Sanremo 2013, le canzoni: “E se poi” di Malika Ayane.

Malika Ayane nasce a Milano nel 1984, dove frequenta il Conservatorio Giuseppe Verdi dal 1995 al 2001, in cui ha studiato il violoncello. Nel 2008, pubblica il suo primo album, che porta il suo nome, da cui vengono tratti diversi brani, tra cui Feeling better, tormentone di quell’estate, e tante collaborazioni con PacificoPaolo Conte Giuliano Sangiorgi.  Nel 2009 partecipa per la prima volta al Festival di Sanremo col brano Come foglie, scritto da Sangiorgi, vincendo il Premio Radio e TV. Nel 2010 partecipa ancora una volta a Sanremo col brano Ricomincio da qui, in cui collabora di nuovo con Pacifico. La sua eliminazione fu fortemente contestata dall’orchestra, che gettò gli spartiti sul palco. A settembre è uscito il suo ultimo album Ricreazione, da cui sono stati tratti brani come Tre cose Il tempo non inganna.

Partecipa al 63° Festival di Sanremo con due brani: Niente (qui il testo e la biografia della cantante)  e E se poi. Di seguito il testo della seconda.

E se poi
Capissi che
Tutto è uguale a prima
E come prima
Mi sentissi inutile
Io non ho mai
Pensato se
Anche l’abitudine
E’ un bel posto
Per ritrovare me
Ma senza di noi
Ho ancora
Quella strana voglia di
Sentirmi sola
Senza di noi
Ma non da ora
Se non altro per vederti
Andar via ancora
E se mai
Cercassi te
Sarebbe per paura
E la paura è sempre quella
Avvincere
E tu non puoi
Far finta che
Niente sia cambiato
Dopo il cuore che ho strappato
Via da te
Ma senza di noi
Ho ancora
Quella strana voglia di
Sentirmi sola
Senza di noi
Ma non da ora
Se non altro per vederti
Andar via ancora
Senza di noi
Ho ancora
Quella smania di fuggire via da sola
Ma senza di noi
Chi vola?
Sono solo ali e piume
E nient’altro ancora
Certo
Che non apprezzo il tempo
Passato insieme a spasso
Tra questo mondo e un altro
Per trovare l’universo
Adatto al nostro spazio
Ogni giorno più stretto
Per contenere i sogni
Tutti dentro ad un cassetto
Ed ecco perché scappo
Ora ricordo e scappo
Ho solo tanta voglia
Di sentirmi viva adesso
Ma senza di noi
Ho ancora
Quella strana voglia di
Sentirmi sola
Senza di noi
Non ora
Se non altro per vedermi
Andar via ancora
Certo
che non apprezzo il tempo
Passato insieme a spasso
Tra questo mondo e un altro
Per trovare l’universo
Adatto al nostro spazio
Ogni giorno più stretto
Per contenere i sogni
Tutti dentro ad un cassetto
Ed è ecco perché scappo
Ora ricordo e scappo
Certo
Che non apprezzo il tempo
Tu restami un po’ addosso.