Gerry Scotti prepara un game su Ruzzle e la moglie di Bonolis ironizza: “e Paolo si ostina a inventare programmi…”

Se Giancarlo Leone, direttore di Raiuno, a margine della conferenza stampa di presentazione della nuova edizione de I migliori anni, ha rivelato l’intenzione di testare nuovi format per il preserale di Rai1, fermo a L’Eredità da un decennio; Canale5 pensa ad un format che possa rendere ancor più dinamica la programmazione messa a punto per una fascia di grande importanza strategica, il preserale. Oltre ad Avanti un altro! e The Money Drop, dopo Il Braccio e la Mente, Canale5 si propone di costruire un programma su Ruzzle, il gioco di parole per Smartphone che coinvolge oltre 16milioni di utenti, in tutto il mondo. A condurlo, manco a dirlo, potrebbe essere Gerry Scotti, che a TgCom24 rivela:

Abbiamo già contattato la società che produce Ruzzle per trasformarlo in un nuovo format. In questo periodo in cui l’idiozia pare dominare, un gioco che usa le parole non può che fare bene a tutti.

Un Passaparola del terzo millennio, dunque, sintesi perfetta dei “miei due giochi del cuore: i cruciverba e il quiz televisivo ‘Paroliamo’. Penso che si possa sviluppare in tv, per questo sto già lavorando al progetto. Potrebbe diventare una gara a due o a quattro concorrenti, vediamo”. Tuttavia, Scotti non ha problemi ad ammettere la sua estraneità al mondo di Ruzzle: “Non amo nascondermi in una vita virtuale. Preferisco parlare dal vivo con la gente, guardandola in faccia. Ma capisco che proprio il fatto di sfidare anche sconosciuti possa intrigare. E poi i ragazzini sono affascinati per forza di cose da tutto ciò che è tecnologico”. Una che invece, anche nella “vita virtuale“, non le manda a dire, è Sonia Brugi, moglie di Paolo Bonolis, che nel commentare la notizia in questione, su Twitter, ha commentato sarcastica: “E Paolo che ancora si ostina ad inventarsi i programmi”.