Servizio Pubblico – Puntata del 13/12/2012 – “L’Imbroglio” (lo spread), secondo Tremonti e Di Pietro.

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio; Silvio Berlusconi, al pelo, non sa rinunciare (i toupè corvino, ma anche le leggiadre donzelle che affollano i saloni di Villa San Martino, ne sono la prova), del secondo, non riesce a liberarsene. Di vizi, il Cavaliere ne coltiva parecchi, ma ad uno sembra arrendersi con particolare voluttà. Il 18 aprile 2002, l’allora Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, a Sofia, emanava il suo editto: “Ho già avuto modo di dire che Santoro, Biagi e Luttazzi,hanno fatto un uso della televisione pubblica, pagata con i soldi di tutti, criminoso: credo sia un preciso dovere della nuova dirigenza Rai di non permettere più che questo avvenga“. Detto, fatto: la “nuova dirigenza Rai” abbassò le braghe ed obbedì al padrone, costringendo quei criminali di Santoro, Biagi e Luttazzi a sbaraccare. Oggi, il paladino delle libertà, al centro dell’invettiva pronunciata da Luciana Littizzetto a Che tempo che fa, torna a tuonare, stavolta contro la comica toscana: “La tv pubblica lascia insultare tranquillamente un ex premier“. Certo, stavolta manca l’ordine: a Viale Mazzini siedono i ‘tecnici‘ (al momento) e Silvio è un “ex premier“, dunque, chi obbedirebbe al suo mandato? Tuttavia, se la frase sopra riportata sembra essere la stessa pronunciata da un anziano signore che, in virtù della sua storia, esige rispetto; quella frase è anche il segnale che nulla è cambiato nell’idea di democrazia che Berlusconi intende concretizzare, che non disdegna il ricorso alla manipolazione ed alla censura. Quindi, per usare il gergo tanto caro agli utenti di Twitter, #statecalmienonvotatelo.

Veniamo all’ottavo appuntamento con Servizio Pubblico: “L’imbroglio“, è il titolo della puntata in onda stasera, dalle 21:15, su La7.

Lo spread? Smettiamola di parlare di questo imbroglio. La Germania detta condizioni a tutti”: il giorno dopo queste parole pronunciate da Silvio Berlusconi, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha elogiato Mario Monti mentre il governo di Berlino ha fatto sapere che non accetterà attacchi e populismi anti-Germania durante la campagna elettorale italiana. E così, mentre risale la tensione italo-tedesca e il puzzle politico di casa nostra si complica, il Paese si ritrova a pagare un conto che si fa sempre più salato: le imprese sono in difficoltà, la disoccupazione è in aumento, più di un terzo dei giovani italiani sono senza lavoro, la rata dell’Imu di dicembre si sta mangiando le tredicesime, i consumi ristagnano mentre una parte delle famiglie italiane e del ceto medio intacca – per far fronte all’emergenza – i propri risparmi, con la crescita che resta un miraggio. E la politica – a pochi mesi dalle elezioni – si agita, ma sembra non voler mollare i propri privilegi. Come se ne esce? Con le ricette di Monti o esiste anche un’altra via d’uscita?

Ospiti di Michele Santoro: Giulio Tremonti, Antonio Di Pietro, Luigi Abete e Massimo Giannini.

CLICCA QUI per il VIDEO con MARCO TRAVAGLIO

http://www.youtube.com/watch?v=H7aVAfVIiK0
http://www.youtube.com/watch?v=9ZAgnjNEzsQ
http://www.youtube.com/watch?v=6DMhYzaHXfM
http://www.youtube.com/watch?v=j2xN4HB5v6A
http://www.youtube.com/watch?v=WZzbfxyO_7M
http://www.youtube.com/watch?v=93aLpADJFdU
http://www.youtube.com/watch?v=DyON9vlkyIY
http://www.youtube.com/watch?v=xJf8z98GJVI
http://www.youtube.com/watch?v=tI3PT-ZDfzQ
http://www.youtube.com/watch?v=ITxjpKfj9aY
http://www.youtube.com/watch?v=lgoLDkfg9rM
http://www.youtube.com/watch?v=Lq-tEk594b0
http://www.youtube.com/watch?v=N3IN2-pJ41g
http://www.youtube.com/watch?v=DJE9wzxZKmE
http://www.youtube.com/watch?v=15bmhviy4bU
http://www.youtube.com/watch?v=r8dnnG9yP1I
http://www.youtube.com/watch?v=pfeA_XAithU
http://www.youtube.com/watch?v=3UwLNhaCiaA
http://www.youtube.com/watch?v=JgI1-P9kQww
http://www.youtube.com/watch?v=fdTAomEXztk
http://www.youtube.com/watch?v=nA-LCNU7VXk
http://www.youtube.com/watch?v=mF9k2DF-CIY