Alessandro Greco: “pronto a tornare con Furore, ma la notizia del revival è solo ufficiosa”.

Giancarlo Leone aveva annunciato, sul suo profilo Twitter, che nella prossima stagione, anche Raidue avrebbe dovuto arrendersi al fascino del revival, pescando dal passato alcuni dei titoli che hanno maggiormente ingolosito la platea televisiva. Rintracciare i titoli che, sulla seconda rete, hanno ottenuto un buon riscontro non può dirsi certo impresa ardua: il palinsesto della rete punta sugli stessi titoli da anni e le (poche) novità hanno avuto esiti Auditel discutibili. Ipotizzare che potesse essere Furore, lo show musicale condotto sino al 2001 da Alessandro Greco, il prescelto, quindi, non è stato difficile. Ora, in un’intervista a Vero, il conduttore ‘storico‘ del programma (sostituito in una sola edizione, nel 2003, da Daniele Bossari) conferma l’ipotesi di un ritorno.

Quando la scorsa estate ho condotto la finale del Festival di Castrocaro, che è andata in onda in prima serata su Rai1, le voci di un mio ritorno al timone di una nuova edizione di Furore si sono fatte sempre più insistenti. In passato hanno tentato di realizzare un’edizione del programma senza di me, ma gli ascolti sono stati bassi. Ci sono programmi che sono strettamente legati a chi li conduce e il pubblico spesso non accetta cambiamenti.

Un’operazione simile è stata già compiuta con Per tutta la vita ed il risultato è tristemente noto (chiuso dopo sole due puntate, con una share media inferiore al 10%). Inoltre, il tentativo di proporre un format affine, che lo ricordasse per molti versi, I love Italy, non ha avuto l’esito sperato. Greco, però, non si lascia intimorire dai fallimenti dei colleghi, anche perchè, a differenza di Frizzi, ad esempio, lui ha poco da perdere.

Spero molto presto, per ora la notizia è solo ufficiosa e non ufficiale. Sono pronto a ripartire con l’entusiasmo di sempre, magari arricchendo il format con qualche piccola innovazione. Mi piacerebbe rendere il gioco più interattivo, permettendo al pubblico da casa di interagire con il programma attraverso i vari social network.