La prova del cuoco – Puntata del 19/02/2013 – “Anna contro tutte”, Sergio Barzetti, Augusto Tocci, Gino Sorbillo.

Nell’anteprima, Sergio Barzetti svela il trucco per montare gli albumi a neve: gli albumi devono essere freschi, vanno tenuti a temperatura ambiente prima di essere montati, inoltre va aggiunta qualche goccia di limone e un pizzico di sale. La sigla, Antonella raggiunge al pianoforte Andrea, confessandogli, tra le risate, che oggi ha la luna. Andrea intona “Meraviglioso” e Antonella fa i complimenti a Fiorellino per gli ascolti da Sanremo (oltre 10milioni) fatti registrare ieri sera, con la messa in onda della prima parte della fiction Volare.

Partiamo con un nuovo duello tra Anna Moroni ed una casalinga, nello spazio Anna contro tutte. A sfidare la cuoca, oggi, la signora Maria Teresa Meo, romana; il tema della sfida è la carbonara. La sfidante propone le pappardelle di  frutti rossi alla carbonara, mentre Annina risponde con i ravioli alla carbonara con broccoli siciliani, prendendo spunto da un grande chef che lei conosce, ossia Heinz Beck. “Uno qualsiasi”, osserva Antonella sarcastica. 

Maria Teresa impasta la farina con le uova ed un pizzico di sale. Cuoce i frutti rossi in padella, poi li frulla con il mixer e li aggiunge all’impasto, ottenendo quindi la pasta ai frutti rossi. Stende la pasta, ricava le pappardelle. In una padella, rosola del prosciutto crudo tagliato a listarelle con un goccio di olio, poi sfuma con la birra belga. Adesso in una ciotola sbatte le uova, aggiunge il grana.

Lessa le pappardelle, le scola e le mette a mantecare nella padella con il prosciutto. Condisce unendo anche le uova e impiatta. Maria Teresa accompagna il piatto con polpettine preparate con uova sode schiacciate, formaggio grana e del pepe, infine fritte in abbondante olio.

Anna parte dal ripieno per la carbonara: mette in una ciotola tre rossi d’uovo, li montia a bagnomaria, poi unisce il grana e la panna montata, un pizzico di pepe bianco e lascia riposare in frigorifero. Per la pasta dei ravioli amalgama farina, semola di grano duro, due rossi, un uovo intero e un po’ di acqua.

Tagliamo il guanciale a pezzetti, lo saltiamo in padella con l’olio e sfumiamo con il vino bianco. Lessiamo i broccoli siciliani, li ripassiamo in padella per farli insaporire, poi li frulliamo e li passiamo con il passaverdure. Stendiamo la sfoglia per i ravioli, farciamo con il ripieno freddo di frigorifero, chiudiamo e li lessiamo, li scoliamo nel guanciale e amalgamiamo tutto. Serviamo con la passata di broccoli siciliani. Buon appetito!

I piatti sono pronti e ai due giurati di oggi, Ambra Romani e Ivano Ricchebono, spetta il compito più arduo, quello di votare dopo averli assaggiati. Maria Teresa ottiene 8 – 8,  mentre Anna ottiene 7 – 8. A vincere è quindi Maria Teresa.

Antonella raggiunge Sergio Barzetti, il maestro in cucina di oggi, che propone una ricetta che non è contenuta nel libro del programma, si tratta della rollata di pollo e polpa di coniglio. Ecco gli ingredienti.

Tagliamo il petto di pollo a fettine, le battiamo con il batticarne, pareggiamo le fettine eliminando i ritagli. Mettiamo nel mixer i ritagli di pollo, le olive taggiasche,il rosmarino, parte delle cosce di coniglio tagliuzzate a bocconcini, parmigiano, un albume d’uovo e frulliamo il tutto. Farciamo le fettine di pollo con il composto fatto, aggiungiamo gli altri bocconcini di cosce di coniglio.

Avvolgiamo chiudendo le bistecche e formando gli involtini e li passiamo nella farina, nelle uova sbattute con un pizzico di sale, poi nel pangrattato a cui abbiamo unito il sesamo e del rosmatino tritato. Le cuociamo in una padella con un goccio di olio. Serviamo gli involtini con la mela ambrosia tagliata a dadini piccoli insieme a del radicchio tagliato finemente, il tutto condito con sale, olio e aceto balsamico. Buon appetito!

Antonella si trasferisce dal gnometto brocione, ossia Augusto Tocci, che oggi propone la torta abbaziale. Mescoliamo insieme del pangrattato, dello zucchero e della cannella, spolveriamo la base di una tortiera con questo composto, mettiamo alla base della torta delle fette di mele e di pere, mettiamo sopra un pochino di uva passa, ancora unos trato di composto di pangratto, cannella e zucchero, un altro strato di fette di mele e pere, concludiamo con il pangrattato, qualche fiocchetto di burro e inforniamo per 30 minuti a forno non esageratamente caldo. Buon appetito!

Adesso ci trasferiamo (idealmente) a Napoli, con le pizze del solare Gino Sorbillo. Titolare della storica pizzeria in via dei Tribunali a Napoli, Gino prepara il classico calzone. Iniziamo dall’impasto, con 1kg e 100 gr di farina doppio 00, 600 gr di acqua del rubinetto, in cui sciogliamo 25 gr di sale, il lievito e uniamo dell’olio extravergine di oliva. Impastiamo, facciamo riposare per bene, e siamo pronti per la fase di staglio, ossia per mozzare l’impasto formando i panetti.

Stendiamo i panetti, facendo attenzione a stendere bene i bordi, mettiamo alla base uno strato di ricotta di Pestum (di bufala), delle fettine o dadini di provola fresca affumicata, del sugo di pomodoro Sammarzano, delle fettine di pancetta, un goccio di olio e aggiungiamo le verdure (le torzelle) passate in acqua e sale, chiudiamo il calzone con le mani ben asciutte e infarinate. Facciamo attenzione a pareggiare i lati e schiacciamo bene i bordi. Mettiamo su una teglia foderata con carta forno, facciamo un buchetto, spennelliamo con olio e pomodoro, mettiamo sopra dei pomodorini, basilico spezzettato e inforniamo per 13/14 minuti. Buon appetito!

Dopo il gioco Fidati di me dove vengono vinte 300 euro indovinando la ricetta mimata che era lo stinco alla birra, ecco la gara dei cuochi che vede nel pomodoro Ambra Romani con Fabiola Luciani e nel peperone Ivano Ricchebono con Massimo Montecchia.

Filetto di maiale lardato con pancetta tesa e cavolo cappuccio rosso stufato e cupcakes cocco e cioccolato (QUI la ricetta) oppure spaghetti con misultin e finocchietto selvatico e gamberoni al cognac su passatina di ceci e peperone? A giudicare i due concorrenti, valutando la loro popolarità, è il televoto del pubblico da casa che decreta che a vincere sia, con il 55% di preferenze, la squadra del peperone.

Ed ora tutti a tavola! E a domani con La prova del cuoco.