Gigi D’Alessio a C’è posta per te 2012

La storia di un regalo“; le note, talvolta malinconiche, altre frizzanti, delle musiche composte da Gigi D’Alessio anticipano il primo racconto. Il cantautore napoletano fa il suo ingresso, accolto dall’abbraccio della platea: “sempre bello ‘cca“. Domani, D’Alessio sarà all’Olympia di Parigi: “è una bella emozione: da Napoli a Parigi“. Mena ed Ottavio sono fratelli. scrivono a C’è posta per te perchè “rivogliamo la nostra mamma“. “Da quando non c’è mio padre, mia madre non vive, ma sopravvive“, spiegano, narrando le tragiche vicissitudini che la vita li ha costretti ad attraversare. Il padre, sovente, era preda di attacchi di schizofrenia. Nonostante risultasse alquanto complicata la convivenza con l’uomo, la madre decise di non ricoverare il marito in uno dei tanti manicomi che, allora, puntellavano la Penisola. La donna invitava i figli ad “amare il padre per com’era dopo gli attacchi“, ma ai ragazzi risultava difficile sopportare le violenze che il padre, nei momenti d’incoscienza, praticava alla madre. Un giorno, l’uomo decise di “togliere il disturbo“: rinunciare alla vita, per restituirla ai figli. “Voglio dire grazie perchè è riuscita a farci amare nostro padre. Voglio chiederle di tornare ad essere com’era“, spiegano Mena ed Ottavio, mentre, Maria, si preoccupa di giustificare la presenza del cantautore. Il padre seguiva D’Alessio sin da quando, quest’ultimo era uno scugnizzo e, prima di andarsene, raccomandò alla madre di tenerlo d’occhio; quel ragazzo ne avrebbe fatta di strada.

Paola, la madre, accoglie con le lacrime l’invito di Maria.Lui non c’è più e quello che ci resta sono i vostri quaderni, dove vi scrivevate parole d’amore e di tanta sofferenza. Siamo qua per colorare la tua vita, noi tre ce la possiamo fare“; queste le dolci occorrenze che Mena ed Ottavio rivolgono alla madre. I ricordi più luminosi velano di nostalgia gli occhi di Paola. “Dobbiamo stringerci forte ed onorare la vita”, concludono i due ragazzi, mentre D’Alessio si prepara al suo ingresso sulle note di Na tazzulella ‘e cafè.

Gigi, emozionato e commosso, armeggia con la caffettiera. “Donne così non ce ne stanno in giro“, esordisce; “ti devo fare i complimenti come mamma e come moglie“. “Credo che i genitori siano la più grande ricchezza del mondo. I tuoi figli hanno te. Gli devi regalare tu qualcosa, un sorriso“, spiega il cantautore, prima di porgere a Paola un’agenda ed una penna: “mi devi promettere che su questi fogli scriverai i tuoi pensieri, come se stessi scrivendo a Franco. Perchè lui è sempre vicino a te“. Sviolinata a Maria: “è un programma fatto col cuore. Maria è la regina nel raccontare le storie. In 10 minuti ti fa capire tutta la vita“. Infine, Gigi si offre, insieme alla produzione di C’è posta, di finanziare la costruzione di una nuova casa per Paola.

Infine, Maria rivela la possibilità che D’Alessio torni presto su Canale 5 con degli speciali… Un altro artista preferisce il Biscione a Mamma Rai.