Il Segreto: le trame dal 17 al 21 giugno 2013 – Anticipazioni.

s1

Ecco le trame delle puntate de Il Segreto da lunedì 17 a venerdì 21 giugno.

Pepa è sul punto di fuggire con il piccolo Martin, quando lui chiede di Angustias. Così la ragazza ci ripensa e riporta il bambino in casa Montenegro. Angustias si prodiga per ricompensare Pepa. Pepa non accetta ricompense: continua a tormentarsi, cercando di capire come Angustias abbia fatto a mettere le mani sul bambino e in che modo Tristan sia coinvolto nella vicenda. Pepa decide di raccontare tutto a Emilia. Francisca trova un modo per vendicarsi di Raimundo: manomette la diga e impedisce all’acqua di irrigare i campi di proprietà dell’uomo. Francisca continua a tener d’occhio Juan, che per consentire al padre di comprare le medicine che gli servono, sta per fare un’enorme sciocchezza, collaborando con dei contrabbandieri. Angustias sembra essersi ripresa dall’episodio della scomparsa di Martin, ma gli attacchi di panico non la abbandonano…

L’intervento tempestivo di Pepa evita la tragedia: dopo aver spento l’incendio divampato in camera di Angustias, la ragazza presta soccorso a Mariana, ferita dalle fiamme. Francisca intende internare Angustia e cerca di convincere Tristan, che però non ha intenzione di permetterglielo. Ma la Montenegro prosegue nel suo intento e  fa pressioni sul medico perchè dichiari la nuora incapace di intendere. Raimundo ha convocato il comitato per l’irrigazione, per denunciare gli abusi di Francisca, ma nessuno ha il coraggio di mettersi contro la potentissima signora. Tristan cerca un modo per sconfiggere l’infestazione che affligge i terreni di famiglia. Durante un sopralluogo, l’uomo si trova a soccorrere una bracciante che è sul punto di partorire e corre a chiamare Pepa: insieme, i due aiutano la ragazza a mettere al mondo il bambino.

Raimundo è preoccupato, poiché la mancanza d’acqua, trattenuta dalla diga fatta costruire da Francisca, sta mandando in malora il suo raccolto. Soledad, ancora triste per una lite con Juan, si sfoga con Pepa, che le consiglia di lottare per il suo amore. A quel punto i due giovani si riappacificano, ma vengono scoperti da Tristan, che caccia Juan e ordina alla sorella di chiudersi in casa. Raimundo riesce a intervenire prima che la diga sia fatta esplodere con tre candelotti di dinamite. Pepa decide di raccontare tutta la verità a Tristan, ma quando arriva alla tenuta, lo sente promettere a Angustias fedeltà e protezione, quindi decide di tacere, ma rimane decisa a portare via Martin.

Soledad affronta Tristan e lo prega di non riferire a Francisca del suo amore per Juan. Mauricio comunica a Francisca di aver scoperto che tre uomini sono stati alla diga, la sera prima. Raimundo è sempre più demoralizzato: ha evitato che Ramiro e Alfonso facessero saltare in aria la diga, ma ora assiste alla distruzione del suo raccolto. Dopo aver pensato a un gesto disperato, si allontana dalla locanda, lasciando Emilia in apprensione. Angustias peggiora: la donna ha frequenti sbalzi di umore e amnesie. Emilia cerca dappertutto Raimundo: lo trova, mentre guarda appassire le sue piante; ma la pioggia inizia a cadere e c’è dunque ancora spazio per la speranza. Tristan parla con Rosario della storia di Juan e Soledad, i quali intanto hanno deciso di fuggire insieme. Pepa accudisce Angustias, che nel sonno racconta qualcosa che riguarda la notte dell’incendio: nomina più volte Elvira Castro. Donna Francisca fa di tutto per far internare Angustias, cercando di convincere Tristan, il dottore e Pepa, arrivando persino a falsificare le firme sul documento. Angustias trova il certificato d’incapacità d’intendere e di volere e a quel punto pensa di togliersi la vita.

Hipolito ruba il portadocumenti con i progetti del signor Antúnez e lo consegna ad Emilia, che così scopre che la locanda diventerà una grossa fonte di guadagno: il governo, infatti, vuole aprire un locale che porterà molti clienti. Tristan viene a sapere che Soledad vuole fuggire con Juan, quindi glielo impedisce. Soledad spiega a Tristan che suo padre approfittava di lei e che Juan è stato l’unico che le ha dato la forza per andare avanti. Tristan, quindi, parla con Juan, ma non acconsente a far stare la sorella con un poveraccio.