La prova del cuoco – Puntata del 12/01/2013. Gnocchi di polenta, biscottini di mela, focaccia di farro.

Nell’anteprima, Anna Moroni intenta a spiegare l’utilizzo del sedano rapa: è un ortaggio molto usato nel Nord Italia e si mangia da agosto fino a marzo, si può friggere come le patatine, oppure si può anche utilizzare per prepararci un purè, o ancora per farci una parmigiana, tagliandolo a fette spesse, passate nella farina e nell’uovo, e fritte.

La sigla annuncia l’ingresso in studio di Antonella, che raggiunge Claudio Lippi, con il quale commenta l’esperienza della serata dell’Epifania a Gubbio, con Anna, che l’anno prossimo farà la sfilata al posto del cero… Claudio deve raggiungere subito la cuoca che, scatenatasi sulle note di ‘Domenica è sempre domenica‘, è già pronta con la sua ricetta della domenica. Dopo aver donato a Claudio le salsicce fatte da lei, la cuoca propone gli gnocchi gratinati di polenta con fagioli borlotti.  Ecco gli ingredienti.

Anna mette Claudio al lavoro: deve preparare la polenta e girare, girare… Il conduttore si lamenta ed informa la cuoca che esistono le pentole con il motorino. Lei risponde che a casa ce l’ha, ma preferisce farla a mano. Intanto, Anna prepara il sugo, facendo un soffritto con la cipolla tagliata finemente, pancetta tagliata a cubetti e l’olio, aggiungiamo il rosmarino, sfumiamo con il vino rosso e, una volta evaporato, aggiungiamo i fagioli borlotti e facciamo cuocere.

In un’altra padella, facciamo scaldare un goccio di olio con uno spicchio di aglio, aggiungiamo la passata di pomodoro e facciamo il sugo. Una volta che la polenta è pronta, uniamo il composto di fagioli e pancetta, amalgamiamo bene e terminiamo la cottura in modo che si insaporisca bene. Uniamo anche la fontina tagliata a cubetti e amalgamiamo tutto. Facciamo raffreddare e, aiutandoci con due cucchiai, con il composto di polenta formiamo delle chenelle. Mettiamo del sugo di pomodoro alla base di una pirofila, disponiamo sopra le chenelle, ancora un po’ di sugo di pomodoro, il formaggio grana e inforniamo (non vengono indicati tempo e temperatura).  E buon appetito!

E adesso è il momento della merenda, con Lorenzo Branchetti oggi in compagnia di Asterix e Obelix. Lorenzo propone dei biscottini con cuore di mela. Sbucciamo due mele, le tagliamo a dadini, in una pentola antiaderente mettiamo 20 gr di burro, aggiungiamo le mele a dadini, un cucchiaio di miele, un pizzico di cannella e facciamo cuocere per una decina di minuti ottenendo una polpa di mela. Prendiamo un rotolo di pasta frolla già pronta, con dei coppapasta ne ricaviamo della formine, mettiamo al centro di ogni formina un po’ di polpa di mele, copriamo con un altro disco di frolla chiudendo bene i lati. Inforniamo a 170°/180° per 15/20 minuti, spolveriamo di zucchero a velo e… buona merenda!

Dalla merenda alla pizza il passo è breve con Gabriele Bonci, che oggi propone la focaccia con il farro, usando per l’impasto 1 kg di farina di farro, 700 gr di acqua, 4 gr di lievito di birra in polvere, impastiamo e uniamo 18 gr di sale continuando ad impastare bene fino a quando l’impasto tende a staccarsi dalla ciotola, poi uniamo un goccio di olio di oliva e continuiamo ad impastare fino ad ottenere un composto omogeo. Facciamo lievitare per 4/5 ore, stendiamo massaggiandola bene al centro aiutandoci con della farina, la stendiamo su una teglia, mettiamo sopra delle patate lessate e schiacciate con lo schiacciapatate, un giro di olio ectravergine, un pizzico di sale e inforniamo. La tagliamo a spicchi, mettiamo sopra delle acciughe marinate, un po’ di insalata di puntarelle, un po’ di sale e pepe e …buon appetito!

