La prova del cuoco – Puntata del 13/02/2013 – “Chi batterà lo chef?”, Sergio Barzetti e…

Nell’anteprima, uno spettatore domanda alla dottoressa Sara Farnetti se, saltuariamente, è concesso di gustare della panna montata: si può, seppur con moderazione e, magari, in vece di un altro dolce. Anche il Carnevale è passato e le coloratissime decorazioni sono scomparse: “oggi è il primo giorno delle ceneri, cercheremo di mangiare di magro“; anticipa Antonella, che si lascia andare a qualche considerazione su Sanremo: “sono felice per il successo, perchè è un successo di Rai1“. Si parte con Chi batterà lo chef? Gilberto Rossi mantiene saldo lo scettro del campione da innumerevoli settimane ed il montepremi è lievitato a 7mila euro. Provano a battere lo chef due innamorati, Francesco ed Eloisa; i loro ingredienti: maggiorana, farina, uova, mollica di pane, vino bianco, gamberi, pistacchi, concentrato di pomodoro, zenzero, bische di gamberi, carciofi. Heinz Beck impone un ultimo ingrediente, la salsa di soia. I ragazzi propongono dei cuori ripieni di gamberi e pistacchi di Bronte, lo chef risponde con dei tagliolini rossi con gamberi e carciofi.

I due ragazzi vengono dalla Sicilia; Francesco insegnava in un istituto alberghiero, Eloisa era una sua allieva. E’ sbocciata la passione e hanno deciso di fidanzarsi. Francesco ha una storia tragica alle spalle: ha perso il padre a 10 anni, la madre a 20 anni. Tuttavia, il ragazzo può contare sull’affetto di 3 fratelli. Al termine della gara, Francesco legge una missiva all’amata: le chiede di sposarlo! Antonella torna indietro nel tempo, al suo vecchio programma, Adesso Sposamile sorelle Landra assistono commosse. Manco fosse concordato, Heinz premia i due piccioncini, che così potranno contare su un gruzzoletto per cominciare la loro vita a due.

Antonella raggiunge le indomite sorelle Landra, che si dicono commosse da quanto visto. La conduttrice ribadisce la sua passione per i programmi sentimentali, oltre che culinari, ma le cuoche incalzano: “partiamo subito: abbiamo poco tempo perchè Francesco ci ha tolto la scena!“. Le cuoche preparano la cernia alla ligure.

Sfilettiamo il pesce e lo saltiamo in padella, in abbondante olio, lo stesso in cui abbiamo rosolato uno spicchio d’aglio. Antonella, in vista di San Valentino, interroga le sue ospiti sui loro trascorsi amorosi. Aggiungiamo in padella delle olive taggiasche, dopo qualche minuto sfumiamo col vino bianco. Ricaviamo dei cuoricini dalle patate e le lessiamo in acqua e polvere tandoori. Cuociamo anche le zucchine, con olio ed aglio. Quindi componiamo il piatto, profumando con della maggiorana. Un secondo perfetto per il vostro San Valentino!

Visitiamo L’Italia che ci piace, insieme ad una guida d’eccezione, Carlo Cambi. Davide Orlando è l’ospite dello spazio dedicato alle eccellenze nostrane: si occupa della coltivazione di mandorle, elemento principe della cucina siciliana, la terra in cui vive ed è cresciuto Davide. Anna Moroni, nell’intento di celebrare le mandorle, prepara delle deliziose tagliatelle ricotta e mandorle.

Saltiamo lo scalogno con un po’ di burro; aggiungiamo il radicchio e lasciamo che appassisca. Sfumiamo con del vino bianco ed aspettiamo che evapori. Quindi uniamo le mandorle pestate ed un po’ di ricotta. Cuociamo le tagliatelle e le saltiamo in padella con il condimento ottenuto.

E’ di Varese, ma quel “pazzo di Barzetti” cucina un piatto tipicamente siciliano, la caponata in agrodolce. Trovate la ricetta del piatto in questione a pag 216 del libro de La prova del cuoco.

Massaggiamo la melanzana con dell’olio e la inforniamo a 180° per 25 minuti. Una volta cotta, la priviamo della buccia e la tagliamo a tocchetti la polpa. Strofiniamo i crostini di pane con delle foglie di basilico. Tostiamo i pinoli in olio caldo. Intanto, caramelliamo le cipolle di tropea: le affettiamo, le saltiamo in padella con dell’olio, una foglia di alloro ed un pizzico di sale; lasciamo cuocere coperto per circa 10 minuti; aggiungiamo dello zucchero di canna e sfumiamo con il succo d’arancia. Facciamo appassire in padella, con un filo d’olio, del sedano tagliato a tocchetti, insieme alle zucchine ed alle olive taggiasche. Quindi uniamo le varie componenti: pomodorini (tagliati a metà), cipolle, zucchine, melanzane e qualche foglia di basilico. Uniamo i pinoli tostati e lasciamo macerare per qualche ora prima di servire.