La prova del cuoco – Puntata del 9/10/2012 – Anna sfida la ‘sosia’, Milone prepara i suoi panini e…

La breve, ed ormai irrinunciabile, parentesi ‘social‘, apre la puntata odierna, che non rinuncia all’entusiasmo di Antonella, anche quest’oggi raggiante (se non fosse per le battutacce del maestro Andrea!), ed al caratterino di Annina, che si trova a sfidare una sosia (“ma siete tutte uguali in Umbria?“, domanda sorpresa Antonella) in Anna contro tutte.Non è che siete separate dalla nascita?“, domanda incredula Antonella, sottolineando la somiglianza tra le due signore.

La sfidante di Anna è Grazia Cherubini, propone cappelletti umbri al ragù, la nostra cuoca, invece, prepara cappelletti all’eugubina (in brodo). A giudicare (poveri loro!) i cuochi in gara quest’oggi, ovvero Gilberto Rossi e Mauro Improta. Le due sfidanti sono quindi pronte a dichiararsi guerra ai fornelli.

Grazia prepara il ripieno partendo da un soffritto  con carote, cipolla e sedano, ed aggiunge carne bianca, di maiale e carne rossa. Fa cuocere tutto per un’ora e, quando raffredda, togliamo le verdure che non servono e mettiamo le carni nel mixer dove  aggiungiamo anche la mortadella, salame e prosciutto crudo, formaggio grana, un uovo e una spolverata di noce moscata e frulliamo bene tutto.

Prepara quindi  la pasta per i cappelletti impastando  uova, farina, sale, olio e del vino bianco. La stende e la riempie col composto fatto e forma i cappelletti. Li cuoce e prepara il ragù con soffritto di sedano, carota e cipolla, aggiunge costine di maiale, sedano, macinato di manzo, salsiccia, vitello macinato, passata di pomdooro, sfuma con il vino e fa cuocere per almeno tre ore. Infine condisce i cappelletti cotti col ragù.

Annina inorridisce nell’apprendere che la signora usa il mixer e raccomanda di utilizzare il trita carne. Evita, inoltre, di aggiungere il salame. Anna, inoltre, preferisce il brodo di gallina al ragù.

Ad ogni indicazione di Grazia, Anna protesta e bacchetta persino i giudici di gara: “mi meraviglio che sei un cuoco!!!“, “ma è una vipera!“, commenta Antonella. Annna quindi fa cuocere anche lei i tre tipi di carne ma senza aggiungere altri odori, poi una volta cotta le passa al tritacarne.

Trita anche con il tritacarne  il prosciutto e la mortadella  (assolutamente non usa il salame e Grazia protesta dicendo che è solo perchè con il salame non li ha mai assaggiati), unisce le carni tritate  e amalgama il tutto aggiungendo anche il grana, noce moscata e un uovo.

Prepara la pasta dei cappelletti con uova, farina e un pizzico di sale, la stende,  riempie col composto fatto, forma i cappelletti e li cuoce nel brodo fatto con metà gallina, carne di manzo, sedano, carota e cipolla e dei pomodorini.  I giudici assaggiano, scottandosi un tantino. Rossi assegna un bel 9 a Grazia, lo stesso fa Improta dandole 9; per Anna, invece, solo 7 ed 8. Anna si dispera ed impreca visto che ha perso… infine, però, chiosa: “sono contenta che ha vinto“.

E’ il turno di Sergio Barzetti, che viene chiamato a pronunciarsi sulla sfida tra Anna e la casalinga peperina, il cuoco, manco a dirlo, sceglie Anna; per preservare la sua incolumità? Probabile. Sergio propone un piatto inedito e certamente sfizioso, una lasagna di pollo.

Mettiamo il pollo in freezer, per almeno un’ora, in modo che sia più facile affettarlo. Tagliamo, quindi, i pomodorini a rondelle. La peculiarità di questo piatto è che, nonostante si tratti di lasagne, si usa del pane carasau per comporre il piatto. Spezzettiamo, quindi, il pane carasau e lo mettiamo in un mixer con un filo d’olio, un pizzico di sale e delle foglie di basilico. In sostituzione al pane carasau, si può usare del pane raffermo o delle fette biscottate. ‘Stracciamo” lo speck, lasciando la parte grassa. Potrete farlo, sempre che Antonella ve ne dia il tempo… l’ha divorato ancor prima di ‘stracciarlo’!

Prendiamo un disco di pane carasau, lo mettiamo sul fondo di una teglia e lo bagniamo con dell’acqua. Prendiamo una pirofila, ungiamo il fondo con dell’olio e arricchiamo con due foglie di alloro, qualche pomodorino. Quindi prendiamo il pane ammollato e copriamo il fondo ed i bordi della pirofila. Formiamo, quindi, degli strati di speck, pomodorini, pane grattugiato con basilico, scaglie di grana, pollo. Si prosegue, sino a comporre quattro strati. Chiudiamo con il pane ammollato restante, un filo d’olio, scaglie di grana ed inforniamo per 20 minuti a 180°. Antonella è entusiasta del risultato: “Barzetti è un genio!“.

Direttamente dal sottobosco, arriva Augusto Tocci, lo gnometto che promette: “oggi ti faccio vedere i sorci verdi!”. Augusto illustra le proprietà della malva e dell’ortica. Le cucina al vapore e le lavora col passino, unisce la poltiglia (!) ottenuta a della ricotta (parti uguali), del pangrattato e un uovo. Formiamo delle sfere, le infariniamo e le mettiamo a bollire. Questi sarebbe i “famosi topi verdi“… Invochiamo l’intervento di Santini: “orrore!“. Una volta bolliti, li mettiamo in una teglia, coprendoli di grana grattugiato e fiocchi di burro.

Antonella corre da Cristian Milone: “oggi è la mia giornata!“. La conduttrice commenta amareggiata: “se assaggio anche questi prendo due chili oggi!“. Vediamo il menù proposto quest’oggi dal paninaro. Il primo: pancetta arrotolata, fonduta di pecorino, patate lessate. Il secondo, invece: lardo, pomodori secchi e stracchino. Antonella, scegliendo il panino “più sciolto“, promette di proporre dei suoi panini. Marco, intanto, “mangia e tagga”; ah, sti social!