Carlo Cambi è pronto ad ospitare nella sua rubrica dedicata a L’Italia che ci piace l’imprenditore Massimo Mancini, marchigiano da Monte San Pietrangelo ed è un produttore di pasta. La passione gli è nata studiando la filiera del grano duro all’università e in seguito ha deciso di trasformare in pasta il grano che l’azienda della sua famiglia produceva. La particolarità di questa pasta è che viene essicata per due giorni e non per quattro ore come accade di solito e che viene sottoposta ad una filiera completa.

Altro aspetto importante è la conservazione del grano, inoltre sulle confezioni della pasta da lui prodotta troviamo l’anno di coltivazione del grano. E Carlo propone con la psta una ricetta veloce: 300 gr di pasta lessata a metà, la condiamo con un po’ di salsa di pomodoro, la mettiamo in una pirofila alternando strati di pasta a della salsiccia stufata conla  cipolla,  delle fettine di mozzarella fiordilatte, inforniamo per 15 minuti a 170° e scopriamo tutto il sapore del grano.

Il momento più atteso, quello del dolce, preparato quest’oggi dalle abile mani di Sal De Riso, che propone una torta golosissima: la torta di mele alle noci e mandarino. Prepariamo la pasta frolla con 1 kg di farina, 600 gr di burro, 400 gr di zucchero, 6 tuorli d’uovo, un uovo intero, la bacca di una vaniglia del Madagrascar, impastiamo, la facciamo riposare e poi la tiriamo dello spessore di mezzo centimetro e ci foderiamo una tortiera. Intanto, prepariamo la marmellata di mandarino mettendo in un pentolino 1 kg di mandarini, mezzo chilo di zucchero e lasciamo che raggiunga la temperatura di 110° centigradi; frulliamo e otteniamo la marmellata di mandarini aggiungendo infine la buccia tagliata a pezzettini. Sbucciamo e tagliamo a fettine delle mele (anurche o quelle che preferite) e le mettiamo in una ciotola con un po’ di zucchero, di succo di limone e un pizzico di cannella.

Prepariamo la crema alle noci, mettendo in una ciotola 200 gr di burro e 200 gr di zucchero semolato e amalgamiamo con la frusta elettrica; aggiungiamo 150 gr di uova (circa tre) e continuiamo a montare, uniamo 200 gr di noci tritate, 25 gr di amido, un pizzico di cannella e amalgamiamo tutto con la frusta elettrica, unendo per ultimo la vaniglia. Prendiamo la tortiera e spalmiamo sulla base di pasta frolla la marmellata di mandarino, mettiamo sopra qualche gheriglio di noce, aggiungiamo la crema alle noci, disponiamo sopra le fettine di mele, un pizzico di cannella e inforniamo. Guarniamo spalmando con una gelatina neutra con profumo di bucce di mele (facciamo legare lo zucchero con la peptina e le bucce di mele e limone bollite). Buon appetito!

Infine il timone torna ad Antonella per la gara dei cuochi che oggi vede nel pomodoro Melba Ruffo con Michele Potenza e nel peperone Antonella Martinelli con Renato Salvatori. Ravioli ripieni di radicchio e robiola con ragu di zucchina e picchettine di pollo e agrumi con cicoria stufata oppure mezzemaniche con carciofi e mentuccia e gateau di patate con speck, parmigiano e besciamella croccante di noci?

Si chiacchera e si parla con l’attrice e l’autrice tv che parlano della loro vita e del loro lavoro ripercorrendo la loro carriera e facendo passare così le ricette in secondo piano, come giusto che sia nella puntata del sabato. Il pubblico in studio decreta che a vincere, con il 67% di preferenze, sia la squadra del peperone.

A lunedì con La prova del cuoco.