Linea Verde – Puntata del 18/11/2012 – Borgo di Tramonti, laguna di Lesina, l’Irpinia le mete odierne.

Un nuovo appuntamento con Linea Verde, un’ulteriore occasione per andare alla scoperta della natura, dei luoghi più incantevoli d’Italia e non solo, un viaggio che ci permetterà di conoscere da vicino ciò che ci circonda, ma che spesso non ci è possibile raggiungere fisicamente. La prima parte di programma che in onda dalle 10 alle 10:30, denominata Orizzonti, e condotta da Chiara Giallonardo con l’aggiunta da questa edizione di Luca Sardella, che approfondirà curiosità e novità nel mondo della coltivazione dell’ortofrutta, del florovivaismo e dell’allevamento.

Nella prima parte, Orizzonti, Luca Sardella gira in barca alla scoperta della laguna di Lesina. Nel nord della Puglia, in queste acque simili a quelle del confinante mare Adriatico, è possibile trovare pesci che riescono a vivere in un ambiente che presenta una leggera dolcificazione dell’acqua. Tra questi, l’anguilla la cui tradizionale pesca costituisce la particolarità della zona, anche se negli anni si è registrato un decremento della sua produttività complessiva. Solo 50 anni fa, infatti, la pesca delle anguille impiegava circa 300 pescatori lagunari, ad oggi invece se ne contano poco più di un centinaio. Sul versante dell’agricoltura, invece, si entrerà in un’azienda agricola biologica per capire come funziona il “bio” in tutti le sue fasi, dalla coltivazione alla certificazione definitiva.

Chiara Giallonardo, invece, è nell’entroterra della Costiera Amalfitana, a Tramonti. E’ proprio la posizione di questa vallata, situata tra i monti, ad aver ispirato il nome di un paese ricco di storia e sapori. Tramonti era una delle otto Terre che appartenevano alla Repubblica Amalfitana ma era anche patria di una cultura contadina che ancora oggi rappresenta un vanto per la zona. Molti sono i prodotti come il limone “sfusato” e gli oggetti realizzati in queste terre, come la carta artigianale che profuma di limone.

La parte principale del programma, Linea Verde, in onda dalle 12:20 vede Eleonora Daniele e Fabrizio Gatta sono in va in Irpinia, nel cuore della Campania, per parlare di disastri idrogeologici. Si cercherà quindi di comprendere quali sono gli interventi di bonifica per arginare i danni, anche in termini di produttività, causati dalla storica fragilità del terreno che da sempre caratterizza l’area e che nella frana di Montaguto, attiva dal 1500, ha uno dei suoi esempi più noti. La frana di Montaguto è infatti classificata come la più grande in Europa e tra le più vaste al mondo. Verranno spiegate come nascono le opere di ingegneria naturalistica: nel rispetto dell’ambiente che viene bonificato, ad esempio, vengono usate travi di legno che ricreano argini naturali e che permettono al terreno di essere ancora coltivato e di dare i frutti della terra, risorse preziose per tutta la zona, primo fra tutti, la castagna di Montella IGP. Si farà anche una passeggiata tra gli ulivi che in questo territorio, oltre ad offrire un impareggiabile prodotto italiano, l’olio di oliva, rappresentano anche una salvaguardia per la sicurezza idrogeologica del suolo. Si scoprirà inoltre come si produce il pecorino di Carmasciano: dall’allevamento delle pecore laticauda ai segreti della lavorazione del latte che produce uno dei prodotti più tipici dell’Irpinia. In chiusura di puntata, la conduttrice mostrerà ai telespettatori come sia facile preparare uno dei piatti del luogo, i fusilli con insalata di carciofi e filetti di caciocavallo.