La prova del cuoco – Puntata del 23/03/2013 – Torneo casalinghe/i, ricetta della domenica, merenda, dolce.

Nell’anteprima, Anna Moroni è intenta a spiegare in che modo aromattizare la farcia per la pastiera napoletana: usiamo dell’arancia candita (arancia sbollentata tre volte e poi bollita in uno sciroppo di acqua e zucchero), tanta buccia di arancia grattugiata. Di più non aggiunge perchè la sua ricetta della pastiera la proporrà la prossima settimana. Sigla ed ecco Antonella che raggiunge Claudio Lippi, al pianoforte con Andrea, i saluti iniziali e qualche battuta circa la caduta di Antonella (è scivolata da uno sgabello su cui era salita per prendere le patatine) e si parte con un nuovo torneo atto ad eleggere la casalinga o il casalingo dell’anno. Oggi va in scena il primo quarto di finale, che vede confrontarsi Vara Orsini, che prepara le uova al pomodoro con caramelle di pasta sfoglia su salsa di formaggi e Paola Colucci da Roma, che presenta i calamari con ricotta, colatura di alici e scorzette di limone.

Due piatti semplici e veloci: le concorrenti preferiscono utilizzare il loro tempo per parlare e scherzare con Claudio, esibendosi in momenti di grande divertimento. A giudicare, come sempre, è il trio composto dalle ex signorine buonasera, ossia Rosanna Vaudetti, Mariolina Cannuli e Nicoletta Orsomando, che così si esprimono: 7 -6 – 6 per Vara, 9 -9 – 9 per Paola che quindi passa il turno.

Anna Moroni si scatena sulle note di “Domenica è sempre domenica“, il motivetto che introduce la sua ricetta della domenica, quella del coniglio pasquale farcito. Ecco gli ingredienti.

Puliamo i carciofi, li tagliamo a pezzetti e, per non farli annerire, li mettiamo a bagno nell’acqua con un po’ di limone, poi li togliamo e li saltiamo in padella con olio e aglio. Mettiamo a bagno nel latte il pane in cassetta, lo strizziamo, aggiungiamo il prezzemolo, il grana, saliamo, uniamo un uovo e amalgamiamo. Prendiamo la fesa di carne disossata, mettiamo sopra delle fette di prosciutto, il composto fatto, i carciofi, chiudiamo arrotolando e sigillando con lo spago.

Tagliamo a pezzetti abbastanza grandi il sedano, la carota e la cipolla e mettiamo a rosolare in una padella con un goccio di olio, mettiamo anche il rotolo di coniglio a rosolare, facendo sigillare su tutti i lati, sfumiamo con il vino bianco, lasciamo cuocere in padella e trasferiamo il tutto in forno, ultimando la cottura. Tagliamo il rotolo di carne a fette e lo serviamo con il fondo di cottura, che prima frulliamo. Buon appetito!

 E’ il momento della merenda, a proporla, come sempre, è Lorenzo Branchetti, che oggi si cimenta nella preparazione dei bicchierini di cioccofrutta. In un tegamino, a fuoco spento, mettiamo 80 gr di farina, 25 gr di cacao amaro in polvere, un goccio di latte, mescoliamo, eliminando i grumi, accendiamo il fuoco e uniamo altro latte (per un totale di un litro), uniamo 120 gr di zucchero, portiamo ad ebolizzione per 5/6 minuti, facendo addensare.

Trasferiamo il composto in un recipiente, uniamo 80 gr di cioccolato fondente, 80 gr di burro, mescoliamo fino ad ottenere una crema al cioccolato. Riempiamo con la crema dei bicchierini, alla cui alla base mettiamo dei pezzettini di pera e pesca sciroppate. Le mettiamo in frigorifero per una giornata e… buona merenda!

Piccolo spazio (tassa per un disguido successo due anni fa, scaturito da una frase pronunciata da Antonella) per i gestori del famoso Charleston di Modello, che presentano i loro prodotti, tra cui la classica cassata siciliana e un timballo di pesce.

Sal De Riso presenta uno dei suoi straordinari dolci, un classico: la colomba pasquale artigianale. Il pasticcere partenopeo prepara la colomba con il lievito naturale (il lievito madre) e, quindi, senza lievito di birra. Impastiamo 200 gr di farina, 50 gr di burro, 50 gr di lievito naturale, 100 gr di tuorli d’uovo, una bacca di vaniglia, facciamo lievitare il tutto per ben dodici ore a una temperatura di 28°.

Mettiamo l’impasto nella planetaria (non si riesce a farlo a mano) e si aggiungono 100 gr di farina, 120 gr di tuorli (sei tuorli), della vaniglia, 60 gr di zucchero, del miele di acacia o millefiori o di arancio; amalgamiamo il tutto fino ad ottenere una pasta molto elastica. Mettiamo anche della buccia di arancia candita, impastiamo ancora e trasferiamo in uno stampo da colomba. Facciamo lievitare altre sei ore, spalmiamo sopra una glassa di mandorle, decoriamo con mandorle intere, ghiande e inforniamo a 165° per 45 minuti. Buon appetito!

Infine il ritorno di Antonella per la gara dei cuochi che oggi vede nel pomodoro Martino Scarpa con Giorgio Marchesi e nel peperone Simone Loi con Margot Sikabonyi . Tartelletta con carciofi pancetta e crema di gorgonzola (QUI la ricetta) e hamburger di manzo con chips di carciofi oppure orzotto con crema di piselli (QUI la ricetta) e filetti di maccarello scottati con insalatina di spinaci e puntarelle?

E il pubblico in studio, composto per lo più da bambini, decreta che a vincere sia, con il 52% di preferenze, la squadra del peperone.

A lunedì con La prova del cuoco!