La prova del cuoco – Puntata del 16/02/2013 – Ricette e rubriche.

Nell’anteprima, Anna Moroni è intenta a spiegare come fare degli ottimi finocchi gratinati: tutte le verdure di stagione (carote, rape, barbabietole, carciofi) si possono  gratinare. Prima si lessano nell’acqua, lasciandoli però per pochi minuti; quindi li mettiamo in una pirofila, con sopra la besciamella (a cui, facoltativamente, aggiungiamo un tuorlo d’uovo), spolveriamo con abbondante parmigiano e inforniamo a 200° per circa 10/15 minuti, fino a quando si è formata una bella crosticina.

Accolta dal pubblico di bambini, Antonella percorre lo studio sulle note della sigla, sino a raggiungere Claudio Lippi a cui cede le redini del programma, per la prima ora. Si parte con una nuova sfida del torneo che incoronerà la casalinga o il casalingo dell’anno. A confrontarsi abbiamo Alfonso Cascioli di Teramo, che propone gli spaghetti alla chitarra con zafferano e vongole, e la signora Teresa Martinez Navarro di Mirandola, che propone il lomo saltado. Teresa, originaria del Perù, è in Italia da 26 anni, ha vissuto molti anni a Napoli e ora, da oltre dieci anni, vive a  Mirandola, località fortemente colpita dal terremoto dello scorso maggio; racconta del momento difficile vissuto da lei e dalla sua famiglia, che vive ancora in un container, in quanto la sua casa, come tante altre, è stata danneggiata dal sisma.

Alfonso, invece, originario di Teramo, vive da ormai 22 anni a Bologna, è tecnico di radiologia ed è sposato. La sua curiosità è quella di essere vegetariano da vent’anni e quindi di cucinare senza assaggiare nulla. Siamo al momento dei giudizi e il compito spetta, come sempre, alle tre signorine buonasera, ossia Rosanna Vaudetti, Nicoletta Orsomando e Mariolina Cannuli, che dopo aver osservato e assaggiato tutto sono pronte per votare. Alfonso ottiene 8 -8 -8 , mentre Teresa totalizza 10 – 9 – 9. A passare il turno, quindi, con 28  punti è Teresa.

Anna Moroni è pronta a scatenarsi sulle note della canzoncina “domenica è sempre domenica“, che introduce la sua ricetta della domenica, quella dei bocconcini di vitello con pancetta. Ecco gli ingredienti.

Togliamo la pelle ai pomodori e li tagliamo a fettine sottili, mettiamo il macinato in una terrina e lo condiamo con sale e pepe. Prendiamo le fettine di carne di vitello, devono essere sottili, e, su ogni fetta, disponiamo una fetta di lardo, un po’ di macinato di carne e formiamo dei fagottini, legandoli con lo spago.

 Tagliamo i funghi champignon a pezzetti e li saltiamo in padella con olio e burro, saliamo e lasciamo cuocere. In un’altra padella scaldiamo un goccio di olio, aggiungiamo la cipolla affettata finemente, la facciamo soffriggere, unendo anche la pancetta affumicata a pezzetti; rosoliamo bene ed aggiungiamo i fagottini di carne. Una volta rosolati, sfumiamo con il vino bianco, facciamo evaporare, aggiungiamo i pomodori e lasciamo cuocere per circa 30 minuti. Una volta cotti ,uniamo i funghi, il timo e scaldiamo il tutto insieme. Impiattiamo e… buon appetito!

Sal De Riso si accinge a preparare uno dei suoi straordinari dolci: la torta Saint Honore, un classico della pasticceria internazionale, famoso in tutto il mondo. Un dolce nato nel 1846, in onore di Sant’Onorato, protettore di tutti i pasticceri, fatto di pasta sfoglia, pan di Spagna, bignè caramellato e creme al cioccolato e vaniglia. Partiamo con il preparare una crema pasticcera classica, che facciamo con 18 tuorli d’uovo, 700 gr di latte fresco, 300 gr di panna fresca, la polpa di una bacca di vaniglia, 60 gr di amido di mais, 300 gr di zucchero; trasferiamo sul fuoco e, una volta raffreddata, alleggeriamo con panna montata, a cui aggiungiamo 35 gr di zucchero.

Cuociamo due dischi di pasta sfoglia, in un cerchio, ne mettiamo uno alla base, spalmiamo sopra la crema e della granella di cioccolato fondente. Prepariamo la crema al cioccolato amalgamando 150 gr di cioccolato fondente fuso, 80 gr di panna liquida tiepida, un po’ di crema pasticcera, emulsioniamo con la panna montata. Proseguiamo nella composizione della torta, mettendo sopra un po’ di buccia di arancia candita, un disco di pan di Spagna inzuppato con liquore a piacere (all’arancio, o limone o vaniglia), un secondo strato di crema pasticcera, altre gocce di cioccolato fondente. Chiudiamo con l’altro disco di pasta sfoglia, spalmiamo sopra altra crema pasticcera.

Decoriamo, mettendo tutto intorno delle sfogliette di pasta sfoglia cosparse di zucchero e, sopra la torta, disponiamo dei bignè che farciamo con la stessa crema e intingiamo nel caramello caldo. In mezzo, facciamo dei fiocchetti alternati di crema pasticcera e di crema al cioccolato, ultimiamo con panna montata. Buon appetito!

Infine il ritorno di Antonella per la gara dei cuochi che questa volta vede nel pomodoro Marco Bottega con Massimo Lopez e nel peperone GianPiero Fava con Giò Di Tonno. Penne al ragù di maiale con porri e provolone e filetto di maiale con carciofi e porri fritti oppure fusilli colorati con salmone affumicato e gamberi e cupola farcita di ricotta e arance?

La gara, tra la goliardia dei sue ospiti, scorre simpaticamente parlando della carriera dei due artisti che raccontano aneddoti e curiosità. La gara viene vinta, per decisione del pubblico in studio, dalla squadra del pomodoro, con il 58% di preferenze.

A lunedì con La prova del cuoco.