La prova del cuoco – Puntata del 10/05/2013 – “Caccia al cuoco”, Alessandra Spisni.

lpdc1

Sara Farnetti, nell’anteprima, rivela agli spettatori che i limoni con la buccia verde sono più ricchi dei limoni gialli, perchè contengono più vitamina c e citrato. Sigla, Antonella raggiunge Andrea, ricorda l’appuntamento per stasera con “La terra dei cuochi“, anticipando che vedremo il programma che “ha sempre avuto in mente di fare” e si parte con la prima semifinale della nuova serie di Caccia al cuoco. Una rubrica che ha perso parte della sua credibilità, viste le valutazioni spesso dubbie e l’entrata nel cast di concorrenti che non hanno vinto la gara.

lpdc1

A sfidarsi abbiamo Francesca Marsetti della provincia di Brescia, che presenta il raviolo con ricotta di bufala e asparagi con salsa allo zafferano, e Nicola Fedeli, della provincia di Firenze, che propone il calamaretto ripieno di pappa al pomodoro su crema di piselli e bruschetta. Ad osservare e a giudicare i due aspiranti cuochi del programma ci sono Nicola Santini, Paola Ricas e Roberta Begossi che, dopo aver fatto domande, chiesto chiarimenti e aver assaggiato le due proposte, sono pronti per i giudizi. A Ricas è piaciuta molto l’idea di Nicola, ma ha preferito Francesca; Begossi è rimasta entusiasta delle spiegazioni di Francesca, mentre ha trovato Nicola più serio, vota per Francesca; stessa cosa per Santini e quindi Francesca è la prima finalista.

Antonella raggiunge la “sua ballerina preferita“, ossia Alessandra Spisniche questa volta, in occasione della festa della mamma, propone la crostata di ricotta e frutta.

r1

Prepariamo la frolla, impastando farina, zucchero, uova, lievito e un uovo, preoccupandoci di lavorare dapprima i composti solidi, poi i liquidi. Per il ripieno, in una ciotola mettiamo la ricotta, la fecola, lo zucchero, la scorza di un limone, le uova e amalgamiamo. Intanto, laviamo e tagliamo via il picciolo dalle fragole, quindi tagliamo in pezzi abbastanza grandi. Stendiamo la pasta frolla e con questa foderiamo una tortiera da 24cm, che abbiamo precedentemente rivestito con un foglio di carta forno.

lpdc1

Versiamo la crema di ricotta all’interno del guscio di frolla, cospargiamo la superficie con le fragole ed inforniamo a 160°/170° per circa 40 minuti. Intanto, scaldiamo la gelatina di albicocche in un pentolino. Quando la torta è cotta, aspettiamo che raffreddi, la togliamo dallo stampo e la spennelliamo con la gelatina calda. Conserviamo in frigorifero e serviamo con ciuffi di panna montata.

lpdc2

E’ ora il momento di Gabriele Bonci e di Fulvio Marino che questa volta preparano delle focaccette, il pizzino. Iniziamo dall’impasto con 1 kg di farina di grano, 550 gr di acqua, 3 gr e mezza di lievito di birra in polvere e impastiamo tutto. A massa quasi chiusa uniamo 12 gr di sale, impastiamo aggiungendo 60 gr di olio. Facciamo lievitare l’impasto per almeno 18 ore poi dividiamo a pezzi ottenendo come delle mozzarelle.

lpdc1

Facciamo lievitare ancora un’ora, le mettiamo su una teglia schiacciandole leggermente, aggiungiamo un filo di olio, facciamo lievitare ancora 20 minuti e inforniamo per 15 minuti a 240°.  Le serviamo mettendo sopra alternando della carne macinata, fettine di fassona, vitello tonnato, acciuga al bagnetto, ecc. Buon appetito!

lpdc2

Venerdì pesce e significa quindi Gianfranco Pascucci che oggi propone l’insalata di mare.  Mettiamo a bollire il polpo in acqua bollente e salata immergendolo prima tre volte e poi lasciandolo cuocere circa 30 minuti, apriamo le cozze in padella con un filo di olio, lessiamo in acqua bollente e salata anche dei calamari, delle seppie, dei gamberi rossi, degli scampi, insomma crostacei a piacere e dei calamari (solo per 15 secondi per queli piccoli, 30 secondi per quelli grandi).

lpdc

Mettiamo in una ciotola tutti i pesci bolliti, il polpo tagliato a pezzetti, le cozze sgusciate, uniamo dell’insalata di bietole, parmigiano, acciughe e pezzetti di pane all’arancia. Buon appetito!

lpdc1

Guido Martinetti propone un gelato dedicato al libro de Il piccolo principe, che compie 70 anni. Per un gelato da 500 gr, ossia per 4 persone, mette in un pentolino 200 gr di latte, 70 gr di panna fresca, 100 gr di ricotta di pecora, mettiamo sul fuoco miscelando col frullatore ad immersione, uniamo 80 gr di zucchero, un pizzico di bacca di vaniglia, una punta di cucchiaio di farina di carruba, misceliamo sempre ad immersione, facciamo riposare in frigorifero per due ore. Mettiamo tutto nella gelatiera e verso fine mantecata uniamo 40/50 gr di  mandorle caramellate e 7 gr di sesamo. Buon appetito!

lpdc3