Ris Roma 3 – Quarta puntata del 24/10/2012 – Anticipazioni.

Terzo appuntamento con la squadra dei Ris di Roma. Il secondo, seguito da 4milioni 210mila spettatori, share del 16,34%, ha fatto registrare una lieve contrazione dell’audience (la prima puntata era stata seguita da 4milioni 380mila spettatori, share del 16,82%), confermando, tuttavia, il buon esito della messa in onda del primo appuntamento: il poliziesco targato Taodue, infatti, è stato nuovamente il programma più visto della prima serata del mercoledì, davanti alla commedia proposta da Rai1, Sposami, che si è fermata a 4milioni 103mila spettatori, share del 15,21%. Questa sera, la terza puntata. Prima di leggerne la trama, ricordiamo quanto accaduto mercoledì scorso. La banda del Lupo, violato il nido dell’ispettrice e del compagno, si introduce a casa del tenente Ghirelli. Trovandovi Selvaggia, i criminali tentanto di praticarle violenza; Ghirelli interviene, mettendo in fuga la banda. Selvaggia, scossa dall’accaduto, decide di lasciare l’italia. Un attore viene ucciso sul set a Cinecittà; ben presto gli agenti capiscono che l’obiettivo dell’azione criminosa non era l’uomo, ma la star americana che recitava con lui: delitto passionale ad opera di una sua ex fidanzata. L’avvocato Guidi, ex difensore della banda, viene ucciso dai membri della stessa davanti agli occhi dell’avvocatessa di Giordana, Anita; in un primo momento lei appare come l’unica testimone dell’accaduto, in realtà è la donna del Lupo e, su mandato di quest’ultimo, uccide Giordana.

Nella terza puntata in onda questa sera, due nuovi episodi. Nel primo, dal titolo Il caso Sasso, il temibile Lupo prosegue nel mettere in atto la serie di vendette ordite con la complicità della banda. Ora, il criminale può contare anche su un nuovo elemento della banda, per portare a compimento il suo piano. I Ris indagano sul nuovo arrivato e si avvicinano sempre più ai latitanti. Intanto, il tenente Sasso elimina uno spacciatore e l’indagine che ne consegue lo vede in difficoltà, tanto che i colleghi dovranno tirarlo fuori dai guai. Nel secondo dei due episodi, Un pesce di nome palla, la squadra indaga sull’eventualità che un carabiniere possa aver fornito un aiuto alla Banda del Lupo. In questo modo i Ris si avvicinano al covo del Lupo, ma un tranello li attende. Un cuoco affermato muore nella cucina del suo ristorante: è stato avvelenato.

Nella quarta puntata in onda mercoledì 24 ottobre, nonostante uno di loro sia in pericolo di vita, perché ferito dal Lupo, i Ris vanno avanti con le indagini sulla base di quanto emerso in seguito alla localizzazione del covo della banda. Vengono fuori degli indizi su un grande colpo che il Lupo ha organizzato. Nel frattempo, in una villa di campagna ci sono macchie di sangue e segni di colluttazione, ma mancano morti o feriti.

La banda si rifugia in un riparo di fortuna ed affrontare alcune discussioni interne, intanto, un filmato fa credere ai Ris che il Lupo sia in ottime condizioni fisiche. Che voglia lasciare l’Italia? Intanto le indagini sulla morte di un barbone, fatto fuori in una cabina telefonica mentre tentava di chiamare i Carabinieri per denunciare qualcosa, proseguono.