La prova del cuoco – Puntata del 21/01/2013 – Spisni, Mainardi, Moroni e…

Anteprima con Anna Moroni intenta a consigliare come fare delle buone crocchette di patate: lessiamo el patate con la buccia, le schiacciamo con lo schiacciapatate e le lasciamo raffreddare. Poi uniamo un uovo intero e rossi (a seconda della quantità di patate), un po’ di parmigiano, di rpezzemolo e di sale. Amalgamiamo, formiamo le crocchette, le impaniamo passandole nella farina, nell’uovo e nel pangrattato e le friggiamo nell’olio profondo di arachidi. Sigla e Antonella raggiunge il maestro, che sfoggia una cravatta arancione raccapricciante e “fuori stagione“, anche se, come nota Antonella, è difficile capire in quale stagione siamo: “è iniziato che c’era il sole, adesso dei nuvoloni, non si capisce…“. La conduttrice ricorda l’ottantesimo compleanno di Beppe Bigazzi e si augura di poterlo invitare, presto. Una che non risente del trascorrere del tempo è la scoppiettante Alessandra Spisni; Antonella domanda: “ma dove la trovi tutta sta energia?“; la cuoca replica: “ma va, che anche tu sei… è che tu balli meno e fai altre cose...”; Antonella: “guarda che tutti pensano male!“. Alessandra prepara dei triangoli di carne con salsa. Ecco gli ingredienti.

Facciamo la sfoglia per i triangoli, impastando 3 uova e 300 gr di farina; prepariamo il ripieno facendo sciogliere in una padella il burro, aggiungendoci la polpa di vitello che prima passiamo nella farina, facciamo rosolare bene, sfumiamo con il vino rosso che lasciamo evaporare, aggiungiamo le patate e la carota tagliati a pezzetti, lo scalogno intero, l’alloro, aggiungiamo il brodo matto e lasciamo cuocere per circa due ore. Una volta cotta, tritiamo la carne finemente e frulliamo anche la salsa rimasta. Stendiamo la sfoglia, la farciamo con la carne tritata e chiudiamo formando dei raviolini a triangolo, prima li sbianchiamo e poi li cuociamo nell’acqua bollente e salata. Li condiamo con il fondo di cottura, a cui aggiungiamo un po’ di burro e di salsa di pomodoro e… buon appetito!

Antonella raggiunge Anna Moroni, pronta a servire un delizioso dolcetto, ma ha ancora in bocca il sapore del taleggio: “ma cos’è questa polenta col taleggio!“, commenta estasiata. A proposito della torta preparata da Annina, la tortionata, Antonella racconta: “la faceva anche mia mamma, che non era tanto brava in cucina. Come me“.

Mescoliamo l’uovo con lo zucchero… non si capisce come, ma le due si trovano a parlare di ciucci, “Maelle mi ha detto lo butterà a 4 anni“, racconta Antonella. Aggiungiamo il burro, le mandorle e la scorza di limone grattugiata. Quindi incorporiamo la farina e mescoliamo: l’impasto non verrà omogeneo, ma ‘sbriciolato’, non preoccupatevi. Appiattite l’impasto sul fondo di una teglia imburrata o foderata con carta forno. Inforniamo a 180° per 25-30 minuti. Antonella consiglia di pucciarla nel caffelatte.

Entriamo nell’intimità di Casa Clerici per preparare, insieme ad Antonella, gli involtini di pollo alla zucca. Ingredienti: 4 fette di petto di pollo, 300 gr di zucca pulita, mezzo bicchiere di vino bianco, mezzo cucchiaino di curry, olio extravergine qb, sale e pepe qb.

Tagliamo la zucca a fette spesse circa mezzo centimetro, ricaviamo dei rettangoli e li tagliamo a pezzetti più piccoli. Scaldiamo una padella o una bistecchiera e arrostiamo la zucca per 4 – 5 minuti per lato. Frulliamo, saliamo, pepiamo e condiamo con un pochino di olio. Battiamo le fette di pollo, saliamo e pepiamo, spalmiamo sopra ogni fetta un cucchiaio di crema di zucca, arrotoliamo e chiudiamo con degli stecchini. Rosoliamo gli involtini in una padella antiaderente con un goccio di olio. Una volta che hanno fatto una crosticina dorata sfumiamo con il vino, aggiungiamo il curry e facciamo cucoere per 15 – 20 minuti. Serviamo con insalata a paicere e invidia belga saltata in padella.

Si passa alla ricetta “sciuè sciuè” di Annina, una deliziosa torta di radicchio. Occorreranno:

Prepariamo la pasta, mescolando alla farina il lievito ed il sale. Impastiamo con sei cucchiai di olio e l’acqua. Possiamo utilizzare anche delle sfoglie già pronte: la frolla, la pasta sfoglia e quant’altro troviamo al supermercato. Facciamo appassire la cipolla in padella, con un filo d’olio; quindi aggiungiamo il radicchio. Stendiamo la pasta su una teglia oliata, alzando un po’ i bordi. Copriamo con un foglio di carta forno e mettiamo a cuocere in forno per 20 minuti a 180°. Una volta cotta, disponiamo sulla superficie il radicchio saltato, il formaggio e le olive, quindi inforniamo per altri 10 minuti.