Esami tv, la settimana: rimandati il “vanesio” Mentana ed i “morti di fama” Russo e Turchi; promossa “l’aliena” Kasia e Benigni.

Quarto appuntamento con il nostro pagellino, che intende “esaminare” programmi e personaggi della settimana televisiva, senza la presunzione di salire in cattedra, ma con lo spirito di giocare e non seguire le logiche del ciò che andrebbe detto e ciò che sarebbe opportuno evitare di argomentare. In libertà, insomma, e con la giusta dose di ironia.

Un più che sufficiente 21 a “Le iene” che mostra (e non capita mai!) il lato oscuro del cosiddetto mondo dorato della tv, intervistando alcuni vip caduti nel dimenticatoio e nella lotta alla sopravvivenza in questo momento di crisi. Starlette buttate e sfruttate nelle arene e nelle stanze della televisione e poi abbandonate. E poi “er patata” che torna a fare il pescivendolo… ma non lo faceva anche quando recitava?

28 alla bella e brava Kasia Smutniak: e non solo per l’interpretazione della signora Franca nella fiction dedicata a Modugno ma per intelligenza, cuore e carisma durante l’intervista barbarica della Bignardi. Quando bellezza, semplicità e cervello possono coesistere! Un’aliena? “Mistero” è già sulle sue tracce!

30 a Bianca Berlinguer: anima il salotto della diretta elettorale su Rai3 con eleganza, buon senso e sorrisi che smorzano toni e tensione di un pomeriggio all’insegna dei colpi di scena e delle delusioni del pubblico di rete. Quando il buon sangue non mente!

30 e lode a Roberto Benigni: perchè mai parlare di flop? Vediamo il bicchiere mezzo pieno: Rai2 fa un ascolto in linea con la rete ma grazie non al solito telefilmone americano ma alla cultura “made in italy“. E intanto l’uomo di “Johnny Stecchino” non prende mai… una stecca!

Sarà banale farlo… ma non farlo sarebbe un errore imperdonabile! Cosa? Bocciare (o rimandare…a casa!); chi? Scopriamolo.

I giurati di Masterchef: supponenti, divi (ma de che?), insostenibili. E’ vero, seguono un copione ma per essere cosi credibili c’è da pensare a ragione che siano dotati di tanto “talento naturale“! Se per migliorare ci fosse davvero bisogno dei loro consigli, pensieri e opinioni… allora viva la pasta al burro!

Enrico Mentana: insopportabilmente vanesio e prolisso, prolisso e ancora prolisso. Ma un bravo giornalista non deve anche saper ascoltare, conoscere i tempi delle domande e delle risposte? Altro che primo premio per la maratona elettorale! Un oro per la maratona… verbale!

Carmen Russo ed Enzo Paolo Turchi: ma ha più fame di latte la piccola Maria o di luci e visibilità i suoi genitori?