore della compagna Francesca e all’amicizia dei compagni di cella che Enzo troverà la forza necessaria per lottare conto l’ingiustizia subita.