La prova del cuoco – Puntata del 12/04/2013 – “Caccia al cuoco”, la ricetta della Spisni ed il pesce di Pascucci.

La dottoressa Sara Farnetti, nell’anteprima, invita a “bere bene e poco“, soprattutto in sede di aperitivo: evitare bevande zuccherine e superalcolici; meglio un pinzimonio, della frutta secca ed olive. Antonella raggiunge il maestro e lamenta: “siamo un po’ in ritardo, ci hanno la linea tardi“; tradotto: si corre! Ancora provini in diretta, quest’oggi, con Caccia al cuoco 9. A confrontarsi, quest’oggi, Andrea Bertarini, viene dalla provincia di Como e prepara un omaggio al sud, ovvero dei cavatelli di pasta fresca profumati agli agrumi, e Luca Romeo, di Ostia (Roma), presenta dei ravioli di ricotta e limone con calamaretti freschi e fave.

Luca ha solo 20 anni ed è fidanzato da 6 anni, “che bello, speriamo che duri“, commenta Antonella; il ragazzo lavora in un ristorante che propone cucina tradizionale, romana, ma anche d’avanguardia. Andrea proviene da una famiglia di ristoratori, ha lavorato in un ristorante del Canton Ticino insignito di una stella Michelin; anche lui, come Luca, è fidanzato da qualche anno: 13!, “che precoci!“, commenta Paola Ricas.

A giudicare, come sempre, Nicola Santini, Paola Ricas ed il sommelier Luciano Mallozzi. Quest’ultimo, nota che “diventa sempre più complicato“, ma vota Andrea; Nicola esalta le virtù dei due, entrambi disinvolti e divertiti dal contesto, infine premia Andrea; Paola vota Luca, ma il suo voto è ininfluente.  Rivedremo Andrea.

La “maestra – ballerinaAlessandra Spini balla la polka delle sfogline,  prima di preparare un delizioso rotolo di patate.

Schiacciamo le patate; mettiamo un “filone” (non un filo) di olio a scaldare, intanto, tagliamo a listarelle il radicchio, lo condiamo con un trito di salvia, rosmarino, aglio e con del sale e lo mettiamo ad appassire in padella, con il “filone” d’olio. Uniamo alle patate la farina, le uova e condiamo con sale, pepe e noce moscata; come per gli gnocchi, ma con meno farina. In padella, sciogliamo il burro con la farina, aggiungiamo il vino ed il brodo di carne (ma anche vegetale). Uniamo la salsa di vino al radicchio; quindi spegniamo il fuoco ed aggiungiamo i pinoli ed il prezzemolo. Stendiamo l’impasto di patate su un canovaccio bagnato, cospargiamo con del grana grattugiato e mettiamo sopra il composto di radicchio. Formiamo un rotolo e lo tuffiamo, avvolto nel canovaccio, in acqua bollente. Tagliamo a fette, che disponiamo in una pirofila imburrata, spolverando con grana grattugiato e completando con fiocchetti di burro. 10 minuti in forno, a 200° ed ecco pronta la nostra pietanza.

A proposito di gnocchi“, ecco uno gnoccolone, Gabriele Bonci, che quest’oggi presenta uno dei suoi maestri, Sancho, che fa una pizza piena “d’amore“. Quest’oggi, il panettiere propone una pizza tonno e pomodoro. Stendiamo la pasta della pizza su una teglia: ne facciamo due strati, uno sopra l’altro, ed inforniamo. Una volta cotta, la apriamo, stendiamo sopra uno strato di maionese, delle fettine di pomodoro maccarese, del filetto di palamide (pesce azzurro) e del tonno. Chiudiamo con l’altro strato di pizza ed eccola pronta. Antonella non resiste e la addenta…

Andiamo da Gianfranco Pascucci, che come Antonella, addenta la pizza di Sancho. Lo chef stellato prepara una frittata di mare. Rompiamo 9 uova intere, le sbattiamo e le passiamo a setaccio (uno scolapasta). Aggiungiamo alle uova un mestolo di vino bianco, le alici ed i gamberi tagliati a pezzetti, il cipollotto tritato, le favette, il basilico e l’asparagina; senza dimenticare un pizzico di sale. Cuociamo la frittata in padella (Pascucci la arrotola e, poi, la affetta), quindi la serviamo con del cipollotto affettato fine e salsa di alici (alici, aglio ed un po’ d’aceto).