Squadra Antimafia 4, Marco Bocci: “la morte della Mares? Un colpo terribile per Calcaterra”. “Pretende vendetta, ma sarà un disastro”.

Un interrogativo toglie il sonno (!) ai milioni (oltre cinque, la scorsa settimana) di spettatori che, puntualmente, assistono alle peripezie della Duomo in Squadra Antimafia 4 – Palermo oggi: Claudia Mares è morta?

L’hanno vista spirare, ma non hanno ancora sepolto la speranza che il vicequestore possa tornare a ‘duellare’ con l’irredimibile Rosy Abate (una speranza, quella nutrita dai telespettatori, crudelmente alimentata dalla frase sibillina pronunciata da Simona Cavallari in videochat). Il compagno del vicequestore Mares, Domenico Calcaterra, invece, sembra aver rinunciato, oramai, all’ipotesi di riabbracciare l’amata, perlomeno è ciò che deduciamo dalle dichiarazioni di Marco Bocci. “Un colpo terribile per Domenico: non solo muore la donna che ama, ma anche il bambino che portava in grembo. Il suo bambino“, spiega l’attore a  a Tv Sorrisi e Canzoni, anticipando che il vicequestore “non si riprenderà: Calcaterra perde ogni punto di riferimento. Non è più lucido, commette errori uno dietro l’altro, anche se è determinato nel continuare a fare il suo lavoro“. Toccherà a lui assumere il comando della squadra Duomo, ma “sarà un disastro. Domenico non se ne rende conto ma segue la strada della sua vendetta privata, escludendo i colleghi del gruppo. Saranno loro a cercare di riportarlo sulla strada più corretta dopo un primo momento di sbandamento. Ma non sarà affatto facile, anche perché non avete idea dei traumi che sarà costretto a vivere nelle prossime puntate“.

Questa sera andrà in onda il sesto appuntamento con la serie prodotta da Taodue.  Domenico Calcaterra e Rosy Abate, sopravvissuti all’attentato pianificato da Ilaria La Viola, continueranno a collaborare alle indagini sull’omicidio di Claudia Mares e sulla strage dei cinque boss mafiosi. Quest’ultimo caso, in particolare, rivelerà un insospettabile legame con il passato che Rosy cerca di ricostruire e che, invece, Ilaria tenta di tenere nascosto con ogni mezzo.