La prova del cuoco – Puntata del 16/01/2013 – “Chi batterà lo chef?” e tante ricette.

Oggi mi sono vestita da pioggia perchè piove!“; Antonella non nasconde il suo entusiasmo per le condizioni climatiche avverse, ma ricorda con nostalgia la maxi nevicata dello scorso anno… “Hanno sfidato la neve, la pioggia e il vento” ed ora sfidano lo chef, Gilberto Rossi, nella nuova manche di Chi batterà lo chef?; sono Barbara e Fabio, due fidanzatini dell’Aquila.

A causa di problemi tecnici (maledetto maltempo!), il resto della puntata sarà disponibile appena possibile. Ci scusiamo e vi invitiamo a restare con noi.

Visto che siamo in inverno e dobbiamo usare le verdure di stagione, usiamo il cavolfiore“; Anna Moroni, assistita da Carlo Cambi, propone la ricetta “salva-euro“, un primo piatto ideato dalle abili cuoche siciliane, rigatoni al cavolfiore, o meglio, pasta coi broccoli ‘arriminati‘.

Lessiamo il cavolo e nella stessa acqua buttiamo la pasta. Intanto, soffriggiamo la cipolla e, una volta appassita, aggiungiamo le sardine salate, che facciamo sciogliere, l’uvetta ed i pinoli. Allunghiamo con un po’ di acqua di cottura dei cavolfiori ed aggiungiamo quest’ultimi, schiacciandoli un po’ con il mestolo. Condiamo la pasta e completiamo con del pecorino grattugiato. Antonella non rinuncia all’assaggio: “da contratto mi tocca assaggiare“.

Si balla con Sergio Barzetti, che anche quest’oggi propone una ricetta tratta dal suo ultimo libro, scritto insieme ad Antonella ed Alessandra Spisni, quella dei cuori di carciofo farciti e fritti.

Frulliamo il prosciutto con la ricotta di pecora, il parmigiano grattugiato ed il prezzemolo. Per insaporire la ricotta, la stessa che andiamo a frullare, la mettiamo in una pirofila, spolveriamo con scorza di arancia grattugiata, prezzemolo ed inforniamo per 25 minuti. Puliamo il carciofo, arrivando al cuore; lo passiamo in acqua e prezzemolo e lo priviamo della barbetta. Mettiamo a cuocere il carciofo in acqua, alloro e prezzemolo. Farciamo il carciofo con l’impasto di prosciutto e ricotta. Lo passiamo nell’uovo e nel pangrattato. Friggiamo in olio di arachidi.