La prova del cuoco – Puntata del 28/03/2013 – Campanile italiano, segreti dello chef, ricette.

Sigla ed ecco Antonella, che raggiunge Andrea al pianoforte per i saluti e qualche battuta. Dopo aver appreso che Andrea ha rotto uno specchio e, per questo, si porterà dietro sette anni di sventure, la conduttrice introduce uno speciale Pasqua del Campanile Italiano, arbitrato da Franco Martinetti. A confrontarsi, quest’oggi, il Trentino Alto Adige (Levico Terme, Trento), rappresentato da due amici che propongono lo strudel di verdure e il rosti di capretto e patate, ed il Lazio (Roma), con madre e figlia che preparano i fagottini ala carbonara e i bocconcini di agnello di pane con quenelles di patate aromatiche e carciofi.

Come sempre, giudice della sfida il pubblico da casa attraverso il televoto. vincere è, con il 71% di preferenze, ancora Levico Terme.

E’ il momento di conoscere i segreti dello chef, ossia di Andrea Ribaldone che quest’oggi propone gli agnolotti alla monferrina. Ecco gli ingredienti.

Iniziamo dal ripieno: tagliamo la carne (che non deve essere troppo magra) a bocconcini e la facciamo rosolare in padella con l’olio; sfumiamo con il vino bianco, copriamo e facciamo cuocere per un paio di ore, fino a che la carne risulta ben cotta ma comunque morbida; aggiungiamo a fine cottura gli spinaci. Infine, aggiungiamo anche il riso cotto, in modo che assorba il sughetto di cottura. E’ questo il primo segreto, ossia aggiungere il riso per ottenere un ripieno più morbido. Frulliamo il tutto e prepariamo la sfoglia impastando uova e farina; la tiriamo sottile, la farciamo con il ripieno, chiudiamo e ritagliamo gli agnolotti. Lessiamo gli agnolotti nell’acqua bollente e salata, poi li serviamo senza condimento oppure, ed ecco il secondo segreto, li condiamo con del burro chiarificato e delle foglie di salvia. E buon appetito!

Lenta ed inesorabile“, Antonella raggiunge Natalia Cattelani, la mamma/cuoca provetta, che quest’oggi si propone di festeggiare le festività pasquali preparando la corona pasquale, un piatto indicato per la colazione di Pasqua.

Prepariamo l’impasto con gli ingredienti indicati e lasciamo lievitare. Rompiamo le uova, le sbattiamo, uniamo 3/4 del formaggio e della pancetta, un pizzico di sale ed amalgamiamo. Trasferiamo in una padella e facciamo cuocere, ma non troppo. Stendiamo l’impasto e ne ricaviamo 8 triangoli… Antonella anticipa qualche dettaglio a proposito del suo nuovo programma (ve ne abbiamo parlato ieri). Mettiamo in una ciotola gli asparagi, ma possiamo usare anche altre verdure, ad esempio le zucchine. Disponiamo su una teglia foderata di carta forno i nostri triangoli di pasta, a raggiera. Uniamo la frittatina (che, lo ripetiamo, non deve cuocere molto) agli asparagi. Disponiamo il ripieno sulla parte interna della nostra corona, quindi ripieghamo i ‘raggi’ del nostro sole verso l’interno, spennelliamo con l’uovo sbattuto e disponiamo sopra dell’altro formaggio e della pancetta. Inforniamo per circa mezz’ora.

Anna Moroni, per le sue lezioni di cucina di base, propone una ricetta che, racconta, le preparava sempre la sua mamma, i carciofi in fricassea.

Puliamo, tagliamo finemente i carciofi e li cuociamo in padella per dieci minuti con olio e aglio, aggiungendo del brodo vegetale. Separiamo i bianchi dai rossi dell’uovo, usiamo solo i rossi, a cui uniamo del succo di limone, del parmigiano e del prezzemolo tritato, uniamo anche un goccio di acqua, amalgamiamo bene e mettiamo in padella, cuocendo come fossero uova strapazzate. Uniamo poi i carciofi trifolati, amalgamiamo bene e… buon appetito!